Home » Citroën ë-C3, rivoluzione elettrica per la compatta francese

Citroën ë-C3, rivoluzione elettrica per la compatta francese

Citroen rivoluziona la sua utilitaria, arrivata alla quarta generazione, proponendola per la prima volta in versione 100% elettrica.

Categorie Automotive · Autoveicoli
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

La Citroen ë-C3 è la nuova versione 100% elettrica della fortunata utilitaria della casa del Double Chevron, che arriva così alla quarta generazione. La nuova Citroen ë-C3 è stata progettata in Europa e sarà prodotta in Europa nello stabilimento di Trnava, in Slovacchia. Questo modello, come gli altri che lo hanno preceduto, avrà come mercato di riferimento quello europeo, e arriverà nelle concessionarie a partire dal secondo trimestre del 2024.

Un nuovo linguaggio stilistico

Con la ë-C3, Citroën inaugura un nuovo corso stilistico, dalla concept Oli del 2022, che si caratterizza per linee più nette, abbandonando così le rotondità dei modelli precedenti (pensiamo soprattutto alle prime due C3 con la tipica forma a ovetto). In termini di ingombri, questi rimangono ridotti e quasi invariati, con 4,01 m di lunghezza (+1,9 cm) e 1,76 m di larghezza (+0,6 cm). Ciò che varia in maniera importante è però l’altezza totale, che arriva fino a 1,57 m, ben 10 cm in più. Questo è un dato importante, perché testimonia che Citroën ha preso spunto per la nuova C3 dal mondo dei suv. Infatti, oltre all’altezza del corpo vettura maggiore, è aumentata anche la luce da terra, che ora è di 16,3 cm (+2,8 cm).

Una cosa che risalta subito guardando la nuova Citroën ë-C3 è il nuovo stemma ovale, che integra al suo interno il Double Chevron. Si tratta di un ritorno al passato, dato che lo stemma originale Citroen era proprio di tale forma. Lo stemma interrompe una striscia orizzontale in nero lucido che unisce i fari full led, con una originale firma luminosa su tre livelli, con tre lame orizzontali e un elemento verticale. Le proporzioni sono totalmente diverse rispetto alle vecchie C3. Infatti ora il frontale è più alto e verticale, e il cofano piatto, corto e orizzontale.

La fiancata della nuova Citroen C3 mette in evidenza uno sviluppo del corpo vettura diverso al passato, con un posteriore che come l’anteriore è più “verticale” e squadrato, e meno tondeggiante. Si può anche notare come le ruote siano alle estremità della carrozzeria, dato il passo lungo in rapporto alla lunghezza. Le dimensioni dei cerchi sono 16 e 17 pollici, e possono essere in acciaio o in lega. Al posteriore vengono ripresi gli stilemi della parte anteriore, con i fanali che comprendono due barre orizzontali e una verticale, a ricordare i fari anteriori, e la barra nero lucido che attraversa il portellone in larghezza unendoli. La parte inferiore del paraurti è in plastica con un inserto satinato, che dà alla ë-C3 un’aria da piccola suv, e si unisce ai passaruota, anch’essi rivestiti in plastica nera.

Citroën ë-C3

Interni moderni e spaziosi per la Citroën ë-C3

L’abitacolo della nuova Citroën ë-C3 è piuttosto diverso rispetto al passato, a partire dalla plancia. Essa è stata infatti totalmente ripensata: ora è su due livelli, di cui quello superiore ospita in una fessura il quadro strumenti digitale, mentre quello inferiore presenta un ampio spazio a tutta larghezza parzialmente rivestito in un tessuto che ricorda quello utilizzato per i divani (non a caso è denominato “Sofa Design”). Al centro della plancia trova spazio il sistema multimediale, costituito da uno schermo che quasi sembra sospeso da 10,25″, mentre nella parte bassa al di sotto delle bocchette del “clima” si trova la plancetta per la climatizzazione. Le due bocchette laterali a differenza di quelle centrali hanno uno sviluppo verticale. Infine, è tutto nuovo anche il volante, ora a due razze e più compatto.

La nuova Citroën ë-C3 propone un abitacolo decisamente più spazioso rispetto al modello precedente, nonostante sia solo 19 mm più lunga e 6 mm più larga. Ad esempio, offre a coloro che siedono davanti 100 mm in più di spazio per la testa. Numerosi sono i vani portaoggetti, di cui menzioniamo quelli sui pannelli delle porte, sulla console centrale e sotto il bracciolo centrale, mentre la console centrale è provvista di un tappetino di ricarica wireless. Infine, anche lo spazio dedicato ai bagagli è adeguato per la categoria, con 310 litri di capacità utili a divano sollevato.

