Home » Italdesign Voyah i-LAND: quando lusso ed elettrico si incontrano

Italdesign Voyah i-LAND: quando lusso ed elettrico si incontrano

Categorie Automotive · Eco Mobility e Self Driving

C’è molta Italia nel progetto i-LAND, presentato in anteprima mondiale al Salone dell’Auto di Pechino 2020. Tutte le fasi di sviluppo del concept sono state sotto la responsabilità di Italdesign, dallo stile degli interni e degli esterni allo sviluppo dell’interfaccia uomo-macchina a bordo, passando per lo sviluppo ingegneristico e la costruzione del concept. Così come il logo aziendale di Voyah, sottomarca della casa cinese  Dongfeng, dedicato alla mobilità elettrica di lusso. Per il management di Voyah, le auto non sono solo oggetti intelligenti e tecnologici, ma veri e propri ecosistemi vitali e aperti. Ispirati da questa filosofia, i designer e gli ingegneri di Italdesign hanno creato la Voyah i-LAND, unendo ergonomia e tecnologia all’avanguardia con soluzioni estetiche innovative, puntando sempre a fondere forma e funzione.

Voyah i-LAND
Voyah i-LAND

Italdesign Voyah i-Land: leggera, silenziosa ed elegante

L’estetica della i-LAND si ispira alla tradizione italiana delle vetture Gran Turismo. Sfrutta la piattaforma elettrica ESSA (Electric, Smart & Secure Architecture), messa a disposizione dal brand cinese, per ottenere un profilo basso e affusolato. Le caratteristiche “esotiche” tipiche di un concept sono concentrate nelle grandi porte ad ala di gabbiano, che consentono ai passeggeri anteriori e posteriori di accedere contemporaneamente all’auto, ai gruppi ottici anteriori e posteriori e alla griglia anteriore illuminata a LED.

Gli interni della Italdesign Voyah i-LAND
Gli interni della Italdesign Voyah i-LAND

Il particolare design delle luci anteriori, ufficialmente chiamate “winged headlights” (dall’inglese luci alate), caratterizzano fortemente la i-LAND, rendendola riconoscibile anche al buio. Essendo Italdesign responsabile anche della creazione del logo aziendale, lo sviluppo stilistico della vettura è andato di pari passo con la creazione del logo aziendale. Il posteriore della concept car richiama esplicitamente la tradizione italiana delle vetture Gran Turismo con la classica coda troncata e coniuga elemento estetico e funzione aerodinamica.

Nella vista dall’alto, la scultura del cofano riprende il linguaggio stilistico della maison cinese, perfettamente armonizzato anche nel design della calandra.

Gli interni

La Italdesign Voyah i-LAND presenta interni da capogiro con la sua disposizione a tre posti. Offre una postazione nella parte posteriore destra per il relax e lo smart working. Il sedile accanto al guidatore è stato sostituito da un elemento che può diventare un tavolo o un poggiapiedi se necessario. Una serie di display di generose dimensioni sia per i sistemi di ausilio alla guida che di infotainment caratterizzano la plancia. Alcuni elementi estetici esaltano la sensazione generale di lusso vissuta a bordo dell’auto, come le palette posizionate nel tunnel centrale, con il pulsante start stop, la selezione delle marce e l’aria condizionata, che richiamano il logo Voyah, il soffitto dell’auto, come così come le cuciture dei sedili.

Gli interni con abitacolo a tre sedili
Gli interni con abitacolo a tre sedili

L’auto si basa sull’architettura elettrica intelligente nativa ESSA di Voyah, impostata sulla tecnologia EIC. Essa integra la connessione di rete intelligente WindLink 4.0, la tecnologia di guida autonoma di livello 3 e altre configurazioni di base. In termini di potenza e durata della batteria, Voyah fornisce soluzioni MVP (Multi-choice important power). Essendo solo un prototipo non sono stati pubblicati dati tecnici a riguardo. Se l’auto dovesse essere realizzata in serie, allora, la casa automobilistica, molto probabilmente, condividerà la scheda tecnica della Italdesign Voyah i-LAND.

Vista posteriore
Vista posteriore

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa Italdesign

Lascia un commento