Home » C’è stato un maxi tamponamento in Cina a causa della nebbia

C’è stato un maxi tamponamento in Cina a causa della nebbia

È avvenuto nel centro del paese asiatico e ha coinvolto circa 200 veicoli.

Categorie Eventi e News
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Un maxi tamponamento si è verificato in Cina oggi, mercoledì 28 novembre, in mattinata. Siamo più precisamente nella città di Zhengzhou, città con 10,35 milioni di abitanti capoluogo della provincia di Henan. Il fatto è accaduto, così riportano i media cinesi, più precisamente la CCTV, a causa della forte nebbia.

Più di 200 i veicoli coinvolti

Il maxi tamponamento è avvenuto sul ponte Zhengxin Huanghe, che dà sul fiume Giallo, e in quel momento la visibilità era davvero bassa, inferiore ai 250 metri. Dal video sottostante si può vedere quanto fosse fitta la nebbia. Ed è proprio per questo motivo che la nebbia risulta essere tra i fattori scatenanti dell’evento, nel quale sono rimasti coinvolti oltre 200 veicoli tra tir e automobili. Molti dei passeggeri all’interno dei veicoli sono rimasti intrappolati e una persona è purtroppo deceduta.

I soccorsi – tra cui 66 vigli del fuoco – sono arrivati prontamente sul luogo per soccorrere i feriti, così come la polizia, che dopo un po’ ha deciso di chiudere il traffico veicolare in entrambe le direzioni. Di seguito riportiamo delle immagini aeree che danno un’idea della gravità del maxi tamponamento.

La Cina e i maxi tamponamenti

Non è la prima volta che si verificano maxi tamponamenti in Cina. E quello odierno non è stato neanche il più grave per numero di morti. Basti pensare che, ad esempio, nel novembre del 2017 in un incidente simile avvenuto nella città di Fuyang morirono ben 18 persone, e in più altre 21 rimasero ferite. La forte nebbia dovuta all’alto tasso di inquinamento ha tra le sue conseguenze quella di causare incidenti per via della visibilità estremamente ridotta, che non di rado risulta anche inferiore ai 50 metri. Per prevenire questi eventi, spesso le autorità sono costrette addirittura a chiudere le strade alla circolazione, con i relativi disagi.

Lascia un commento