SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

BMW iX3, il primo suv elettrico della Casa dell’Elica

BMW iX3 è la nuova suv elettrica della Casa bavarese, che andrà così a sfidare le rivali Audi, Jaguar, Mercedes

BMW iX3 è stato presentato nella giornata odierna in un evento online. Si tratta del primo suv elettrico della Casa di Monaco di Baviera, ed andrà a sfidare le rivali tedesche Audi e-tron e Mercedes EQC, a cui si aggiunge anche la Jaguar I-Pace. La natura elettrica di questo suv si può intuire dalla “i” che la lega alle BMW i3 e i8, le prime auto dell’Elica a fregiarsi di questo sotto-brand.

La BMW iX3 inaugura la partnership che BMW ha stretto con la Casa cinese Brilliance e sarà prodotta in Cina nello stabilimento di Shenyang (capoluogo della provincia del Liaoning e città più popolosa della Cina nord-orientale, con più di 8 milioni di abitanti), di proprietà di quest’ultima. Da questo sito produttivo si stima che usciranno, raggiunta la piena capacità produttiva, 520.000 BMW l’anno.

BMW iX3: dove ci siamo già visti?

La BMW iX3 è un moderno suv dalle linee classiche e che sanno un po’ di già visto. C’è un motivo ben preciso: non è altro infatti che la versione elettrificata di un modello che già conosciamo piuttosto bene, ovvero la BMW X3. Quindi questo nuovo modello non è altro che una variante della SUV di media taglia della Casa dell’Elica, che va ad affiancarsi alle classiche versioni con motore termico (benzina e diesel), e dalle quali si differenzia per alcuni dettagli che vedremo tra poco.

La BMW quindi segue, almeno inizialmente una strada alternativa rispetto ai rivali. Infatti le e-tron, EQC, I-Pace citate poc’anzi sono nate su una piattaforma inedita, mentre la iX3 utilizza la piattaforma Clar già utilizzata per altri modelli BMW, come la Serie 3, la Z4, la Serie 5, la Serie 7, l’X4, l’X5, l’X7.

A livello estetico la BMW iX3 distingue dalle BMW X3 a motore termico per alcuni dettagli ben precisi studiati per ridurre la resistenza all’avanzamento.

Nuova BMW iX3 2020

Nella parte frontale spicca l’imponente mascherina a doppio rene, con le due prese (contornate di blu all’interno) unite da una superficie cromata e chiuse per ridurre la resistenza all’avanzamento e conseguentemente migliorare il coefficiente di penetrazione aerodinamica. Vi è poi una presa d’aria trapezoidale di dimensioni ridotte che integra i radar per i sistemi di assistenza alla guida e due piccole feritoie attraverso cui passa aria che va a refrigerare l’impianto frenate.

La fiancata è classica. Unico elemento di distinzione è la finitura blu integrata nel fascione nero, il quale percorre tutta la carrozzeria, passaruota compresi. La linea di cintura sale solo in corrispondenza del terzo finestrino, per cui le superfici vetrate risultano essere ampie, e il tutto va a vantaggio della luminosità dell’abitacolo.

BMW iX3 2020

Non c’è molto da segnalare per la parte posteriore, che ha un lunotto piccolo e inclinato sormontato da uno spoiler abbastanza generoso nelle dimensioni, fanali a led a sviluppo orizzontale e due inserti blu nel finto diffusore.

Una menzione la meritano i cerchi in lega di alluminio dal disegno specifico, più aerodinamici, grazie ai quali la resistenza al rotolamento cala del 5 % e l’autonomia aumenta di 10 km. Sono inoltre più leggeri del 15 % rispetto ad altri modelli analoghi già utilizzati da BMW.

Powertrain da 210 kW

Il cuore della BMW iX3 è il sistema eDrive by BMW di quinta generazione. Si tratta di un modulo ad architettura scalabile che racchiude in unico elemento motore elettrico, trasmissione ed elettronica di potenza. Stando ai dati ufficiali, si tratta di un’unità estremamente efficiente (si parla del 93 % di efficienza) capace di erogare una potenza di 210 kW (286 CV) e 400 Nm di coppia. La potenza viene scaricata a terra attraverso le sole ruote posteriori, e consente alla BMW iX3 di portarsi a 100 km/h in soli 6,8 secondi e di raggiungere una velocità di punta pari a 180 km/h, limitata elettronicamente.

