Home » Aston Martin DBR22: svelata la nuova V12 con abitacolo aperto

Aston Martin DBR22: svelata la nuova V12 con abitacolo aperto

Il nuovo prototipo rappresenta la base per la divisione Q che realizza Aston Martin uniche su esigenza dei clienti

Categorie Automotive

Aston Martin ha scelto la Monterey Car Week 2022 per svelare per la prima volta la spettacolare DBR22: si tratta di un prototipo a due posti con motore V12, che celebra la straordinaria stirpe del marchio di vetture sportive con abitacolo aperto.

La DBR22, svelata in California, è l’ultimo di una lunga serie di straordinari progetti sapientemente gestiti dalla divisione interna di Aston Martin, chiamata Q. Quest’ultima, quest’anno celebra un decennio di costruzione di auto esclusive per i clienti più esigenti sparsi in giro per il mondo. Commissioni iconiche come l’Aston Martin Victor e versioni speciali a basso volume di produzione come la Vulcan limitata a 24 esemplari in tutto il mondo e la Vantage V600 limitata a soli 14 esemplari, sono gli esempi di queste collaborazioni. Il concept di design DBR22 costituisce la base per i nuovi clienti che vorranno un’auto unica firmata Aston Martin.

Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin
Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin

Unendo lo stile classico della carrozzeria con materiali avanzati e tecnologie di produzione all’avanguardia, la DBR22 è una miscela perfetta di purezza del design, precisione ingegneristica, prestazioni da capogiro e vera passione. Sarà una delle Aston Martin più rare nella ricca storia di 109 anni del marchio inglese. Con proporzioni classiche e curve immacolate e muscolose, la DBR22 parla spudoratamente di tradizione, in particolare la stirpe di Aston Martin a due posti con abitacolo aperto come la DBR1 e la DB3S, ma la esprime con una nuova e dinamica interpretazione di questo tema avvincente.

La DB3S rappresenta un pezzo importante della storia delle competizioni di Aston Martin. Introdotta nel 1953, la vettura di Frank Feeley divenne nota per le sue curve e l’efficienza aerodinamica, affermando l’Aston Martin come un serio contendente a Le Mans e ottenendo alcuni risultati impressionanti lungo il percorso. La DBR1, conosciuta come l’auto sportiva Aston Martin per eccellenza, ha portato il linguaggio del design di Feeley ad un ulteriore passo avanti. È diventata una delle Aston Martin più importanti e influenti di tutti i tempi, vincendo numerose gare importanti, la più famosa ovviamente è stata la 24 Ore di Le Mans nel 1959, guidata da Carroll Shelby e Roy Salvadori, e portando il team Aston Martin alla vittoria finale: vincere il World Sports Car Championship del 1959.

Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin
Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin

Il design dell’Aston Martin DBR22

L’Aston Martin DBR22 mette in mostra una carrozzeria completamente nuova. Una caratteristica particolarmente degna di nota è la griglia anteriore completamente nuova che incorpora un design unico in fibra di carbonio al posto delle solite venature viste sulle Aston Martin di serie. Questo design prende ispirazione direttamente dalle DBR1 e DB3S, conferendo un’identità unica. Attinge chiaramente dall’eredità di Aston Martin ma utilizza questa ispirazione per creare uno stile contemporaneo.

Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin
Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin

Il cofano è dotato di una presa d’aria a ferro di cavallo, incassata per favorire il flusso d’aria dal motore V12 Twin-Turbo da 5,2 litri che si trova al di sotto. Questa linea del cofano lunga e ininterrotta attira lo sguardo verso l’abitacolo, sopra il deflettore d’aria basso e gli specchietti, che sono montati sulla parte superiore delle portiere su sottili supporti in fibra di carbonio.

Troviamo un set di nuovissimi cerchi in lega da 21 pollici caratterizzato da un esclusivo design a 14 razze creato appositamente per la DBR22. I cerchi sono dotati di un mozzo con bloccaggio centrale derivato dagli sport motoristici, disponibile anche in un’ampia gamma di colori. Il concept DBR22 mostra anche un colore della vernice realizzato appositamente per l’occasione utilizzando “Paint to Sample”, un’opzione esclusiva disponibile tramite il programma Q, che dimostra ancora una volta le vaste possibilità di design ottenibili attraverso il servizio su misura del costruttore inglese.

Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin
Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin

L’abitacolo della DBR22 continua la fusione di approcci classici e contemporanei con molti componenti unici e un ampio uso sia di pelle che di fibra di carbonio a vista. Con l’architettura definita dal nuovissimo cruscotto e dagli eleganti display di infotainment, dà il tono a un ambiente pulito e ordinato. Pur prendendo ispirazione dalle auto da competizione Aston Martin, la DBR22 non è una vera auto da corsa nuda e cruda. Pelli morbide e aromatiche avvolgono il cruscotto contemporaneo, i sedili ad alte prestazioni in fibra di carbonio si estendono sopra la parte superiore delle porte per creare un invitante accenno agli interni.

Da dietro i sedili si alzano le protezioni antiribaltamento, che hanno anche il compito di attenuare il flusso d’aria dietro la testa del guidatore e del passeggero. Nella parte posteriore, la DBR22 ha un’inconfondibile grafica luminosa orizzontale grazie alla sottile barra luminosa a tutta larghezza realizzata appositamente per questa vettura. Sotto troviamo un pannello perforato per consentire all’aria calda di uscire dalla coda. Questo pezzo meravigliosamente scultoreo è un altro punto culminante unico del design della Aston Martin DBR22. Insieme al diffusore integrato e alla coppia di terminali di scarico di diametro maggiorato, la DBR22 ha un’incredibile aderenza su strada.

I clienti interessati all’auto possono personalizzarla nel modo in cui più gli aggrada. Oltre ai colori e alle finiture della vernice, alla grafica su misura fino ai materiali su misura sia per gli interni che per gli esterni, ogni vettura Q by Aston Martin può spingere i limiti del design e del desiderio ed è completamente su misura per il cliente.

La scheda tecnica

Grazie a un potente propulsore V12 Twin-Turbo da 5,2 litri, la DBR22 ha una potenza massima di 715 CV e 753 Nm di coppia. L’accelerazione da 0 a 100 km/h viene coperta in 3,4 secondi e raggiunge una velocità massima di 319 km/h. Con abitacolo senza tetto e il 12 cilindri a pochi centimetri dal guidatore, la DBR22 promette un’intensa stimolazione sensoriale.

La DBR22 punta alla vera connessione con l’automobilista, con uno chassis perfezionato per offrire precisione, agilità e tattilità in egual misura. La calibrazione unica del motore e la trasmissione automatica con cambio al volante a 8 velocità utilizzano la modellatura della coppia per conferire alla DBR22 un’erogazione diversa da qualsiasi altro modello.

Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin
Aston Martin DBR22: Crediti foto: Aston Martin

L’attenzione è stata prestata anche alla struttura del telaio del DBR22. Gli esclusivi pannelli anteriore e posteriore aumentano ulteriormente la rigidità torsionale, con una calibrazione su misura per gli ammortizzatori adattivi che fornisce precisione e flessibilità per un mix di controllo della vettura e raffinatezza di guida che renderà la DBR22 un piacere assoluto da guidare, su strada o in pista.

Gli interni - Crediti foto: Aston Martin
Gli interni – Crediti foto: Aston Martin

Il telaio ausiliario è stato stampato in 3D: è la prima volta che Aston Martin utilizza un metodo del genere. Il componente è costituito da più parti stampate in 3D stampate in alluminio, che vengono quindi incollate per formare il telaio ausiliario finito. I vantaggi sono evidenti, con un notevole risparmio di peso e nessuna riduzione della rigidità, oltre alla possibilità di realizzare parti speciali per modelli a bassissimo volume, ove richiesto. L’Aston Martin DBR22 sarà in mostra al Concorso d’Eleganza di Pebble Beach da venerdì 19 a domenica 21 agosto.

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa Aston Martin

Lascia un commento