Nel 1916 nasceva la Bayerische Motoren Werke, e per festeggiarne il centenario è stata presentata la Vision Next 100, una concept che prefigura il futuro del marchio: modelli al top della tecnologia e realizzati su misura per ogni cliente; per l’evento è stato creato un nuovo “logo” composto da quattro triangoli, i quattro fondamenti della casa di Monaco di Baviera: responsabilità, fiducia, spirito pioneristico e successo.

Con questa vettura s’ipotizza un impiego della stampa “4D” che permetterà la realizzazione di componenti automotive in grado di cambiare forma per adattarsi alle specifiche esigenze di ciascun conducente, ottenendo la cosiddetta “Alive Technology”; tale tecnologia introdotta nell’abitacolo e su parte della carrozzeria, segnalerà l’avvicinarsi di un ostacolo tramite il movimento tridimensionale degli 800 “microtriangoli” sulla superficie, farà inoltre d’appendice alle ruote, carenandole, così da migliorare l’aerodinamica della vettura(Cx di 0.18).

La vettura presenta due distinte configurazioni, la Ease e la Boost, ed in base alla modalità scelta la griglia anteriore ed i gruppi ottici cambieranno colore; con la prima, il volante rientra nella plancia e i sedili ruotano verso il centro dell’auto, consentendo l’interazione con gli occupanti della fila posteriore mentre la vettura si dirige da sola verso la sua destinazione; con la Boost il guidatore ha il pieno controllo del veicolo e potrà sfruttare nuovi sistemi di assistenza alla guida come la proiezione sul parabrezza della traiettoria ideale, della velocità d’ingresso e percorrenza delle curve.

La Bmw Vision Next 100 è una coupé a quattro porte, (4.9 m di lunghezza, 2 m di larghezza, 1.37 m di altezza) sportiva dal design futuribile, con possibilità di personalizzare qualunque aspetto estetico e di finitura; i monitor interni saranno di tipo OLED flessibili, in grado di modificare la loro forma; presenta una scocca in fibra di carbonio realizzata con fibra proveniente da pannelli riciclati, manca il montante centrale, le portiere si aprono verso l’alto, la fanaleria si riduce all’essenziale e le ruote sono posizionate agli estremi della carrozzeria.

Nei prossimi anni saranno introdotte molte innovazioni legate alla guida autonoma che, insieme ai propulsori elettrici ed ibridi, trasformeranno il modo di concepire le auto; si avrà un’evoluzione dell’automazione e della capacità delle vetture di agire senza l’ausilio del guidatore, esse impareranno i gusti e le abitudini dei proprietari per offrire un servizio sempre più efficiente, quindi non ci resta che aspettare.