SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Inaugurazione della prima ferrovia italiana: Google le rende omaggio con il doodle

Oggi ricorre l’anniversario dell’inaugurazione della prima linea ferroviaria italiana. Il 3 ottobre del 1839, quindi 180 anni fa, veniva presentata la prima linea che collegava Napoli ad una località piuttosto vicina, Portici.

Inaugurazione della linea

Il progetto veniva convalidato e firmato qualche anno prima, nel giugno del 1836 ad opera dell’ingegnere francese Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie. Inizialmente era previsto che la linea collegasse Napoli a Nocera Inferiore, con anche un ramo per Castellammare.

Inaugurazione della prima linea ferroviaria italiana
PH: wikipedia.org

Dato che il giorno dell’inaugurazione non era ancora pronto tutto il tratto, si decise che il primo viaggio avvenisse con partenza dalla località di Portici in direzione Napoli.

Come riportato da IlPost, il re dell’allora Regno delle due Sicilie, Ferdinando II di Borbone, precedette il convoglio e a mezzodì diede inizio alle danze. Con un profondo discorso inaugurò così la prima linea ferroviaria italiana:

Questo cammino ferrato gioverà senza dubbio al commercio e considerando come tale nuova strada debba riuscire di utilità al mio popolo, assai più godo nel mio pensiero che, terminati i lavori fino a Nocera e Castellammare, io possa vederli tosto proseguiti per Avellino fino al lido del Mare Adriatico

Il primo viaggio

La locomotiva e le sette carrozze impiegarono circa una decina di minuti per percorrere un tratto di 7 km e 250 metri. 48 furono gli invitati speciali a bordo, in aggiunta ad una rappresentanza di centinaia tra ufficiali, marinai, fanti e artiglieri dell’esercito reale.

La prima locomotiva (quella del viaggio inaugurale, detta Vesuvio) era a vapore e trainò i vagoni seguenti con una potenza di 65 cavalli, ad una velocità massima di 50 km/h. Numeri del tutto limitati, ma pur sempre di rispetto per quell’epoca, considerando le oltre 46 tonnellate di massa complessiva da spostare.

Inaugurazione della prima linea ferroviaria italiana
PH: Locomotiva Vesuvio, wikipedia.org

Già ad inizio dicembre venne introdotta la successiva locomotiva Bayard. Con una lunghezza di 9.48 metri, una massa in servizio di 13 tonnellate e un diametro delle ruote motrici di oltre 1 metro e mezzo, anche lei era in grado di sviluppare una potenza di 65 cavalli, con punte di velocità massima fino a 60 km/h.

Inaugurazione della prima linea ferroviaria italiana
PH: Locomotiva Bayard, wikipedia.org

Le ferrovie ai nostri giorni

Oggi i tempi sono nettamente cambiati diversificando le possibilità di mobilità. Ciò non toglie che il trasporto su rotaia rimanga ancora una scelta gettonata e fonte di continue ricerche per aumentarne le velocità e ridurre le tempistiche del trasporto stesso.

Anche se non ancora in grado di coprire tutto il territorio nazionale, le linee ad alta velocità permettono collegamenti rapidi e comodi tra le principali città. Per quanto riguarda l’innovazione e la tendenza futuristica basti pensare al Maglev e al progetto Hyperloop, di cui Elon Musk è ideatore.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su vehiclecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Marco Ferrazzohttps://vehiclecue.it
Laureato in Ingegneria Aerospaziale presso il Politecnico di Milano e attualmente studente di Ingegneria Aeronautica con indirizzo Aerodinamica. Entrato a far parte del team di Vehicle da dicembre 2018. Mi piace la natura e l'avventura, per questo amo il trekking in montagna, praticare arrampicata e immergermi in apnea.