SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Honda X-ADV 750 2021: tutte le novità del SUV a due ruote giapponese

La casa nipponica aggiorna per il 2021 il suo maxi scooter che strizza l'occhio anche alle enduro. Tante le novità, a partire da un motore più potente per finire con le nuove dotazioni di bordo

Honda X-ADV 750 si aggiorna per il 2021 introducendo una serie di novità importanti. X-ADV quando era stato presentato per la prima volta nel 2017 si proponeva come un modello unico nel suo genere, era stato definito “il primo SUV a due ruote”. La paternità del progetto tra l’altro è tutta italiana, dato che l’idea di una moto che si pone di fatto a metà strada tra un maxi scooter e una moto da enduro viene dal centro di ricerca e sviluppo italiano di Honda con sede a Roma. Vediamo allora quali sono gli aggiornamenti di Honda X-ADV 2021, che si possono così riassumere:

  • propulsore più potente
  • inediti riding mode collegati al nuovo throttle by wire
  • stile aggiornato.

Propulsore e trasmissione di Honda X-ADV 750 ADV 2021

Il motore

La Honda X-ADV 750 2021 è spinta da un propulsore 745 cc bicilindrico parallelo monoalbero a 8 valvole raffreddato a liquido che è offerto in due varianti di potenza, con la variante meno potente che è pensata per chi ha la patente A2. La variante più potente ha una potenza di 58,6 CV a 6.750 giri/min (+3,6 CV rispetto a prima) e una coppia massima di 69 Nm a 4.750 giri/min (+1 N/m). Il limitatore è a quota 7000 giri/min (600 giri/min più in alto rispetto a prima). La versione meno potente ha 48 CV, per una perdita di quasi 11 CV. Questo bicilindrico è stato posizionato in modo da abbassare il baricentro e così migliorare il comportamento su strada e favorire la manovrabilità a basse velocità. Nello specifico, la bancata dei cilindri ha una posizione molto avanzata.

HONDA X-ADV 2021

Il bicilindrico adesso è anche più leggero, dal momento che segna sulla bilancia un -1,4 kg rispetto al precedente modello, grazie a un minuzioso lavoro di alleggerimento delle sue componenti. Andando poi a leggere la scheda tecnica, ci si accorge del fatto che si tratta di un motore del tipo “a corsa lunga” o “sottoquadro”, ossia un motore nel quale i cilindri hanno la corsa (C) più lunga rispetto all’alesaggio (A). In questo caso la prima è di 80 mm, il secondo di 77 mm. Questa architettura va a favorire una risposta pronta fin dai bassi regimi.
Honda ha lavorato anche per contenere le vibrazioni. In particolare, ha deciso di adottare due contralberi di bilanciamento, pur senza intaccare quelle che definiscono «le piacevoli “pulsazioni” offerte dalla fasatura a 270° dell’albero motore».

Nell’ottica della ricerca di maggiori efficienza e leggerezza (oltre che di affidabilità) alcuni componenti del propulsore della Honda X-ADV 750 svolgono più funzioni. Un esempio è costituito dall’albero a camme che va anche ad azionare la pompa dell’acqua e da uno dei contralberi di bilanciamento che svolge anche il compito di azionare la pompa dell’olio.

Throttle by wire e Riding Modes

La Honda X-ADV 750 2021 guadagna un nuovo acceleratore del tipo Throttle by wire, grazie al quale arrivano cinque modalità di guida (Riding Mode), delle quali una è personalizzabile. In queste cinque modalità cambiano i settaggi del controllo di trazione, della potenza, del freno motore e dell’ABS. I primi prevedono tre livelli di regolazione. Vediamo in particolare quelli del controllo di trazione:

