Durante il CES 2019 (Consumer Electronics Show) in corso in questi giorni (8-11 gennaio) a Las Vegas, Hyundai ha mostrato al pubblico un prototipo innovativo. Elevate infatti è un veicolo elettrico, dotato però di gambe robotiche. Lo scopo principale chiaramente non è quello di entrare nel mercato del trasporto privato, piuttosto quello di fornire un valido contributo in caso di calamità naturali.

Elevate
PH: newatlas.com

Si è ricercata quindi una soluzione potenzialmente efficiente che possa consentire un tempestivo supporto a seguito di alluvioni o terremoti.

Il vicepresidente di Hyundai, John Suh, ha così dichiarato: “Le prime 72 ore dopo un disastro naturale sono le più cruciali per salvare vite umane. I soccorritori devono affrontare il problema di come avvicinarsi alle zone colpite“. Si può quindi dire che “Elevate può affrontare questi scenari e superare inondazioni o detriti, la sua tecnologia va ben oltre le situazioni di emergenza e le possibilità sono davvero illimitate“.

 

Altre possibilità per Elevate

Oltre ad offrire la possibilità di operare in ambienti ostili, Elevate può anche configurarsi un ottimo mezzo per persone con invalidità. In questo modo il loro trasporto potrebbe essere più comodo e sicuro, in aggiunta al fatto di poter entrare nel veicolo direttamente con la sedia a rotelle.

Elevate
PH: motor1.com

Da questo punto di vista, Hyundai ritiene che le strutture sanitarie possano interessarsi al nuovo prototipo e sfruttarlo in futuro per i proprio pazienti.

 

Alcune caratteristiche di Elevate

Come possono essere raggiunti i precedenti scopi?

Elevate
PH: economictimes.indiatimes.co

Elevate è dotata di complesse sospensioni che possono essere regolate direttamente dal conducente su altezze diverse, ognuna adatta a differenti situazioni. Inoltre è presente un motore elettrico integrato su ogni ruota. Le gambe robotiche, oltre a possedere un sistema retrattile che consenta una guida normale, si presentano in una configurazione a 6 gradi di libertà che permette di compiere movimenti articolati e adattarsi al meglio alle asperità del terreno.

Consigliamo la visione del video a inizio articolo per comprendere meglio le potenzialità di questo prototipo.