Bugatti Divo: nuova serie speciale in 40 esemplari

La Bugatti Divo è la svolta della Bugatti che ha deciso di sacrificare un po' di velocità massima a favore dell'agilità in curva.

Bugatti Divo: nuova serie speciale in 40 esemplari
PH: netcarshow.com

Circa un mese fa, la Bugatti Divo è stata presentata in anteprima mondiale in California. Si tratta di un’auto alimentata dal classico motore W16 quadriturbo, 8 litri da 1500 cavalli, ma l’aerodinamica è stata intensamente perfezionata e le impostazioni di sospensione e telaio sono state modificate. Di conseguenza, la Bugatti Divo è più leggera di 35 chilogrammi e ha 90 chilogrammi di carico aerodinamico in più rispetto alla Chiron.

L’accelerazione laterale è stata aumentata a 1,6 g, mentre la velocità massima è limitata a 380 km/h. La Bugatti Divo può affrontare il circuito di Nardò con un tempo di 8 secondi più veloce della Chiron. La serie comprenderà solo 40 esemplari alla modica cifra di 5 milioni di euro ognuna: inutile dire che sono già state tutte vendute in pochissimo tempo.

Quando ho iniziato a lavorare alla Bugatti all’inizio dell’anno, ho imparato presto che i nostri clienti e i nostri fan stavano aspettando un veicolo speciale che avrebbe raccontato un’ulteriore storia del marchio“, ha affermato Stephan Winkelmann, Presidente di Bugatti Automobiles SAS, “Il team Bugatti era anche molto desideroso di implementare un progetto come questo“.

È stato quindi deciso di costruire una super sportiva con caratteristiche simili alla Chiron, ma che allo stesso tempo avesse dei segni particolari che la rendessero inconfondibile.

Bugatti Divo: nuova serie speciale in 40 esemplari
PH: netcarshow.com

Bugatti Divo: quando la potenza estrema incontra l’agilità

Ad oggi, una moderna Bugatti ha rappresentato un perfetto equilibrio tra alte prestazioni, dinamica e comfort di lusso. Nelle nostre possibilità, abbiamo spostato l’equilibrio nel caso della Divo ulteriormente verso l’accelerazione laterale e l’agilità in curva“, Winkelmann ha aggiunto, “La Divo è fatto per le curve“.

Il feedback dei nostri clienti è stato travolgente“, riferisce il presidente Bugatti. “Abbiamo mostrato la vettura a un piccolo gruppo di clienti Chiron selezionati: tutte e 40 le vetture sono state vendute immediatamente e questa è stata una conferma fantastica per il team Bugatti che aveva dedicato tanta passione e passione al progetto“.

La supercar prende il nome da Albert Divo, un pilota francese che vinse due volte la famosa gara Targa Florio sulle strade di montagna della Sicilia con Bugatti alla fine degli anni ’20.

Un sofisticato programma aerodinamico consente un raffreddamento ottimale del veicolo e 90 kg di carico aerodinamico in più. Le proprietà aerodinamiche della Divo sono state migliorate da una notevole quantità di lavoro dettagliato. Il paraurti anteriore è dotato di prese d’aria che riducono l’effettiva area della sezione trasversale del veicolo, allo stesso tempo, garantendo un migliore flusso d’aria nella parte anteriore e aumentando l’efficienza aerodinamica. Lo spoiler anteriore ampio e di nuova concezione offre maggiore carico aerodinamico e guida più aria verso le prese d’aria anteriori. Il sistema di raffreddamento riceve quindi un flusso di massa più elevato e le prestazioni di raffreddamento complessive sono migliorate.

I freni sono raffreddati da quattro fonti d’aria indipendenti su ciascun lato del veicolo: l’aria fluisce dalla zona di alta pressione sopra il paraurti anteriore, dagli ingressi sulle ali anteriori, da un ingresso sul radiatore anteriore e dai diffusori davanti agli pneumatici. Le pale dirigono l’aria fredda da queste aree sui dischi dei freni. Uno scudo termico trasporta l’aria calda attraverso le ruote. Ciò significa che i freni non si surriscaldano e la temperatura dello pneumatico è sempre mantenuta nell’intervallo ottimale. Questo sistema, già utilizzato sulla Chiron, riceve ulteriore supporto dal vuoto generato dalla cortina d’aria sugli pneumatici nel caso della Divo. Inoltre, i passaruota sono ventilati.

Il tetto della Bugatti Divo è stato progettato per formare un condotto d’aria NACA, un’entrata d’aria ottimizzata per il flusso. In combinazione con il cofano del vano motore appositamente progettato, garantisce un flusso di aria molto elevato al vano motore, svolgendo un ruolo chiave nella gestione della temperatura in quest’area del veicolo.

