Home » GPDesign Diavel MU all’EICMA 2022: trasformare la propria moto in un capolavoro

GPDesign Diavel MU all’EICMA 2022: trasformare la propria moto in un capolavoro

L'esclusivo modello sarà in esposizione all'EICMA 2022

Categorie Motocicli e Ciclomotori
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

L’ultima nata da GPDesign si chiama Diavel MU. Si tratta di una versione speciale che usa come base la Ducati Diavel 1260 per realizzare un vero e proprio capolavoro. È una supernaked unica creata in esclusiva per Giuliano Mu, noto imprenditore e grande appassionato di motori. La presentazione di questo esemplare unico avverrà all’EICMA di Milano. Sarà esposta dall’8 al 13 Novembre nello stand di STM, azienda che si occupa della ricerca e dello sviluppo di componenti meccanici di precisione per il mondo delle due ruote.

La Diavel MU rappresenta l’apice della creatività e della maniacale ricerca di Luca Pozzato, fondatore e CEO di Officine GPDesign, specializzata in realizzazione di moto uniche al mondo. Tra le sue creazioni più rilevanti ci sono progetti per MV Agusta, Honda, Suzuki, Motul, AMG, Apple. Proprio con Ducati, ha presentato la V4PENTA, una streetfighter in tiratura limitata derivata dalla Panigale V4S.

GPDesign Diavel MU
GPDesign Diavel MU

Equilibrio nelle forme e nelle finiture di colore, rigorosamente nero come richiesto dal cliente che lo considera come un proprio elemento distintivo, tecnica e design sono gli ingredienti fondamentali che hanno forgiato questo gioiello su due ruote.

GPDesign Diavel MU: cosa cambia rispetto ad una “normale” Diavel

Per realizzare la Diavel MU, Officine GPDESIGN si è rivolta alle migliori aziende del settore: Brembo, FGRacing, Jonich, MCJ, Rizoma ed STM, aziende che, oltre a raggiungere l’eccellenza tecnica nei loro prodotti, dedicano un’attenzione spasmodica alla parte estetica. L’impianto frenate originale Brembo nella Diavel MU è ancora più performante: troviamo nuova pompa freno e frizione, dischi anteriori con flangia fresata, pinze anteriori nichelate di derivazione Motorsport che non solo migliorano l’aspetto tecnico, ma esaltano l’esclusività del progetto creando vere sculture moderne ricavate dal pieno.

GPDesign Diavel MU
GPDesign Diavel MU

La forcella Girder di FGRacing, unica nel suo genere, è stata ricavata completamente dal pieno con l’utilizzo di frese a cinque assi, mentre i cerchi, disegnati dalla GPDesign, sono stati realizzati in esclusiva dal partner storico Jonich, leader assoluto nel mondo dei cerchi a raggi. Unico anche lo scarico omologato creato da MCJ, con la doppia uscita ottagonale e il sistema di controllo variabile delle valvole comandate elettronicamente.

La frizione della Diavel MU – come le Ducati più performanti – è a secco, ed è la stessa utilizzata nella MotoGP, costruttore che ha vinto il campionato piloti e costruttori quest’anno. Tutti gli accessori Rizoma, dagli specchi alle frecce, dalle vaschette per l’olio della frizione e freno, alle pedaline e al portatarga a braccio sono realizzati appositamente per questo modello speciale. Essi conferiscono alla moto un tocco di stile unico e prestigioso in perfetta sintonia con la mission dell’azienda, che è quella di trasformare ogni minimo dettaglio in un paradiso del design.

GPDesign Diavel MU
GPDesign Diavel MU

Per chi non lo conoscesse, Giuliano Mu, classe 1986, Bocconiano, è un imprenditore, consulente marketing e finanziario, manager di artisti internazionali e di influencer. È un vero appassionato di musica, moda e motori, cliente VIP Ferrari e collezionista Audemars Piguet. Insomma, lo stile ha sempre fatto parte del suo DNA. Ecco che dunque ha cercato una moto che rispecchiasse un po’ il suo modo di essere e il suo stile.

Alla domanda se la moto è stata suggerita da Mu o se si è affidato ai consigli degli esperti di GPDesign, risponde: “Ho collaborato in stretto contatto con Luca e il suo team. Con loro c’è stata intesa da subito e la Diavel MU è nata in maniera spontanea e naturale. Mi sono limitato a suggerire qualche spunto sui particolari ai quali tenevo; per il resto ho lasciato carta bianca. Con gli artisti si lavora così. Ora siamo come una famiglia, i ragazzi di Officine GPDesign sono straordinari, hanno storie bellissime alle spalle e tanto cuore sia per quello che fanno sia per chi lo fanno. Poi si sa, quando vai d’accordo con la  famiglia tendi a coinvolgerla in tutto. Quindi, sicuramente svilupperemo molti altri progetti insieme. In realtà ne abbiamo già un altro in cantiere, iniziato quando ancora dovevamo finire la prima moto”.

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa GPDesign

Lascia un commento