McLaren Senna GTR: la hypercar da pista

La McLaren Senna GTR è la vettura definitiva da corsa da parte di McLaren. Il meglio del meglio senza limitazioni regolamentari.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

Appena dodici mesi dopo essere stata presentata come concept car al Salone Internazionale di Ginevra del 2018, la McLaren Senna GTR è stata rivelata come una vera e propria bestia da pista, senza compromessi, e senza vincoli da regolamenti su strada o per le corse.

Il risultato è una macchina in grado di affrontare i circuiti più velocemente di qualsiasi McLaren, tranne che quella da Formula 1, fornendo ai suoi proprietari un’esperienza di guida su pista senza precedenti.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

La McLaren Senna GTR prende il nome dalla McLaren Senna, l’omonima versione omologata per la strada. La Senna GTR vanta 1.000 kg di carico aerodinamico e utilizza le sospensioni derivate dal programma GT3 della McLaren.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

La McLaren Senna GTR è un perfetto esempio della nostra determinazione a portare ai nostri clienti l’espressione massima delle prestazioni e dell’eccitazione della guida su pista. La McLaren Senna è stata progettata fin dall’inizio per essere un’auto da pista estrema, ma la McLaren Senna GTR Concept 2018 ha suggerito come molto più lontano potremmo andare e ora, liberi dai vincoli della legislazione sulle auto stradali e dalle regole sulla concorrenza degli sport motoristici, abbiamo spinto i limiti di ciò che è tecnicamente possibile per far progredire le capacità di guida del circuito a un altro livello” spiega Mike Flewitt, Amministratore delegato di McLaren Automotive.

McLaren Senna GTR: il motore

La McLaren Senna GTR è alimentata dalla versione più estrema del motore V8 4.0 litri con doppio turbocompressore mai costruito dalla McLaren. L’unità M840TR, con turbocompressori a doppio scorrimento a controllo elettronico, eroga 825 cv ed una coppia di 800 Nm. I 25 CV in più sul motore della McLaren Senna sono stati ottenuti ricalibrando il controllo del motore e rimuovendo il catalizzatore secondario per ridurre la contropressione. La rimozione del catalizzatore aumenta anche il sound della McLaren Senna GTR.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

Il sistema di scarico, che si conclude con le “marmitte laterali” appena prima delle ruote posteriori, è stato sostituito con un sistema di uscita posteriore più convenzionale sulla macchina di produzione, con i tubi ora emergenti sotto l’ala posteriore. Il cambiamento è stato fatto per i più puri motivi di ingegneria: i terminali posteriori hanno fornito il percorso più breve e più veloce per far uscire i gas di scarico, riducendo il peso e riducendo la complessità della costruzione in generale.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

Con 825 CV e un peso a secco più leggero di 1.188 kg, il rapporto peso/potenza di 694 CV per tonnellata della McLaren Senna GTR supera di gran lunga non solo quello della McLaren Senna, ma ogni altra vettura McLaren da strada o da pista attualmente in produzione.

Si può selezionare tra tre modalità di guida: Wet, Track e Race. La nuova impostazione Wet, che offre un maggiore supporto dall’ESP e dai sistemi elettronici, è particolarmente indicata per l’uso con pneumatici da bagnato. La trasmissione, che include una funzione Launch Control, è la stessa 7 marce più retromarcia Gear Shift Gearbox (SSG) che si presenta nella McLaren Senna omologata per la strada.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

L’aerodinamica

Come già detto, la McLaren Senna GTR genera livelli sorprendenti di carico aerodinamico, con un picco di oltre 1.000 kg, un aumento significativo rispetto agli 800 kg sviluppati dalla dalla Senna stradale a 250 km/h. Il pacchetto aerodinamico della McLaren Senna GTR offre effetti positivi nelle curve ad alta velocità, ma anche in quelle a bassa velocità e in frenata.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

Lo splitter anteriore è stato riprofilato e il diffusore posteriore si è ridotto di dimensioni per ottimizzare le prestazioni e soddisfare gli standard di prestazione richiesti. Altre modifiche rispetto al Concept includono nuovi piani di immersione sugli angoli anteriori e generatori di vortici su entrambi i lati dell’auto per garantire un flusso d’aria stabile al di sotto della scocca.

