Home » Ken Block: dai rally a YouTube

Ken Block: dai rally a YouTube

Categorie Eventi e News

Ken Block pilota di rally e spericolato stuntman nato nel 1967 a Long Beach, si dedica fin da piccolo allo skateboard, snowboard, motocross e nel 1993 fonda insieme a Damon Way l’azienda DC Shoes (oggi colosso nel mondo dello streetwear e degli action sport); vende il suo brand per 87 milioni di dollari e comincia nel 2005 a bordo di una Subaru Impreza WRX Sti la sua carriera rallistica.

Seguiranno vittorie, imprese eccezionali ed apparizioni televisive nei più importanti programmi e siti dedicati all’automobile; in partnership con la DC Shoes egli approda su YouTube con i suoi famosi video della Gymkhana, appare in una puntata del programma televisivo Top Gear esibendosi in un aeroporto dismesso e collabora con la Codemasters per i videogiochi DiRT 2, 3 e DiRT Showdown.

Nel 2010 fondato il Monster World Rally Team, nonostante i suoi piazzamenti non tanto buoni in campionato, prosegue nella carriera da stuntman promuovendo sia la sua immagine che i vari sponsor che lo accompagnano nelle imprese.

Nel 2015 Block continua a gareggiare nel Global RallyCross Championship ed annuncia che non avrebbe più corso nel World Rally Championship.

Vi proponiamo i suoi piazzamenti nel mondiale rally:

Wikipedia

Tra le auto guidate da Ken Block nelle competizioni ricordiamo, oltre alla Subaru Impreza WRX (versione più sportiva del modello Impreza, realizzata a partire dal 1994), la Ford Focus RS WRC (una versione da competizione della Ford Focus, progettata per competere nel Campionato del mondo rally) e la Ford Fiesta RS WRC (vettura da rally costruita dalla M-Sport, reparto sportivo della Ford) alle quali vanno aggiunti tutti gli innumerevoli veicoli utilizzati per le sue evoluzioni.

autoevolution.com YouTube

 

 

 

 

 

 

Ken block funambolico pilota, imprenditore e stuntman, specializzato in “drifting” ma non solo, una vera e propria icona, è oggi un personaggio molto seguito ed è diventato un idolo del pubblico appassionato di motori.

 

Lascia un commento