BMW Garmisch: ricostruita la berlina anni ’70 andata persa

La BMW dà vita nuovamente alla Garmisch, l'auto anni '70 andata persa

BMW Garmisch: ricostruita la berlina anni '70 andata persa
PH: netcarshow.com

La BMW ha sfruttato il Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2019 per svelare la ricreazione della BMW Garmisch, una concept car classica disegnata da Marcello Gandini per Bertone e svanita dopo il suo debutto al Salone di Ginevra nel 1970. Con la nuova auto, BMW rispetta uno dei designer di automobili più influenti d’Italia e aggiunge un capitolo entusiasmante alla storia dell’azienda.

BMW Garmisch: ricostruita la berlina anni '70 andata persa
PH: netcarshow.com

Marcello Gandini per me è uno dei grandi maestri del design automobilistico e le sue macchine sono sempre state un’importante fonte di ispirazione per il mio lavoro“, afferma Adrian van Hooydonk, Vicepresidente senior del BMW Group Design, che è stato incuriosito dalla BMW Garmisch da quando ha scoperto per la prima volta un quadro sbiadito della macchina alcuni anni fa. “Costruire la BMW Garmisch per la seconda volta ci ha dato l’opportunità di rendere omaggio a Gandini, richiamare una delle sue auto meno conosciute ed evidenziare l’influenza stilistica di Bertone sull’evoluzione del design di BMW: per me, solo questo è stato un motivo sufficiente per portare avanti questo progetto – riempiendo le lacune e completando la storia della BMW“.

BMW Garmisch: ricostruita la berlina anni '70 andata persa
PH: netcarshow.com

BMW Garmisch: la storia

Fin dalle origini del marchio, la BMW è stata ispirata e influenzata dalla cultura del design e della carrozzeria. Dall’alluminio leggero per la BMW 328 Mille Miglia creato alla Carrozzeria Touring alla fine degli anni ’30 alla BMW M1 a forma di cuneo progettata da Giorgetto Giugiaro, c’è sempre stato un vitale scambio di idee e concetti attraverso Alps. E proprio come molte altre vetture da esposizione italiane degli anni ’60 e ’70, l’originale BMW Garmisch è stata sviluppata da Bertone come una proposta di design indipendente volta a dimostrare la creatività del marchio. “L’idea originale è venuta dallo stesso Nuccio Bertone che voleva consolidare il nostro rapporto esistente con BMW progettando una macchina da esposizione a sorpresa per il Salone di Ginevra“, ricorda Marcello Gandini, all’epoca responsabile del dipartimento di design di Bertone.

BMW Garmisch: ricostruita la berlina anni '70 andata persa
PH: netcarshow.com

Volevamo creare una coupé moderna di medie dimensioni che fosse fedele al linguaggio di design della BMW, ma che era anche più dinamica e persino un po’ provocatoria“. Mentre il profilo laterale della vettura è molto elegante e pulito, all’anteriore troviamo la griglia radiatore a forma di rene della BMW spigolosa, fiancheggiata da fari quadrati. Altri dettagli inusuali includono le feritoie sui montanti C e la copertura in rete a nido d’ape per il lunotto, un elemento distintivo dello stile di Marcello Gandini.

Sebbene l’auto sia stata creata in solo un paio di mesi, il team di progettazione non ha lasciato passare l’opportunità per dare agli interni anche il loro trattamento speciale. Con la sua radio verticale piuttosto inusuale sulla console centrale, un lussuoso specchio pieghevole per il passeggero e un vistoso mix di colori e materiali, la BMW Garmisch ha aggiunto un tocco alle abitudini piuttosto funzionali del design degli interni dell’epoca. Secondo Marcello Gandini, anche il nome della vettura è stato scelto per impressionare: “Abbiamo scelto il nome Garmisch perché lo sci era molto popolare in Italia in quel periodo, evocando sogni di sport invernali ed eleganza alpina“.

BMW Garmisch: ricostruita la berlina anni '70 andata persa
PH: netcarshow.com

Fedele alla vettura originale, la nuova BMW Garmisch è anche una straordinaria vetrina della competenza di BMW nella ricerca di design e nella costruzione di prototipi. Poiché i documenti originali della BMW Garmisch erano scarsi, il team interdisciplinare convocato dal BMW Group Design e dai reparti BMW Classic ha dovuto rintracciare ogni dettaglio degli esterni e degli interni della vettura da una piccola selezione di immagini d’epoca, la maggior parte delle quali disponibili solo in bianco e nero.

Lo stesso Marcello Gandini ha contribuito al processo di ricerca con i ricordi della creazione della vettura, consentendo al team di progettazione di riconfigurare dettagli chiave come il colore esterno, un leggero champagne metallico in linea con le tendenze della moda italiana dell’epoca. E mentre il team di design di BMW utilizzava le ultime tecnologie di modellazione 3D per rivitalizzare e specificare le strutture e le forme originali, la BMW Garmisch era costruita da artigiani qualificati a Torino, proprio come l’auto originale quasi 50 anni fa.

Quando ho sentito per la prima volta che BMW voleva ricreare la BMW Garmisch, sono rimasto un po’ sorpreso“, ricorda Marcello Gandini del suo primo incontro con Adrian van Hooydonk, che lo ha visitato a Torino nell’estate 2018 per chiedere la sua approvazione. “Ora sono molto contento di essere stato in grado di far parte di questo progetto e felice che la BMW abbia scelto di ricordare questo passato piacevole. Avendo visto l’auto finale, è difficile per me distinguerla anche dall’originale“.