Home » Alpine 110: ecco la versione più estrema R pensata per la guida in pista

Alpine 110: ecco la versione più estrema R pensata per la guida in pista

Meno peso, aerodinamica ottimizzata, motore più prestante: questi sono gli ingredienti per rendere ancora più veloce la Alpine A110R

Categorie Automotive · Autoveicoli

Alpine stupisce con la nuova A110R 2023, la versione più estrema della berlinetta a motore centrale francese. La lettera R rimanda alla parola Radicale, a indicare l’assenza di compromessi per estrarre il massimo del potenziale dalla Alpine A110. Si è agito in particolare sul peso, che è stato abbassato di poco più di 30 kg, sull’aerodinamica e sul propulsore, la cui potenza è ancora maggiore, raggiungendo la soglia dei 300 CV. Con queste premesse, è evidente come la nuova Alpine A110R sia particolarmente indicata per la guida in pista.

Prodotta in Francia, presso la Manufacture Alpine Dieppe Jean Rédélé, la nuova Alpine A110R 2023 si potrà ordinare già a partire da novembre 2022, con consegne nel 2023.

Una nuova veste aerodinamica

Per ottenere migliori prestazioni in pista, in Alpine si è lavorato per ottenere il miglior compromesso tra carico aerodinamico e resistenza all’avanzamento. Se analizziamo il frontale possiamo vedere che è rimasto lo splitter (in carbonio) già presente sulla A110S, con la differenza che gli otturatori di ingresso dell’aria sono integrati nel paraurti. Questo permette di guadagnare 14 kg di carico aerodinamico.

Nuova Alpine A110R 2023

Le minigonne laterali in fibra di carbonio sono nuove, e sono state studiate per “pulire” i flussi d’aria nel sottoscocca, lavorando in sinergia con lo splitter anteriore e il nuovo diffusore. Un ulteriore accorgimento è la presenza di una pinna integrata nelle minigonne davanti alle ruote posteriori per deviare i flussi d’aria, ottimizzando ancora di più l’efficacia dell’Alpine A110R lato aerodinamica. Questo avviene assieme ai cerchi in fibra di carbonio, che al posteriore hanno un disegno specifico, risultando semicarenati.

Passiamo al posteriore dell’Alpine A110R. Le due novità più evidenti sono costituite dal nuovo diffusore e dal nuovo alettone. Il diffusore è realizzato in fibra di carbonio e fibra di vetro per ridurre il peso e, a differenza della Alpine A110S, è di dimensioni maggiori. In questo modo, assieme al fondo piatto genera una maggiore quantità di carico aerodinamico. Nel diffusore sono integrati il doppio scarico, posto in posizione centrale, e due pinne laterali per limitare le turbolenze. Una novità non visibile, ma utile per generare maggior carico dal fondo piatto, è costituita dai bracci delle sospensioni posteriori carenati.

Nuova Alpine A110R 2023

L’alettone posteriore rispetto alla Alpine A110S è stato soggetto a delle modifiche. In particolare risulta essere meno inclinato, più arretrato e dotato di un angolo di attacco ridotto. I supporti sono a collo di cigno allo scopo di evitare il distacco del flusso d’aria sul lato inferiore. Essendo un’area a bassa pressione, questa parte è molto sensibile e qualsiasi turbolenza rischia di ridurne l’efficienza. La stabilità ad alta velocità è garantita dal maggior carico sul retrotreno, che grazie a queste modifiche è maggiore di 29 kg alla velocità massima.

Nuova Alpine A110R: ecco dove si è agito per ridurre il peso

Per la Alpine A110R si è fatto largo uso di materiali come la fibra di carbonio per ridurre il peso dell’auto. In totale il risparmio di peso è quantificato in 34 kg, il che ha permesso di scendere sotto i 1.100 kg (precisamente ci si è fermati a 1.082 kg) e di ottenere un ottimo rapporto peso potenza, pari a 3,6 kg/CV. La fibra di carbonio è stata utilizzata in particolare per cofano, cerchi, lunotto posteriore e sedili.

Il cofano fa risparmiare 2,9 kg e presenta inoltre due prese d’aria supplementari, che creano due canalizzazioni, al fine di aumentare ulteriormente l’efficienza aerodinamica. Questo dona anche maggiore aggressività all’Alpine A110R, anche grazie al fatto che la fibra è a vista.

