Home » Formula 1: la storia delle monoposto a 6 ruote

Formula 1: la storia delle monoposto a 6 ruote

La Formula 1 è sempre stato un banco prova anche per i prototipi più "strani". Ecco la storia delle monoposto a 6 ruote

Categorie Motorsport

La Formula 1 sarebbe stata molto diversa al giorno d’oggi se Derek Gardner fosse riuscito a trasformare il suo progetto di auto da Formula 1 a 6 ruote, comunemente noto come Project 34, in un successo. Beh, non che non lo sia stato, ma è durato troppo poco e ha ricevuto troppo poco supporto dal mondo delle corse automobilistiche per diventare una filosofia di progettazione diffusa. Siamo sicuri che tutti voi abbiate sentito parlare della Tyrrell P34 della metà degli anni ’70. Ma nel caso te lo fossi perso, ecco come è iniziata la sua breve storia e, naturalmente, com’è stata troncata improvvisamente.

È stato il designer di automobili Gardner che ha avuto l’idea per primo. Egli cercò di trovare un modo per rendere le vetture della IndyCar più guidabili verso la fine degli anni ’60. Le monoposto erano dotate di turbina a gas. Il suo pensiero innovativo portò all’idea di dotare l’auto da corsa di 4 ruote anteriori al fine di migliorare la stabilità dell’auto quando si andava a cercare il gas all’uscita di una curva.

Sebbene l’idea non sia stata inizialmente accettata da parte dell’ente da corsa nordamericano – poiché le Indy con turbina a gas furono presto vietate nell’USAC – Gardner non si arrese così facilmente. Circa 5 anni dopo, mentre lavorava come capo progettista per Elf – Tyrrell Racing, decise di dare alla sua soluzione tecnica un’altra possibilità. Questa volta, tuttavia, il design a 6 ruote mirava a migliorare la velocità dell’auto in rettilineo piuttosto che a fornire una migliore stabilità in uscita dalla curva.

Formula 1: il debutto della Tyrrell P34

All’epoca, molte delle vetture montavano lo stesso motore, il Ford Cosworth V8 DFV, lo stesso cambio e gli stessi pneumatici Goodyear. Dunque una qualunque soluzione che potesse dare anche un minimo di vantaggio era ben accetta. Gardner decise di andare da Ken Tyrrell per mostrargli la sua idea. Gli disse che una monoposto di Formula 1 avrebbe potuto trarre importanti benefici adottando 4 ruote più piccole all’anteriore invece di 2 ruote dalle dimensioni tradizionali. L’auto avrebbe beneficiato di una minore resistenza all’avanzamento migliorando, così, le prestazioni in rettilineo.

La prima versione della Tyrrell P34 con 6 ruote
La prima versione della Tyrrell P34 con 6 ruote

Sebbene pazza all’inizio, l’idea fu presto ripresa da Tyrrell che la mise immediatamente in produzione (come prototipo, ovviamente). Il progetto fu soprannominato “Tyrrell P34” – per differenziarlo dalle precedenti auto Tyrrell – e fu presentato per la prima volta ai media all’Heathrow Hilton Hotel il 22 settembre 1975.

Come ogni progetto nuovo, la versione iniziale non si rivelò molto efficace durante i test. Come previsto, la monoposto era molto veloce sui rettilinei, ma l’aerodinamica rappresentava il suo punto debole. Dopo aver risolto questi problemi, la Tyrrell P34 ha dovuto combattere contro l’intensa usura degli pneumatici anteriori. La causa di ciò era abbastanza ovvia: essendo le gomme anteriori di diametro inferiore rispetto alle posteriori, dovevano ruotare ad una velocità più elevata rispetto a queste ultime.

Inoltre, entrambi i piloti della Tyrrell – Patrick Depailler e Jody Scheckter – dovettero adattare i loro stili di guida all’avantreno più alto e alle ruote anteriori più piccole montate sulla P34. Inutile dire che entrambi avevano difficoltà nella fase di inserimento di curva. Per ovviare a questo problema, furono ideati gli “oblò” sul lato dell’abitacolo, come mostrato nella foto sotto. In questo modo i piloti potevano tenere d’occhio le loro gomme continuamente con la visuale d’insieme che li aiutava anche a valutare dove posizionavano le gomme sull’asfalto.