Citroën ë-C3: prestazioni e autonomia

“Smart Car” è il nome che Stellantis ha scelto per la sua nuova piattaforma nativa per auto elettriche, che consente di contenere i costi di produzione, e che all’occorrenza sarà anche in grado di ospitare motori endotermici. La batteria della Citroën ë-C3 è LFP (litio ferro fosfato) e ha una capacità di 44 kWh, per un’autonomia di guida fino a 320 km nel ciclo WLTP. La capacità di ricarica rapida a corrente continua da 100 kW consente di passare dal 20 all’80% della capacità in 26 minuti.

La ricarica standard a corrente alternata, dal 20% all’80%, richiede circa 4 ore e 10 minuti utilizzando una potenza di 7 kW, o 2 ore e 50 minuti se si dispone di una potenza di 11 kW. L’accesso alle strutture di ricarica a corrente alternata sia domestiche che pubbliche è facile grazie al cavo Mode 3 fornito in dotazione, ideale per la ricarica regolare a casa tramite una Wallbox e per le stazioni di ricarica pubbliche. Il cavo consente una ricarica da una Wallbox monofase da 7,4 kW o trifase da 11 kW. 

Sospensioni raffinate

La nuova Citroën ë-C3 è dotata di sospensioni Advance Comfort, che prevedono due fine corsa idraulici utilizzati in combinazione con l’ammortizzatore e la molla, invece dei fine corsa meccanici delle sospensioni tradizionali. Uno dei fine corsa idraulici viene utilizzato per la compressione, l’altro per l’estensione.

La sospensione funziona in due differenti modi a seconda delle sollecitazioni applicate. In caso di leggera compressione ed estensione, molle e ammortizzatori controllano insieme i movimenti verticali senza sollecitare gli smorzatori idraulici. In caso di sollecitazioni importanti, invece, molle e ammortizzatori lavorano insieme agli smorzatori idraulici di compressione ed escursione per rallentare in modo progressivo il movimento ed evitare i colpi bruschi del fine corsa. A differenza di un fine corsa meccanico che assorbe l’energia ma ne restituisce una parte come rimbalzo, il fine corsa idraulico assorbe e dissipa l’energia, garantendo così un maggiore comfort ai passeggeri.

Due versioni e un prezzo d’attacco competitivo

La Citroën ë-C3 elettrica sarà venduta in due sole versioni, la base “You” e la ricca “Max”. La versione “You” ha già una buona dotazione, comprendente proiettori anteriori a LED,  sospensioni Citroën Advanced Comfort, Active Safety Brake (sistema di frenata d’emergenza), il nuovo Citroën Head Up display, il sistema di infotainment “My Citroen Play con Smartphone Station”, retrovisori elettrici, illuminazione automatica, radar di parcheggio posteriore, spoiler posteriore, regolatore/limitatore di velocità, climatizzatore manuale e 6 airbag. 

Alla dotazione della “You” la Citroën ë-C3 “Max” aggiunge cerchi in lega da 17 pollici diamantati, la vernice bicolore Citroën con tetto a contrasto, le barre decorative al tetto, gli elementi di protezione anteriori e posteriori, il touchscreen a colori da 10,25 pollici con mirroring dello smartphone, i sedili Citroën Advanced Comfort, i tergicristalli automatici, i retrovisori ripiegabili elettricamente e riscaldabili, il volante con rivestimento in similpelle, il sedile della seconda fila ribaltabile 60/40, la regolazione del sedile del conducente, luci posteriori a LED, vetri posteriori oscurati, sedili in TEP/tessuto, climatizzatore automatico, navigazione 3D, ricarica wireless, telecamera posteriore, retrovisore elettrocromatico e alzacristalli elettrici posteriori. 

Il prezzo della Citroën ë-C3 elettrica “You” è di 23.900 euro, che è relativamente economico, considerando che ad esempio una Peugeot e-208 in versione base Active costa 36.430 euro. In futuro (si parla del 2025) arriverà una versione con autonomia di 200 km, che avrà un prezzo d’attacco ancora più basso, fissato intorno ai 19.990 euro.

Lascia un commento