Home » Incidente Leclerc a Monaco sulla 312B3 di Lauda: ecco la foto che mostra la pastiglia del freno rotta persa pochi attimi prima

Incidente Leclerc a Monaco sulla 312B3 di Lauda: ecco la foto che mostra la pastiglia del freno rotta persa pochi attimi prima

La foto mostra i detriti rimasti della pastiglia staccata dal disco del freno anteriore sinistro

Categorie Motorsport

Nella giornata di ieri si è tenuto l’evento annuale del Gran Premio storico di Monaco. Si tratta di un evento in cui si può gareggiare con le monoposto di Formula 1 degli anni Sessanta, Settanta ed Ottanta sul leggendario tracciato cittadino di Monte Carlo. Rappresenta un vero e proprio raduno di piloti del passato e del presente provenienti da tutto il mondo. Tuttavia, però, non mancano gli inconvenienti come gli incidenti e non sempre è colpa di chi guida questi pezzi di storia su ruote. Anche con quelle monoposto storiche il guasto tecnico è sempre dietro l’angolo. Durante un giro dimostrativo, Charles Leclerc è stato protagonista di uno strano incidente alla curva Rascasse mentre era alla guida della Ferrari 312B3.

La dinamica, inizialmente, è parsa un po’ strana: dalla diretta TV, Leclerc sembrava aver mancato completamente il punto di frenata e dopo un testacoda finale aveva sbattuto con il posteriore contro le barriere. Pochi minuti dopo, Leclerc e Ferrari avevano confermato un problema con i freni. Tuttavia in giro c’era ancora dello scetticismo sulla possibilità di voler mascherare un potenziale errore dell’attuale pilota della Ferrari. La dinamica, tuttavia, è stata confermata in via definitiva attraverso uno scatto pubblicato da Motorsport.com che mostra proprio un pezzo di disco del freno perso pochi attimi prima dell’incidente. Questa prova, spegne inconfutabilmente l’errore da parte del pilota.

L’incidente di Charles Leclerc sulla Ferrari 312B3

Dopo il contatto contro le barriere, Leclerc è riuscito a ripartire con l’auto danneggiata. Tuttavia il pilota monegasco ha preferito fermare la monoposto sul rettilineo principale mentre del fumo fuoriusciva dalla parte posteriore della vettura.

Subito dopo Leclerc ha confermato: “Ho perso i freni. Ho perso i freni! Ho frenato, il pedale era duro ed è affondato a terra“, ha detto.”Sono stato fortunato ad aver avuto il problema in quel momento, perché se l’avessi avuto in un altro posto non sarebbe andata altrettanto bene. Il problema è che mi sono spaventato. Sono arrivato normalmente in curva“.

La pastiglia del freno anteriori sinistro frantumata persa dalla Ferrari 312B3 che stava guidando Leclerc – Crediti foto: Motorsport.com

Come mostra la fotografia esclusiva di Motorsport.com, l’incidente di Leclerc sembra essere stato causato da un guasto totale del freno anteriore sinistro. L’immagine scattata poco prima dell’incidente di Charles Leclerc mostra una pastiglia del freno rotta sull’asfalto dopo che si era staccata dal disco anteriore sinistro.

Senza possibilità di frenare sulla parte anteriore sinistra dell’auto, i freni si sarebbero bloccati completamente sul lato destro, lasciando Leclerc impotente poiché l’auto sarebbe scattata istantaneamente a destra provocando il testacoda. La Ferrari 312B3 che Leclerc stava guidando a Monaco è di proprietà della Methuselah Racing, che ha sede a Colonia e guidata da Mario Linke. Lauda ha corso con una 312B3 durante il suo primo anno con la Ferrari nel 1974. È arrivato secondo nella sua prima gara per la squadra in Argentina e ha ottenuto la sua prima vittoria al GP di Spagna di quell’anno. Avrebbe aggiunto un’altra vittoria quell’anno al GP d’Olanda.

Quando pensi di aver già avuto tutta la sfortuna possibile sulla pista di Monaco“, ha commentato Leclerc, “ecco che ti ritrovi senza freni alla Rascasse al volante di una delle Ferrari di Formula 1 più iconiche di sempre”. Nella stessa curva, nel 2019 Leclerc, al suo primo anno in Ferrari, fu protagonista di un contatto con la Renault di Nico Hulkenberg durante un tentativo di sorpasso. Il contatto mise fine alla sua rimonta dopo aver preso il via dalla sedicesima posizione a causa di un errore di strategia in qualifica. La “maledizione” di Monaco colpisce ancora. Vedremo quest’anno se il pilota monegasco riuscirà a terminare un Gran Premio senza guasti o incidenti.

Lascia un commento