Da questa foto si possono apprezzare gli oblò montati per controllare le gomme della monoposto 6 ruote
Da questa foto si possono apprezzare gli oblò montati per controllare le gomme

La Tyrrell P34 debuttò in Formula 1 al Gran Premio di Spagna del 1976, con Depailler (fu solo lui a guidare la P34 in Spagna) riuscendo a segnare il 3° tempo più veloce in qualifica. A partire dalla gara successiva in Belgio, entrambi i piloti guidarono la P34 e i risultati furono sorprendenti. Scheckter ottenne la prima (e unica) vittoria della P34 in Formula 1 durante il Gran Premio di Svezia ad Anderstorp – dopo aver segnato una pole position – seguito dal compagno di squadra Depailler.

Il declino del progetto Tyrrell e delle monoposto 6 ruote in generale

Purtroppo, a causa dello scarso sviluppo delle gomme anteriori, i mesi successivi si sarebbero rivelati gli ultimi successi per la Tyrrell P34 in Formula 1. Goodyear non aveva alcun interesse a sviluppare ulteriormente le gomme da 10 pollici, considerando che la casa britannica era l’unica ad averle effettivamente utilizzate, rendendo impossibile affrontare il problema dell’usura delle gomme. Inoltre, il fatto che gli pneumatici anteriori viaggiassero a una velocità maggiore rispetto a quelli posteriori ha comportato anche un incremento delle temperature sui freni. Anche trovare la soluzione migliore per raffreddare i freni anteriori fu un lavoro quasi impossibile per la squadra Tyrrell.

I freni anteriori della P34
I freni anteriori della P34

Nel complesso, la P34 terminò la stagione 1976 con una vittoria, 8 podi aggiuntivi e 2 giri più veloci. Scheckter alla fine arrivò 3° nella classifica generale, mentre Tyrrell concluse la stagione al 3 ° posto. Dopo una serie di sviluppi durante la bassa stagione 1976/77 – con Ken Tyrrell che creò un nuovo centro di ricerca e sviluppo a Ockham, nel Regno Unito – la stagione del 1977 iniziò miseramente per la P34 “migliorata”. Né il nuovo arrivato Ronnie Peterson, né Depailler riuscirono a finire la prima gara, nonostante la scocca in fibra di vetro introdotta quell’anno. L’intera stagione sarebbe precipitata allo stesso modo principalmente perché, indipendentemente dai nuovi sviluppi, l’usura delle gomme e il raffreddamento dei freni non furono mai risolti. Ciò costrinse Gardner a lasciare il team e la Tyrrell Racing a rinunciare completamente all’idea.

Tuttavia, la Tyrrell P34 non è stata l’unica vettura di Formula 1 a 6 ruote. La March 2-4-0 era un altro progetto che mirava a fare il suo debutto in F1 nel 1977. Solo le difficoltà finanziarie nello sviluppo del design dell’auto resero impossibile per Max Mosley (comproprietario di March Cars) e il designer Robin Herd l’approdo in F1.

Dopo aver supervisionato lo sviluppo del progetto iniziale della P34, Herd ebbe l’idea di montare 4 ruote nella parte posteriore dell’auto, anziché all’anteriore. Il motivo principale era che il grip extra fornito dai 4 pneumatici si sarebbe dimostrato molto più efficace nella parte posteriore dell’auto. Inoltre, non c’era bisogno di uno sviluppo speciale di pneumatici Goodyear da 10 pollici, poiché il prototipo avrebbe utilizzato i normali pneumatici da F1. Ciò avrebbe reso l’auto più snella, migliorando anche la trazione.

Purtroppo, a causa della mancanza di fondi da parte del team March, non fu possibile realizzare un cambio funzionale in grado di azionare le 4 ruote posteriori. Durante il primo giro dimostrativo della vettura a Silverstone, davanti ai media, la scatola del cambio si flesse e gli ingranaggi si sganciarono, trasformando la 2-4-0 in un’auto a 2 ruote motrici. Il progetto fu infine cancellato da March Team.

La March 2-4-0 esposta al museo
La March 2-4-0 esposta al museo

Fu solo Frank Williams, circa 5 anni dopo, a prendere il design della 2-4-0 e provare a trasformarla in una vettura vincente durante la stagione 1982. Comunemente conosciuta come Williams FW08B, l’auto non vide mai la luce, poiché il team non fu in grado di sviluppare ulteriormente la monoposto a 6 ruote per diventare più veloce della variante a 4 ruote. Williams rinunciò all’idea di far rivivere la monoposto a 6 ruote un anno dopo, in seguito alla decisione della FIA di bandire le 4 ruote motrici dalla Formula 1.

Williams FW08B
Williams FW08B

Lascia un commento