Home » Ferrari F1 2021: ecco la SF21, la nuova monoposto dal “doppio colore”

Ferrari F1 2021: ecco la SF21, la nuova monoposto dal “doppio colore”

Ferrari presenta la SF21, la monoposto che cambia il colore al retrotreno e introduce del verde nella livrea

Categorie Motorsport

L’attesa è finita. Con la presentazione di oggi della Ferrari, abbiamo visto tutte le auto che prenderanno parte al campionato di F1 2021. La presentazione è avvenuta esattamente a due giorni dall’esordio in pista per i test pre-stagionali che si terranno sul circuito del Bahrain dal 12 al 14 marzo. Quella del 2020 è stata la peggiore stagione dal lontano 1980 per la Ferrari, che ha ottenuto lo scorso anno solo il sesto posto nel campionato costruttori. Ricordiamo che quest’anno debutta in rosso Carlos Sainz jr. al posto di Sebastian Vettel che è passato in Aston Martin. Lo spagnolo ha trascorso molto tempo presso la fabbrica del team di Maranello, cercando di integrarsi nella sua quarta squadra in Formula Uno.

Di recente, per prendere confidenza con il team, Sainz ha guidato sia la SF71H (del 2018) a Fiorano, sia la SF90 (monoposto 2019) sul circuito di Jerez. Al fianco del pilota spagnolo, chiaramente, troviamo Charles Leclerc che in Ferrari ha conquistato due vittorie nel 2019.

Il frontale della Ferrari SF21
Il frontale della Ferrari SF21

Ferrari F1 2021: un primo sguardo alla SF21

La Ferrari SF21 è un’evoluzione della SF1000, la monoposto che ha corso la stagione 2020. Il motivo della somiglianza tra le vetture di quest’anno con quelle dello scorso anno è da attribuire al regolamento leggermente diverso, ma pressoché invariato. La vera rivoluzione la vedremo solamente dal prossimo anno con l’arrivo di un nuovo regolamento tecnico. Tuttavia le novità non mancano assolutamente. Infatti, la squadra era alla disperata ricerca di un modo per rimediare a quanto visto lo scorso anno.

Commentando la nuova vettura, il responsabile del telaio della Ferrari Enrico Cardile ha affermato che la priorità era identificare i principali punti deboli della SF1000 in vista della nuova stagione. “Quando abbiamo iniziato il progetto SF21, il nostro primo compito era identificare su quale area della vettura dovevamo concentrarci per ottenere un cambiamento radicale. Abbiamo optato per la parte posteriore, progettando un nuovo cambio e un nuovo sistema di sospensioni. Questo, insieme agli sforzi dei nostri colleghi della power unit ha portato a un posteriore molto più stretto. Abbiamo anche esaminato il sistema di raffreddamento, aumentando l’efficacia del radiatore centrale e progettato la carrozzeria con più down-washing“. L’aerodinamica è stata una delle aree interessate dalle modifiche normative volte a ridurre la capacità di generare carico verticale, per non mettere a dura prova gli pneumatici. Ecco perché, quando abbiamo iniziato a sviluppare l’aerodinamica della vettura, ci siamo posti due obiettivi: recuperare più carico aerodinamico di quanto perso con i regolamenti e ridurre la resistenza all’avanzamento. A causa dei regolamenti, sono stati possibili cambiamenti meno drastici nella parte anteriore della vettura. Quindi, abbiamo sviluppato una nuova ala anteriore che funziona in combinazione con un nuovo concept del muso, ma il telaio stesso“.

Ferrari SF21
Ferrari SF21

Come ingegneri, la scorsa stagione in pista abbiamo ottenuto un quadro chiaro di dove eravamo e questo era il nostro punto di partenza“, ha aggiunto Enrico Gualtieri, Head of Power Unit del team. “Era quella consapevolezza, combinata con la nostra determinazione, le nostre capacità e quelli dei nostri partner che ha portato alla realizzazione del propulsore 065/6 per la stagione 2021. Abbiamo adottato un approccio sistematico, con tutti i reparti – progettazione, simulazione, sviluppo, monitoraggio – che lavorano insieme per trovare tutte le opportunità di miglioramento. Insieme ai nostri colleghi sul lato telaio, abbiamo lavorato molto sul layout del propulsore, per rendere il design complessivo dell’auto il più efficiente possibile. Con il motore a combustione interna, ci siamo concentrati sull’aumento del suo livello di efficienza termica, in collaborazione con il nostro partner Shell e questo ha prodotto un miglioramento del tempo sul giro che stimiamo in oltre un decimo di secondo. Stiamo inoltre sviluppando ulteriormente il sistema ibrido e l’elettronica, al fine di rivedere e ottimizzare tutti i componenti. Tutto questo in una stagione in cui il tempo al banco di prova delle power unit è stato ulteriormente ridotto”, ha aggiunto Gualtieri.

FONTI VERIFICATE

Ufficio Stampa Ferrari

Lascia un commento