Home » Alfa Romeo 75: cosa l’ha resa così speciale?

Alfa Romeo 75: cosa l’ha resa così speciale?

I pro e i contro dell'Alfa Romeo 75. Perché è diventata così famosa e desiderata ai giorni nostri?

Categorie Automotive

Chi non conosce la leggendaria Alfa Romeo 75? In giro si trovano tante immagini, spesso satiriche sul famoso “bagagliaio dell’Alfa 75 nera”, in riferimento a comportamenti non particolarmente puliti delle organizzazioni criminali. Tuttavia i veri appassionati di auto conoscono questa berlina come l’apice del successo del Marchio del Biscione, prima della fusione con il gruppo Fiat, che poi è stata inglobata in FCA, che a sua volta è stata incorporata in Stellantis ad inizio anno.

Ma di fatto, cosa ha reso così speciale quest’auto? In particolare, il telaio di derivazione Alfetta e un design innovativo del motore hanno contribuito al successo della 75. Lo stile di questa berlina ha diviso in due l’opinione pubblica: c’è chi afferma che lo stile dell’auto è sproporzionato con il fatto che nessun pezzo di carrozzeria corrisponde a quello successivo. Tuttavia se consideri esteticamente, i singoli dettagli, l’Alfa Romeo 75 è un’auto affascinante degli anni ’80. Ma diamole un’occhiata più da vicino.

Alfa Romeo 75. Crediti foto: ntmwheels.com
Alfa Romeo 75. Crediti foto: ntmwheels.com

Il motore dell’Alfa Romeo 75

La perfezione è l’unico modo per descrivere le soluzioni adottate per la realizzazione di un motore di livello superiore, per cominciare, a metà del ciclo di vita della 75. L’affidabile motore Twin Cam “Nord” è stato sostituito da un rivoluzionario 4 cilindri “Twin Spark” , con due candele per cilindro che consentono un’accensione più efficiente e fluida aumentando allo stesso tempo la potenza. L’unità Twin Spark aveva anche un altro asso nella manica, una delle prime incarnazioni di VVT (Variable Valve Timing) in assoluto. Il VVT consente di gestire il tempo di incrocio delle valvole, ovvero il periodo di tempo in cui le valvole di aspirazione e scarico erano aperte contemporaneamente.

Senza il VVT, gli ingegneri sceglievano mediamente un tempo di incrocio che rappresentava comunque nella migliore delle ipotesi un compromesso. Infatti, da un lato idealmente converrebbe tenere un incrocio più elevato possibile per sfruttare al massimo l’azione di richiamo della carica fresca nel cilindro. Con l’apertura della valvola di scarico si realizza un’onda di depressione che aiuta a richiamare la carica fresca nel cilindro stesso. Questo, però, come abbiamo detto, avviene in teoria. In diverse condizioni di funzionamento, invece, una parte della miscela aria-carburante che è entrata nel cilindro segue i gas combusti nel condotto di scarico senza passare per la fase di combustione.

Di fatto, si spreca carburante senza ottenere lavoro all’asse del motore. Dunque è chiaro che non si può esagerare né facendo un incrocio elevatissimo, né rendendolo nullo in quanto le valvole per aprirsi e chiudersi impiegano un certo tempo. Qui entrano in gioco la fasatura variabile e i sistemi di VVT, VVA e simili. In questo modo è possibile, non solo regolare quando aprire le valvole, ma anche di quanto: posso effettuare aperture totali o parziali in base alle condizioni di funzionamento del motore.

Il motore twin spark dell'Alfa 75
Il motore twin spark dell’Alfa 75

Durante la produzione di questo modello sono stati apportati miglioramenti anche al leggendario motore Busso, passando da un’unità 2.5 da 160 CV fino ad un motore 3.0 da 192 CV simile a quello montato nell’Alfa Romeo 164. Questo motore ha dato alla 75 una potenza e una colonna sonora, che poche auto potevano vantare. Grazie a questo motore, la 75 poteva coprire l’accelerazione 0-100 km/h in 7.5 secondi circa e toccare una velocità massima di 225 km/h, numeri assolutamente di tutto rispetto considerando l’epoca.

L’aderenza

Guardando l’Alfa Romeo 75 sotto, si può vedere che si tratta essenzialmente solo di un’Alfetta GTV riverniciata, il che significa che il design del transaxle e il sistema di sospensioni De Dion sono mantenuti. Questo era in qualche modo previsto dall’Alfetta GTV in quanto era una coupé/auto sportiva, ma la 75 era una berlina familiare, il che significa che ha completamente cancellato la concorrenza dell’epoca.

La configurazione De-Dion “Dead Axle” è stata scelta per quest’auto in quanto riduce il peso non sospeso rispetto a un Live Axle al posteriore. Inoltre troviamo una sospensione posteriore completamente indipendente in termini di stabilità in quanto non ci sono cambiamenti nella campanatura quando il carico dell’asse viene modificato, consentendo una migliore trazione. L’accoppiamento con un collegamento Watts sopra al ponte De Dion ha permesso ad Alfa di utilizzare molle elicoidali su molle a balestra datate. Ciò elimina il movimento laterale dell’asse portando a stabilità e capacità di manovrabilità notevolmente migliorate.

Come se tutto ciò non bastasse, Alfa installò un differenziale a slittamento limitato nel cambio dei modelli di fascia alta, assicurando che lo slittamento delle ruote non necessario fosse un ricordo del passato quando si sfrecciava attraverso le curve a velocità piuttosto basse.

Gli interni

Gli interni dell'Alfa Romeo 75
Gli interni dell’Alfa Romeo 75

L’Alfa Romeo 75 non era solo un’auto dall’aria particolare all’esterno, ma anche all’interno. Il freno a mano, ad esempio, ha la forma di una U, invece della solita “leva”. Per gli interruttori dei finestrini, Alfa ha pensato che non li avresti voluti tutti nello stesso posto, quindi i pulsanti dei finestrini anteriori sono dove dovrebbero essere, cioè sul tetto! Per completare questa stranezza, Alfa ha deciso di mettere gli interruttori posteriori esattamente dove vorresti, sul bracciolo, così quando vuoi appoggiare il braccio, apri i finestrini posteriori. Bello, no?

Il posizionamento dell’autoradio, messa educatamente, è “inaccessibile” dietro la leva del cambio. L’esilarante centralina Alfa Romeo (un sistema di allarme elettronico degli anni ’80) monitora tutti i sensori dell’auto e decide che c’è qualcosa che non va in loro tutto il tempo, lampeggiando le spie di avvertimento come un albero di Natale. Oh, e le maniglie delle porte richiedono tempo per capire come funzionano.

Tutto questo sulla carta suona come un modo orribile per spendere tempo e denaro, tuttavia, la cosa che rende un appassionato di Alfa è l’amore per stranezze uniche come questa, citandola come carattere piuttosto che come svista. Nella speranza di averti strappato un sorriso, torniamo seri: qui sotto, trovi un video che spiega il perché è un’auto tanto adorata e desiderata ancora oggi, a distanza di 40 anni quasi.

Lascia un commento