Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro

Ferrari mostra le nuove barchette a uno e due posti: ecco le Monza SP1 e SP2

Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro
PH: netcarshow.com

Le nuove Ferrari Monza SP1 e SP2 sono state svelate in occasione del Capital Market’s Day dell’azienda nello stabilimento di Maranello. Queste auto in edizione limitata sono le prime di un nuovo segmento chiamato “Icona” e traggono ispirazione dalle più evocative Ferrari degli anni ’50 e presentano la più avanzata tecnologia per auto sportive disponibile oggi.

Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro
PH: netcarshow.com

Destinato a clienti e collezionisti dedicati, la Ferrari Monza SP1 e SP2 fanno riferimento alle iconiche barchette da competizione Ferrari del passato, non ultima la 166 MM, che originariamente ispirava il nome ‘barchetta’, e le 750 Monza e 860 Monza. Progettati con l’unico scopo di vincere, questi modelli senza compromessi hanno contribuito a costruire la leggenda della Ferrari negli anni ’50 offrendo numerose vittorie nel Campionato mondiale di auto sportive.

Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro
PH: netcarshow.com

La Ferrari Monza SP1 è stata progettata come un’auto da strada monoposto senza compromessi che offre un’esperienza davvero unica al volante. La seconda configurazione, la Ferrari Monza SP2, grazie all’eliminazione della copertura del tonneau e l’aggiunta di un secondo schermo di protezione e un secondo roll-bar, è invece una due posti che consente al passeggero di condividere le stesse sensazioni di guida.

Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro
PH: netcarshow.com

Le SP1 e SP2 di Monza presentano un design unico, il miglior rapporto peso-potenza di qualsiasi barchetta, grazie all’utilizzo estensivo della fibra di carbonio nella costruzione e dettagli distintivi, come i fari anteriori e posteriori, le ruote e gli interni, che migliorano ulteriormente l’esclusività delle auto. Sono equipaggiate con il motore più potente mai prodotto da Maranello, un V12 da 810 cv, è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e da 0 a 200 km/h in 7,9 secondi.

L’architettura delle due auto si basa su una forma monolitica con un profilo alare aerodinamico dove la totale assenza di tetto e parabrezza ha dato ai progettisti la libertà di creare proporzioni uniche che non sarebbero state possibili su un’auto tradizionale.

Il risultato è una sensazione di velocità normalmente sperimentata solo dai piloti di Formula 1, che deriva dal concetto di un abitacolo di guida ricavato dal volume stesso dell’auto che avvolge il guidatore.

Ferrari Monza SP1 e SP2: l’ispirazione dalle auto classiche

Il Ferrari Design Center ha cercato di creare un design puro, come se fosse nato da un singolo tratto di matita, per trasmettere un ideale di eleganza senza tempo, forma minimalista e dettagli raffinati. Sono state evitate soluzioni visivamente complesse, come quelle viste su auto da corsa recenti, lasciando spazio a un linguaggio formale di design più sobrio.

Una scelta radicale è stata fatta per il design delle porte compatte delle auto che si aprono verso l’alto. Altrettanto importante è l’intero cofano motore in fibra di carbonio che è incernierato nella parte anteriore per mostrare l’imponente motore V12 una volta aperto.

Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro
PH: netcarshow.com

Come per i modelli da corsa, la scocca di entrambe le vetture è interamente realizzata in fibra di carbonio leggera. Gli interni sono rifiniti nello stesso materiale con una finitura naturale per migliorare l’impatto sportivo del design. La riduzione del peso e la configurazione della “barchetta” garantiscono dinamiche uniche del veicolo: perfettamente bilanciate e senza rollio per una maneggevolezza tipica di un’auto sportiva pura e senza compromessi.

Poiché si tratta di autentiche auto sportive “en plein air”, una delle maggiori sfide del loro design è stata la gestione dei flussi aerodinamici all’interno del cockpit in assenza di un parabrezza. La soluzione era l’innovativo “Virtual Wind Shield” brevettato che è stato incorporato nella carenatura davanti al cruscotto e al volante. Il “Virtual Wind Shield” devia una parte del flusso d’aria per mantenere il comfort di guida.

Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro
PH: netcarshow.com

Soprattutto per i proprietari delle Ferrari SP1 e SP2, sono stati creati eleganti capi d’abbigliamento e accessori ispirati ai gentleman. La selezione dell’automobilista comprende tuta da gara, maglia, casco, guanti, e scarpe da guida. Questi dispongono di una serie di soluzioni tecniche per garantire una calzata confortevole e garantire libertà di movimento durante la guida.

Specifiche tecniche

  • MOTORE
    Tipo: V12 – 65°
    Cilindrata: 6496 cm3
    Max. potenza: 810 cv a 8500 giri / min
    Max. coppia: 719 Nm a 7000 giri / min
  • DIMENSIONI E PESO
    Lunghezza: 4657 mm
    Larghezza: 1996 mm
    Altezza: 1155 mm
    Peso a secco: 1500 kg (SP1), 1520 kg (SP2)
  • PRESTAZIONI
    0-100 km/h: 2,9 sec
    0-200 km/h: 7,9 sec
    Velocità massima: superiore ai 300 km/h.
Ferrari Monza SP1 e SP2: le barchette del futuro
PH: netcarshow.com