Home » Mercedes: 130 anni fa, nel 1892, fu realizzata la prima auto di lusso della storia

Mercedes: 130 anni fa, nel 1892, fu realizzata la prima auto di lusso della storia

La Daimler Motor Car compie 130 anni questo mese. Ecco la sua storia

Categorie Automotive

Nel mese di agosto del 1892 fu realizzata la prima auto di lusso della storia. Fu chiamata Daimler Motor Car e oggi può essere vista da vicino nel museo Mercedes. Il costruttore tedesco ha inaugurato una “rubrica” del suo museo chiamata “Close-up” da immaginare come una vera e propria serie TV. Ogni puntata racconta una storia sorprendente, emozionante o dietro le quinte, puntando i riflettori sui dettagli di un veicolo, una mostra o un elemento di architettura e design. Questa volta tocca proprio alla Daimler appena citata.

La Daimler Motor Car sulla sinistra insieme alle Mercedes 770 - Crediti foto: Mercedes
La Daimler Motor Car sulla sinistra insieme alle Mercedes 770 – Crediti foto: Mercedes

Questa mostra che ripercorre i 130 anni sembra poco appariscente nella stanza che ospita la Collezione 4: “Gallery of Names of the Mercedes-Benz“. La piccola Daimler Motor Car del 1892 nel museo si trova proprio accanto a due Mercedes-Benz 770 “Grand Mercedes” (W 07) degli anni ’30. Ma si adatta perfettamente lì perché è l’auto di prestigio più antica del mondo.

Mercedes: la storia della Daimler Motor Car

È da vicino che scopri il suo vero significato. La Motor Car è stato il primo modello di automobile venduto da Daimler-Motoren-Gesellschaft (DMG) e nel 1892 fu un’auto estremamente esclusiva. Considerando il numero effettivamente prodotto, è quasi un eufemismo. Dopotutto, sei anni dopo l’invenzione dell’automobile, solo pochi clienti selezionati poterono godere di questo innovativo mezzo di trasporto. Nel 1895, DMG aveva costruito solo dodici autovetture. Tuttavia, fu comunque una svolta storica.

Il veicolo – che sembra quasi banale guardandolo con gli occhi di oggi con la sua carrozzeria a forma di scatola e il sedile a panca aperto su quattro ruote di legno, quelle anteriori leggermente più piccole – ha inviato un forte segnale e il suo nome diceva tutto. Sembrava una carrozza ma non aveva bisogno di cavalli per muoverla. Di lì a poco l’automobilismo sarebbe diventato la forma di locomozione per eccellenza.

Crediti foto: Mercedes
Crediti foto: Mercedes

130 anni fa, una clientela illustre si interessava a questo innovativo mezzo di trasporto. “Sultan, Morocco” fu la prima voce negli ordini DMG nel 1892: come primo cliente dell’azienda, Mulai al-Hassan I ricevette una Daimler Motor Car. Il sovrano del Marocco della dinastia alawide regnò dal 1873 al 1894. Prima di ricevere l’innovativo veicolo da Cannstatt, apparve davanti ai suoi sudditi su cavalli nobili.

Il fatto che il sovrano sia diventato uno dei primi clienti di Daimler con l’acquisto dell’autovettura rientra nella storia del marchio. L’azienda con sede a Cannstatt offrì un prodotto per soddisfare le richieste più esigenti nel 1892. Pertanto, questa automobile gettò anche le basi per la storia di Mercedes-Benz come la più antica casa automobilistica di lusso del mondo.

L’automobile consegnata al Sultano il 31 agosto 1892 aveva un aspetto leggermente diverso dal veicolo esposto nel Museo Mercedes-Benz, come documentato dalla foto accanto alla descrizione della mostra. Il clima in Marocco richiedeva un parasole, e così gli fu dato un baldacchino ornato di velluto, nappe in filo d’oro e finiture in ebano come ulteriori accorgimenti speciali. Chiaramente, 130 anni fa non era possibile una scelta più ampia in termini di caratteristiche delle vetture.

Sia la parte anteriore che quella posteriore del veicolo nel Museo recano i distintivi del produttore ben visibili della Daimler-Motoren-Gesellschaft di Cannstatt. Il motore è discretamente integrato nella carrozzeria, realizzata dal carrozziere di Stoccarda Otto Nägele. Tra gli elementi identificativi visibili nell’auto vi sono la cremagliera dello sterzo davanti al sedile, una grande ruota dentata con una solida trasmissione a catena tra le ruote posteriori e altri elementi meccanici.

Daimler Motor Car
Daimler Motor Car

Il liquido di raffreddamento circolava attraverso i tubi d’acciaio del telaio del veicolo. Un freno di stazionamento esterno tiene l’auto ferma, agendo sulle ruote con pneumatici in gomma piena. Il capo progettista Max Schroedter sviluppò l’auto dall’auto con ruote in acciaio di Gottlieb Daimler e Wilhelm Maybach del 1889, da cui il soprannome comune “auto Schroedter”. Il nuovo veicolo aveva un motore bicilindrico con una cilindrata di 1.060 centimetri cubi, che erogava 1,47 kW (2 CV) a 700 giri/min. La potenza veniva trasmessa per gentile concessione di un cambio a tre velocità e un differenziale sull’asse posteriore. La velocità massima era di 18 km/h.

La velocità massima potrebbe non risultare affatto interessante ai giorni d’oggi. Ma 130 anni fa non era solo una velocità di riferimento in assoluto, ma anche la prova dell’efficienza del motore a combustione. A quanto pare Mulai al-Hassan I ne fu così entusiasta che non si fermò all’Automobile: il 31 agosto 1892 ricevette anche una barca con la nuova trasmissione a motore da DMG. A quel tempo non era immaginabile superare questo impressionante livello di innovazione.

Daimler Motor Car
Daimler Motor Car

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa Mercedes

Lascia un commento