Home » 24 Ore di Le Mans: le 3 auto più bizzarre che hanno partecipato

24 Ore di Le Mans: le 3 auto più bizzarre che hanno partecipato

Le auto più bizzarre che hanno corso nella 24 Ore di Le Mans

Categorie Automotive · Motorsport
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Vittorie, tragedie, trionfi e assurdità. La 24 Ore di Le Mans è un ottimo esempio di sperimentazione nel mondo delle corse, le cui pagine sono piene di drammaticità e innovazione. Le auto da corsa sono macchine da competizione deliberatamente costruite, progettate per estrarre ogni più piccola prestazione possibile rispettando il regolamento. Si può dire con certezza che quasi tutte le serie di campionati hanno almeno una “pecora nera” o un’auto che sembra particolarmente selvaggia nella loro storia, e Le Mans non fa eccezione.

Uno dei motivi per cui a Le Mans abbiamo visto queste auto dall’aspetto diverso deriva dalla ricerca degli ingegneri progettisti, al fine di produrre delle forme più efficienti dal punto di vista aerodinamico. Un altro motivo potrebbe essere l’incorporazione delle ultime soluzioni tecnologiche o di trucchi ingegneristici che sfruttano i punti grigi dei regolamenti. Qualunque sia la vera ragione, quello che è certo è che nel corso degli anni abbiamo avuto auto dall’aspetto particolare ma curioso.

24 Ore di Le Mans: Cadillac Type Series 61 “Le Monstre”

I francesi sono sempre stati stravaganti quando si trattava di gusto nel design automobilistico. Ecco perché quando la Cadillac arrivò a Le Mans negli anni ’50, chiamarono l’auto “Le Monstre. Non c’è altro modo di dirlo, l’auto era assolutamente brutta, soprattutto considerando il fatto che lo stesso anno la Talbot Lago T26 GS vinse, un pezzo di ingegneria dall’aspetto meraviglioso.

Dotata di una struttura in alluminio con telaio tubolare e di una carrozzeria leggera e aerodinamica con un motore V8 assemblato nel 1950, la Cadillac venne subito notata in pista da tutti. L’auto era guidata da Briggs Cunningham, pilota e progettista, che decise di schierare due Cadillac per la gara.

L’ingresso della squadra americana era stato un successo a Le Mans, poiché entrambe le Cadillac riuscirono a finire la gara assicurando alla team un’iscrizione per la stagione successiva. I piloti sono stati notati dalla stampa europea per la loro “abilità, sportività e intrepido buon umore”.

Ardex S80

Con una carrozzeria in fibra di vetro, la S80 divenne un’auto a forma di cuneo e dall’aspetto decisamente aerodinamico. Aveva un motore BMW sei cilindri in linea che si trovava effettivamente al centro dell’auto, accanto al pilota. Grazie alla categoria in cui entrò, l’Ardex non riuscì a qualificarsi per la gara, sebbene fosse lontana dall’auto più lenta in campo.

La bestia da 9.000 giri al minuto e 470 cavalli era dotata di un singolo terminale di scarico curvo e stranamente lungo che passava lungo il lato passeggero dell’auto. Avendo lo scarico così in alto e di lato, si poteva dedicare un maggiore spazio al pacchetto per realizzare l’effetto suolo.

Facendo oscillare due enormi tunnel Venturi, l’auto aveva una forma quasi aliena. La carrozzeria era in sostanza una grande astronave in fibra di vetro. Se le curve davano un vantaggio alla vettura, significava che il famoso rettilineo di Mulsanne era il luogo in cui la vettura avrebbe sofferto, cosa che non si desidera in una gara sul Circuit de la Sarthre.

Nardi Bisiluro 750

All’inizio degli anni ’50, le regole delle corse erano molto più flessibili rispetto ad oggi. Molte case automobilistiche introdussero alcuni concept e design innovativi che sembravano sorprendenti. Ma la Bisiluro era qualcosa di diverso. Da un certo punto di vista, l’auto sembrava una tipica coupé di lusso del dopoguerra. Il nome Bisiluro deriva dalla progettazione a doppio siluro, che vedeva il pilota da un lato della vettura mentre il motore era dall’altro.

Anche se l’auto si fosse comportata bene contro la maggior parte dei team, è stata letteralmente spazzata fuori strada dal vortice d’aria proveniente da una Jaguar D-Type, creando un movimento ad onda dopo essere stata superata.

Fu una fortunata sfortuna quando la vettura si ritirò all’inizio della gara, poiché la curiosa Bisiluro era ben lontana dalla carneficina che costò la vita a 77 persone, quando il cofano della Mercedes-Benz 300 SLR di Levengh schizzò nell’area gremita di spettatori. a seguito di una collisione con il pilota Jaguar Mike Hawthorn. Nel corso dei 100 anni di storia, ci sono state molte auto da corsa a Le Mans, ma di tanto in tanto sono nate alcune sessioni piuttosto ambiziose ed eccentriche, puramente fantastiche di ingegneria e innovazione bizzarra.

https://www.autoevolution.com/news/here-are-3-of-the-wildest-cars-that-raced-the-24-hours-of-le-mans-139017.html

Lascia un commento