Home » BMW S 1000 RR: tutte le novità della nuova generazione

BMW S 1000 RR: tutte le novità della nuova generazione

La BMW ha presentato la nuova S 1000 RR 2023, una evoluzione della precedente versione che introduce alcuni miglioramenti atti a migliorarne ancora le performance.

Categorie Automotive · Motocicli e Ciclomotori
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

La BMW S 1000 RR, moto sul mercato dal lontano 2009, si aggiorna per il 2023 con una nuova edizione. Rispetto alla versione precedente non abbiamo nessun stravolgimento, ma tanti affinamenti soprattutto lato motore e telaio, e l’aerodinamica è leggermente più spinta. Il risultato è una sportiva ancora più performante, con maggiore velocità e maggiore stabilità.

Una nuova veste aerodinamica e un telaio in alluminio

Se osserviamo l’aerodinamica della moto, la nuova BMW S 1000 RR 2023 si uniforma alle concorrenti, scommettendo su uno studio aerodinamico più spinto per ottenere più carico aerodinamico. Secondo BMW, le winglet presenti sulla nuova S 1000 RR sono particolarmente efficaci anche in fase di accelerazione, generando una deportanza tale da ridurre la tendenza della moto a impennare. Non solo: la nuova S 1000 RR risulterà più efficace sia in staccata che nella percorrenza delle curve. In particolare BMW dichiara che le winglet laterali generano a 300 km/h 17,1 kg di carico aggiuntivo.

Nuova BMW S 1000 RR
Credits: BMW

Anche il telaio è stato rivisto. Si tratta di una evoluzione del precedente telaio a ponte: è sempre realizzato in alluminio, ed è composto da quattro elementi pressofusi a gravità, con il motore, inclinato in avanti di 32 gradi, che funge ancora da elemento portante. Le migliorie apportate consistono in un appiattimento dell’angolo del cannotto di sterzo di 0,5° e di una riduzione dell’offset delle piastre di sterzo di 3 mm. Secondo BMW la nuova S 1000 RR 2023 acquista una maggiore sensibilità e un anteriore più comunicativo, migliorando così la precisione nella guida.

Propulsore e prestazioni

Il propulsore quattro cilindri in linea raffreddato ad acqua/olio è stato ulteriormente affinato. Si tratta di un’unità da 999 cc e sviluppa ora una potenza massima di 210 CV (+3 CV) a 13.750 rpm e una coppia massima di 113 Nm a 11.000 rpm. Rispetto alla vecchia S 1000 RR il vantaggio principale consiste in una maggiore sfruttabilità del motore, con una distribuzione più uniforme della coppia. Il regime massimo di rotazione è di 14.600 rpm.

Alcune componenti sono state prese in prestito dalla sorella più prestazione BMW M 1000 RR, come la testata dei cilindri. Anche l’Airbox è quello della M 1000 RR, e garantisce un’alimentazione e un ricambio d’aria ottimali. Il cambio elettro-assistito Pro, di serie, adesso permette di innestare la marcia tramite cambio rovesciato e fornisce una modulazione migliore e maggiore precisione. Anche il rapporto di trasmissione è stato incrementato con l’aggiunta di un dente alla corona, che ne ha ora 46 come la M RR.

Il motore deve spingere una moto che pesa 175 kg a secco, con un risparmio di 2 kg che avviene grazie a una batter. La BMW S 1000 RR 2023 accelera da 0 a 100 km/h in poco più di 3 secondi (3,1 per la precisione) e raggiunge una velocità massima di 303 km/h. L’impianto frenante Brembo è adeguato a queste prestazioni. Troviamo all’anteriore un freno a doppio disco, da 320×4,5 mm, pinza fissa radiale a 4 pistoncini e al posteriore un disco singolo da 220 mm di diametro, con pinza flottante a monopistoncino.

Credits: BMW

Le nuove funzioni del DTC

Il controllo di trazione DTC, dotato di sei differenti settaggi, beneficia ora di una nuova funzione denominata Slide Control. In poche parole, il pilota ha la possibilità di selezionare due angoli di deriva preimpostati per il controllo di trazione in fase di accelerazione in uscita dalle curve. Fino al rispettivo angolo di inclinazione, il sistema di controllo della trazione consente lo slittamento della ruota posteriore quando si accelera in uscita di curva, permettendo così la deriva della ruota posteriore. Quando si raggiunge il valore dell’angolo di sterzata preimpostato, il controllo di trazione interviene, riduce lo slittamento e stabilizza la moto.

Un’altra funzionalità inedita è il Brake Slide Assist, ed è molto utile per la guida in pista. Come la nuova funzione DTC Slide Control, anche questo nuovo sistema si basa sui sensori dell’angolo di sterzata e consente al pilota di impostare un angolo di derapata specifico per le cosiddette derapate in frenata mentre scivola in curva.

Credits: BMW

BMW S 1000 RR 2023: prezzi a partire da 21.000 euro

Già ordinabile (qui il link al configuratore), la nuova BMW S 1000 RR 2023 ha un prezzo di partenza di 21.000 euro. Saranno disponibili alcuni pacchetti per integrare la dotazione (M, Dynamic, Carbon, Race e pacchetto estetico M). Le tinte che l’acquirente potrà scegliere sono Blackstorm metallic, Style Passion in Racingred non-metallic e Lightwhite non-metallic/BMW M.

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa BMW

Lascia un commento