Nuova Alpine A110R 2023

È ancora più sorprendente il lavoro che è stato fatto sui cerchi, realizzati su misura in collaborazione con Duqueline. Sono stati progettati con un triplice obiettivo: migliorare le prestazioni dell’auto grazie alla maggiore leggerezza, ottimizzare l’aerodinamica (aperti all’anteriore e più chiusi al posteriore), ma anche il raffreddamento dei freni. Il risparmio di peso rispetto all’A110 S è di 12 kg.

Altri elementi realizzati in fibra di carbonio sono le minigonne, l’alettone posteriore, e il diffusore. Anche la copertura del vano motore è realizzata in fibra di carbonio, e integra due griglie per il raffreddamento del propulsore, oltre che la terza luce di stop.

Nuova Alpine A110R 2023

All’interno troviamo dei bellissimi sedili Sabelt interamente progettati in fibra di carbonio e alcantara, riducendo di 5 kg il peso dell’auto. Il sedile del conducente e del passeggero sono dotati di cintura di sicurezza a 6 punti, una soluzione particolarmente adatta per condurre la Alpine A110R in pista. La fibra di carbonio è utilizzata anche per la consolle a ponte, mentre l’alcantara è usata per rivestire plancia e pannelli porta.

Assetto su misura, pneumatici e impianto frenante specifici per alte prestazioni

La nuova Alpine A110R ha un assetto più rigido rispetto alla A110S. Le barre antirollio sono più rigide del 10% all’avantreno e del 25% al retrotreno, mentre le sospensioni sono più rigide del 10% sia davanti che dietro. L’altezza dal suolo è diminuita di 1 cm, e può diminuire di un ulteriore centimetro a seconda della modalità di guida selezionata.

Gli pneumatici di serie sono i semi-slick Michelin Pilot Sport Cup 2 da 215/40 R18 all’anteriore e 245/40 R18 al posteriore. Gli pneumatici semislick hanno struttura rinforzata, aderenza migliorata del 15%, maggiore durata su pista, ma anche più accelerazione trasversale. Secondo Alpine questi pneumatici permettono di guadagnare 0,5 secondi al chilometro in pista.

L’impianto frenante è Brembo e prevede dischi bi-materiale con diametro di 320 mm sia all’anteriore che al posteriore. Il sistema di raffreddamento è stato studiato per le massime prestazioni su pista ed è costituito da quattro componenti. Le prese d’aria presenti su entrambi i lati dei bracci superiori dell’avantreno e i condotti fissati alla carenatura, sotto il veicolo, servono per dirigere meglio il flusso d’aria verso i dischi dei freni per raffreddarli. Grazie a questi componenti, l’efficienza/ resistenza del sistema di raffreddamento dei freni è stata migliorata di oltre il 20%.

Nuova Alpine A110R 2023

Prestazioni

Il quattro cilindri 1.8 turbo è abbinato a una trasmissione a doppia frizione con 7 rapporti e sviluppa una potenza massima di 300 CV a 6.300 rpm e una coppia di 340 Nm a partire da 2.400 rpm. La nuova Alpine A110R scatta da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi e raggiunge una velocità massima di ben 285 km/h. Alpine dichiara che la A110R nonostante le elevate prestazioni consuma relativamente poco. I dati su questi ultimi però non sono ancora stati resi noti.

Le modalità di guida sono tre: Normal, Sport e Track. In funzione della modalità scelta cambiano la reattività dell’acceleratore, la sensibilità dello sterzo, la velocità di cambi marcia e il grado di intervento del controllo di stabilità. La modalità Normal è la più adatta alla guida di tutti giorni: l’auto è più “morbida” e i consumi di carburante vengono contenuti. La modalità Sport dà un po’ più di carattere, con un assetto più rigido e una risposta più pronta di acceleratore e sterzo, e cambiate più rapide. In Track le cambiate sono ancora più veloci ed effettuabili solo tramite le palette al volante. Il controllo di stabilità in questa modalità è meno invadente. Quest’ultimo è totalmente escludibile con la modalità ESC Off.

Lascia un commento