La parte posteriore della Bugatti Divo è dotata di un nuovo spoiler posteriore regolabile in altezza che funziona come un freno pneumatico quando viene ruotato in avanti ed è impostato su diverse angolazioni per le singole modalità di guida. Lo spoiler posteriore ha una larghezza di 1,83 metri ed è quindi più ampio del 23% rispetto a quello della Chiron: lo spoiler più ampio migliora l’efficienza e aumenta le prestazioni del freno pneumatico, oltre a un notevole carico aerodinamico.

Il carico aerodinamico è anche potenziato dal diffusore posteriore che è stato completamente ridisegnato per una maggiore efficienza e ospita quattro tubi di scappamento. La deportanza totale generata è di 456 chilogrammi.

In fase di progetto la Bugatti Divo doveva essere più affilata, più agile e più dinamica. A tale scopo, il camber è stato aumentato. Di conseguenza, la velocità massima della Bugatti Divo è limitata a 380 km/h. Al contrario della Chiron, non esiste quindi la modalità Top Speed. Per quanto riguarda l’accelerazione laterale, la Divo raggiunge 1,6 g di tenuta. Questi cambiamenti assicurano un’esperienza di guida percettibilmente diversa su strade tortuose.

Lo sterzo e le sospensioni sono stati impostati per garantire una risposta più diretta e un comportamento di guida significativamente più sportivo in tutte le modalità di guida.

La riduzione di peso è il risultato di una serie di modifiche progettuali leggere tra cui nuove ruote leggere e una copertura intercooler in fibra di carbonio. Il peso è stato inoltre risparmiato dal fissaggio delle alette del diffusore anteriore, dalla riduzione della quantità di materiale isolante utilizzato e dall’installazione di un sistema audio più leggero. Al fine di ridurre il peso, sono stati omessi anche i vani portaoggetti sulla console centrale e nei rivestimenti delle portiere.

Bugatti Divo: nuova serie speciale in 40 esemplari
PH: netcarshow.com

L’estetica

La linea più sottile della Bugatti Divo contribuisce a far sembrare il veicolo sempre più lungo. Le nuove proporzioni consentono una divisione orizzontale visiva del corpo, rafforzata da uno speciale schema di colori. La parte superiore, più elegante, è dipinta con una finitura opaca in argento “Titanium Liquid Silver” sviluppata appositamente per la Divo. Questo è efficacemente alla base della forma scultorea e muscolare dell’automobile. Le lunghe zone a cupola con le loro superfici lisce lungo il montante posteriore e le sezioni laterali posteriori spostano otticamente l’abitacolo in avanti. Ciò conferisce alla Divo un aspetto estremamente dinamico anche quando il veicolo è fermo.

La parte inferiore dei lati ha più di un design funzionale e tecnico, rafforzando l’aspetto vigoroso dell’auto e dandogli una posizione fiduciosa sulla strada. Questa sezione presenta una fibra di carbonio a vista tinta in una sfumatura blu petrolio, “Divo Carbon”, sviluppata appositamente per questo modello.

Un’architettura completamente nuova è stata sviluppata per il fronte dell’auto. Sono disponibili prese d’aria supplementari per il raffreddamento dei freni. I nuovi fari anteriori orientati verticalmente con luce diurna sul bordo esterno conferiscono un aspetto di maggiore larghezza.

L’ingresso dell’aria nel condotto NACA sul tetto crea un collegamento ottico con l’uscita dell’aria al centro del cofano anteriore e guida l’aria verso lo spoiler posteriore. Il fatto che la linea centrale passi dalla parte anteriore del tetto allo spoiler posteriore non è solo una reminiscenza del leggendario passato di Bugatti, ma ha anche una funzione. Questa configurazione evita che i vortici dell’aria si formino sul veicolo, creando turbolenze sullo spoiler posteriore.

Un punto culminante nella parte posteriore del veicolo è sicuramente la nuova luce posteriore 3D altamente sofisticata. Questa è in realtà parte della griglia posteriore, che è in parte prodotta da un processo di stampa 3D e ha speciali alette leggere con una varietà di dimensioni. Un totale di 44 di queste pinne si accendono, formando la luce posteriore della Divo. Sul bordo esterno, le pinne si allargano, creando una luce più intensa. Verso il centro del veicolo, sono più stretti, con conseguente graduale sbiadimento della luce. Il risultato è un aspetto sorprendente, il che significa che anche la Divo è inconfondibile dal retro.