Passiamo alla batteria: costituisce un passo avanti rispetto alle altre BMW elettriche, con un miglioramento quantificabile in un buon 20 % della densità di energia all’interno delle 188 celle prismatiche. La capacità nominale è di 80 kWh, di cui 74 kWh utilizzabili. L’autonomia promessa è di 460 km se il ciclo di omologazione è il WLTP, di 520 km se è il ciclo di omologazione è il NEDC.

Debutta con la BMW iX3 il sistema di ricarica rapida a 400 Volt, che permette di collegarsi alla rete di ricarica dalla potenza massima di 150 kW: per portare la capacità della batteria dallo 0 % all’80 % saranno necessari appena 34 minuti, promette BMW. Il navigatore provvederà a segnalarvi le stazioni di ricarica e a elaborare il percorso tenendo conto delle stazioni e dell’autonomia residua del veicolo.

Non manca la frenata rigenerativa per recuperare energia in fase di frenata. La sua intensità varia a seconda della situazione: può far veleggiare l’automobile se state viaggiando a velocità costante, interviene in maniera evidente se vi state fermando a un incrocio o a un semaforo. Il guidatore ha comunque la possibilità di regolarla manualmente. In modalità automatica la frenata rigenerativa utilizza i dati raccolti dai sistemi di assistenza alla guida e dal navigatore.

Baricentro più basso rispetto alle BMW X3 standard

Come spesso accade sui veicoli elettrici, anche nel caso nella BMW iX3 le batterie sono posizionate sotto il pavimento e permettono di abbassare il baricentro di ben 7,5 cm rispetto alla BMW X3 standard. Questo consente di avere una vettura con un rollio ridotto e con una esperienza di guida in generale migliorata. Un contributo viene anche dagli ammortizzatori a controllo elettronico offerti di serie. In opzione si può avere anche l’Adaptive M Chassis, che dovrebbe rendere la BMW iX3 più sportiva.

BMW iX3

Gli interni della BMW iX3 sono esattamente come te li aspetteresti

Dimenticatevi le plance fuori dagli schemi di BMW i3 e BMW i8: infatti la plancia e in generale l’abitacolo della BMW iX3 sono identici a quelli delle più classiche sorelle con motore termico, con alcune finiture blu come unici elementi di distinzione. Questi ultimi si trovano nel volante, nella leva del cambio e nel tasto di accensione.

Interni BMW iX3

Troviamo quindi, come da tradizione BMW, una plancia a sviluppo orizzontale con la parte centrale rivolta leggermente verso il guidatore. Proprio nella parte centrale sono presenti numerosi tasti fisici al di sotto delle bocchette del clima, dai quali si possono gestire la radio e il climatizzatore stesso.

Lo schermo dell’impianto multimediale è a sbalzo e si abbina allo schermo digitale dietro il volante che fa da virtual cockpit.

Lo spazio a bordo è molto buono, così come il volume del bagagliaio: la capacità minima è di 510 litri, abbattendo i sedili posteriori (che sono in configurazione 40-20-40) si raggiunge una capienza di 1.560 litri.

Interni BMW iX3

Allestimenti e prezzi della BMW iX3

La BMW iX3 sarà disponibile inizialmente in due allestimenti:

  • Insprising, che comprende: ruote di 19 pollici, fari a led, tetto apribile, clima automatico trizona e vari sistemi di ausilio alla guida, quali il cruise control adattativo con funzione di arresto e ripartenza nel traffico e il sistema contro l’involontario cambio di corsia
  • Impressive: aggiunge ruote di 20 pollici, sedili sportivi in pelle, Park Assist e fari abbaglianti automatici.

Su tutte le BMW iX3 fa parte della dotazione di serie l’inedito sistema IconicSounds Electric, che introduce un feedback acustico che cambia a seconda della accelerazione e della velocità. Questi suoni sono stati creati in collaborazione con il compositore Hans Zimmer.

La BMW iX3 farà il suo debutto in Cina a fine 2020 e nel 2021 nel resto del mondo. I prezzi di conseguenza non sono ancora noti.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su vehiclecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Mattia Martishttps://vehiclecue.it
Mi chiamo Mattia, e studio ingegneria meccanica presso l'Università degli studi di Cagliari. Mi appassionano in generale tutti i mezzi di trasporto e in particolare le automobili.