SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Nave ospedale Splendid per combattere il Coronavirus

Da pochi giorni è avvenuta la consegna della nave Splendid alla Regione Liguria. Il traghetto è stato allestito come nave ospedale per affiancare le strutture sanitarie liguri nell’assistenza dei pazienti affetti da coronavirus.

L’emergenza coronavirus sta mettendo in ginocchio molti ospedali in tutta Italia; nonostante la tenacia del personale sanitario i posti letto scarseggiano e spesso si è costretti a sfruttare ogni spazio disponibile negli ospedali, tra cui i corridoi dei reparti. In questa difficile situazione c’è chi sta dando un aiuto notevole a fronteggiare l’emergenza.

Infatti la compagnia GNV (Grandi Navi Veloci) ha consegnato alla Regione Liguria la nave ospedale Splendid allestita per ricevere alcuni dei pazienti provenienti da ospedali liguri e da altre regioni del nord Italia.

Nave ospedale Splendid: come è organizzata?

Tutti gli spazi sono stati riprogettati per rispettare le norme del decreto emanato dal presidente del Consiglio dei ministri.
Le cabine sono state isolate le une dalle altre con lo scopo di contenere il coronavirus. In questo senso un importante intervento ha riguardato l’impianto di aerazione che è stato convertito in impianto ad aerazione esterna indipendente per ogni locale, al fine di evitare la diffusione del virus.

Nave ospedale Splendid
PH: primocanale.it

Le prime 25 cabine sono già pronte e saranno operative a partire da lunedì 23 marzo 2020. Queste sono dotate di alcuni comfort tra cui la TV e il WiFi per consentire un miglior soggiorno alle persone in convalescenza che ospiteranno. In queste camere, infatti, alloggeranno pazienti che avranno necessità di assistenza durante il loro percorso post ospedaliero, da un minimo di 7 fino ad un massimo di 20 giorni, prima di “venire dimessi per esito negativo del test o con obbligo di domiciliazione“.

Il progetto è stato realizzato da GNV e dal Rina in stretta collaborazione con la Protezione civile e il sistema sanitario regionale. La nave si trova ora al porto di Genova dove rimarrà fino alla conclusione dell’emergenza. Un’altra sfida sarà poi quella di trovare il personale ospedaliero necessario per gestire questi ulteriori locali. E’ già stato definito, infatti, che l’equipe medica a bordo della nave ospedale dovrà essere composta da 6 medici, 15 infermieri, 12 operatori socio-sanitari e 2 assistenti sanitari, almeno per la gestione delle prime 25 cabine iniziali. Il coordinatore del team sarà Giacomo Zappa, dirigente medico dell’ospedale Evangelico Internazionale.

E’ vero che i 25 posti inizialmente attrezzati sono un numero assai limitato, ma si farà di tutto per rendere disponibili al più presto le altre aree. Si stima che si possa arrivare ad avere tra i 300 e i 400 posti letto interamente dedicati a pazienti Covid-19.

Una nave ospedale in questa emergenza deve presentarsi in maniera simile, per architettura organizzativa, a quelle della Marina Militare. Ed è per questo motivo che sarà allestito un ambulatorio di Pronto Soccorso nei garage ai piani inferiori, in modo da poter essere raggiunto velocemente e facilmente dalle ambulanze.

Qui è possibile vedere le recenti riprese fatte a bordo della nave:

Il Presidente della regione Giovanni Toti, relativamente alla nuova nave ospedale, commenta così:

“Operai al lavoro, senza sosta, per trasformare la nave GNV Splendid in un luogo che ospiterà, già nei prossimi giorni, le degenze post ospedaliere dei nostri malati di coronavirus. In mezzo a milioni di parole a noi piacciono i fatti. Sono l’unica cosa che conta. Grazie al gruppo MSC che anche in questo momento si dimostra vicino alla Liguria e a Genova, come già aveva fatto in passato. Noi non molliamo! Insieme ce la faremo. Forza liguri, forza italiani!”

Articolo a cura di Ilaria di Vittorio e Marco Ferrazzo

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su vehiclecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.