SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Come curvare in sicurezza un treno?

Forse non ve lo siete mai chiesto o forse già lo sapete , ma effettivamente come fa un treno a curvare in totale sicurezza?

Sappiamo che in un autoveicolo tutto ciò è possibile grazie al famoso ripartitore di coppia o differenziale , ma in un treno sarebbe una soluzione tecnicamente assai complessa (immaginate di dover montare un differenziale per ogni coppia di ruote).

Al tempo stesso economicamente molto dispendiosa ( causa l’elevato numero di cerchioni presenti per ogni vagone). Insomma creerebbe parecchie “rogne”. Durante una traiettoria curvilinea le ruote di un qualsiasi mezzo sono costrette a percorrere in tempi uguali , distanza differenti. Quindi per ottenere la condizione di aderenza necessaria all’ adempimento della curva , interviene il differenziale , il quale ripartendo la coppia motrice , fa in modo che le ruote girino a velocità diverse e quindi si riesce ad affrontare la curva in sicurezza.

La soluzione è semplice; prima di tutto occorre premettere che le rotaie sono montate leggermente verso l’interno.

binario
youtube.it
binari
youtube.it

In modo tale da far risultare la componente normale della forza peso dei cerchioni , perpendicolare con la base medesima delle rotaie  (onde evitare rotture della stessa e conseguente deragliamento del treno) ed ottenere una sorta di equilibrio tra le forze in gioco. Vedasi pic seguente:

curvatura treno
youtube.com

Le ruote dei treni possono essere ottenute in due modi: monoblocco(pezzo unico ottenuto per fusione); bi-blocco (composte dal “corpo”, parte interna, e cerchione, parte esterna); in questo caso le due parti vengono unite tramite montaggio forzato ( ossia calettatura). La quale a sua volta può essere effettuata: a freddo o a caldo.
La prima mediante una pressa; la seconda, mediante riscaldamento della parte esterna , che raffreddandosi si serra sul pezzo interno.

Curvatura di un treno
youtube.it

Partendo dal presupposto che comunque le traiettorie curvilinee affrontate dai treni sono più ampie rispetto a quelle che potrebbe affrontare un autoveicolo, il segreto è la forma troncoconica delle ruote.

Treni
youtube.it

La forza centrifuga generata spingerà i cerchioni verso l’esterno e quindi quello interno girerà su una circonferenza di diametro minore rispetto alla sua antagonista.
In tal modo le ruote avranno la stessa velocità e “la differenza di strada” da percorrere verrà compensata proprio dal fatto che il cerchione esterno girerà su una circonferenza maggiore rispetto a quello interno evitando il deragliamento del treno.

Articolo a cura di Angelo Lancieri.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here