Il nuovo splitter anteriore presenta una sezione centrale rialzata per convogliare l’aria sotto la macchina che va verso il nuovo diffusore rielaborato. L’efficienza del diffusore è a sua volta stata ottimizzata dalla nuova ala posteriore caratterizzata da un design che deriva dalle vetture LMP1 (quelle che partecipano alla 24 Ore di Le Mans, per intenderci).

Rispetto all’ala standard della McLaren Senna montata sulla GTR Concept 2018, l’ala della McLaren Senna GTR è stata riprofilata e riposizionata, essendo stata spinta all’indietro in modo che il suo bordo posteriore sia ora al di fuori dell’impronta della vettura. Questa nuova posizione, consente all’ala di essere accoppiata al diffusore, sfruttando al meglio l’aria che fluisce sul retro dell’auto.

L’ala può essere “bloccata” in posizione di stallo per massimizzare la velocità massima grazie a un sistema di riduzione automatica della resistenza (DRS), in pieno stile F1.

La carrozzeria

La McLaren Senna GTR porta la padronanza della fibra di carbonio di McLaren a un nuovo livello di realizzazione, combinando la leggerezza con l’immensa rigidità strutturale. Una delle vetture più leggere che la McLaren Automotive abbia mai prodotto, la McLaren Senna GTR punta la bilancia in condizioni di asciutto a 1,188 kg.

Al centro della McLaren Senna GTR c’è una struttura centrale McLaren Monocage III-R, una cella di sicurezza in fibra di carbonio con roll-bar integrato e punti di fissaggio per imbracatura integrati. C’è un telaio anteriore e telaio del motore in alluminio, con traverse composte anteriori e posteriori. La natura estrema, ispirata alle corse, del corpo in composito di carbonio appare più decisa che mai, con un telaio che è più largo di quello della Senna e più basso di 34 mm. La carreggiata anteriore è aumentata di 77 mm, e quella posteriore è più larga di 68 mm.

Molte delle comodità montate sulla Senna stradale sono state eliminate per la Senna GTR, inclusi i touch screen e il sistema audio. Per ottimizzare il comfort, l’aria condizionata è stata mantenuta. Il parabrezza e i finestrini laterali, con apertura scorrevole, sono in policarbonato.

Gli interni

La McLaren Senna GTR è solo con la guida a sinistra, riconoscendo il fatto che la posizione del posto guida è meno rilevante in una vettura da pista. È stato installato un sedile da gara in fibra di carbonio leggero approvato dalla FIA con l’imbracatura a sei punti e c’è un posto passeggeri disponibile come opzione a costo zero. C’è una finitura satinata per gli elementi in fibra di carbonio degli interni. Il quadro strumenti pieghevole e il volante della vettura stradale sono stati sostituiti da elementi specifici per le gare. La schermata del pilota visualizza i dati chiave nelle forme più semplici, con una fila di LED del cambio lungo il bordo superiore del volante. I LED sul lato del pod eseguono il conto alla rovescia della distanza di chiusura delle auto dietro grazie al sistema radar anti-collisione standard, come utilizzato dalle auto da corsa endurance di alto livello. Un display centrale aggiuntivo, che sostituisce il touch-screen della Senna stradale, mostra la vista dalla telecamera posteriore.

McLaren Senna GTR: la hypercar da pista
PH: netcarshow.com

Il volante specifico per le gare si basa sulla ruota della vettura GT3, ma con una diversa funzionalità per i pulsanti. Il volante è dotato di un sistema di sgancio rapido e di palette di cambio integrate.

La McLaren Senna GTR è equipaggiata con una radio pit-to-car e due telecamere di bordo: una rivolta in avanti e una nell’abitacolo. Ci sono semplici pulsanti on-off per il launch control e per il controllo della velocità della corsia dei box. Come nel caso della stradale, anche per la McLaren Senna GTR, il pulsante di avviamento del motore è montato sul tetto. E quando viene premuto il grande pulsante rosso, la McLaren Senna GTR inizia a ringhiare, pronta a offrire emozioni estreme sulla pista che hai scelto. 75 fortunati acquirenti cominceranno già a pensare seriamente su che pista si dirigeranno.