  1. è il livello in cui l’intervento è minimo
  2. è il livello intermedio
  3. in questo caso il livello d’intervento è il più elevato, ottimale in condizioni di poca aderenza
  • Standard: è la più bilanciata avendo controllo di trazione, potenza e freno motore impostati su un livello intermedio (rispettivamente 2, 2, 2). L’Abs è settato sul livello più alto di intervento
  • Sport: in questa modalità la risposta del motore è più pronta, aumenta il freno motore e il controllo di trazione è più permissivo (livelli rispettivamente 1, 3, 1). L’Abs risulta essere un po’ più permissivo
  • Rain: l’erogazione della potenza avviene nel modo più dolce possibile, il freno motore è consistente e il controllo di trazione ha un livello di intervento elevato (rispettivamente 3, 3, 1). L’Abs interviene tempestivamente
  • Gravel: non differisce dalla modalità Sport, se non per la soglia di intervento dell’Abs più elevata (interviene quindi solo in caso di estrema necessità)
  • User: i parametri sono singolarmente settabili da parte dell’utente, che può anche scegliere di disattivare completamente il controllo di trazione.

La trasmissione

Il bicilindrico della Honda X-ADV 750 2021 è abbinato a un cambio doppia frizione DCT (Dual Clutch Transmission) con 6 rapporti. È dotato di due frizioni coassiali a dichi multipli in bagno d’olio, una che gestisce i rapporti pari e una che gestisce i rapporti dispari. La rapportatura ha subito delle modifiche, in particolare:

  • 1ª, 2ª, 3ª marcia sono più corte per favorire lo spunto e la ripresa dalle basse velocità
  • 4ª, 5ª, 6ª marcia sono più lunghe per ottimizzare i consumi di carburante alle alte velocità (che sono di 27,8 km/l nel ciclo medio WMTC, per un’autonomia di circa 370 km)

Le cambiate avvengono in soli 70 millisecondi, così da garantire una erogazione sempre lineare. Il conducente ha la possibilità di usare il DCT in modalità automatica oppure in modalità manuale. Le cambiate in modalità manuale vengono effettuate tramite le palette poste sulla parte sinistra del manubrio.
Sono previsti poi 5 programmi di cambio marcia automatico. Vediamoli in ordine, dal più confortevole a quello più sportivo:

  1. i cambi marcia avvengono a regimi relativamente bassi, così da risultare dolci (è in abbinamento alla modalità Rain)
  2. la cambiata è abbinata alla modalità di guida Standard, per cui i regimi di cambio marcia salgono sensibilmente
  3. è a livello intermedio tra Standard e Sport. Non è quindi associato ad alcun Riding Mode
  4. è associato alla modalità Sport. Le cambiate sono più decise e avvengono a regimi più elevati. Sale anche il freno motore prodotto
  5. è collegato alla modalità Gravel. Le regolazioni cambiano leggermente rispetto al programma 4 in funzione di un collegamento più diretto tra acceleratore e ruota posteriore, grazie a una riduzione dell’effetto slittamento delle le frizioni nelle cambiate e negli “on-off”.

Honda X-ADV 750 2021: la ciclistica

Gli ingegneri della Honda hanno lavorato anche sul telaio per ridurre il peso. Telaio che resta di tipo tubolare a diamante. È stato però effettuato un lavoro di affinamento sui tubi, meno pesanti e di diverso spessore, che ha consentito il risparmio di 1 kg di peso e di ingombri, liberando così un po’ di spazio in più nel sottosella. Il risparmio totale di peso è quindi di 2 kg, con la Honda X-ADV 750 2021 che ora pesa 236 kg con il pieno.
Honda X-ADV 750 è pensato anche per un uso confortevole in città, e a testimonianza di ciò vi sono un angolo di sterzo di 39° e un raggio di sterzata di soli 3,9 m.

Honda X-ADV 750 2021

Le altre misure restano invariate:

  • cannotto di sterzo: 27°
  • avancorsa: 104 mm
  • interasse: 1.590 mm

Le sospensioni vantano una lunga escursione (153,5 mm quella anteriore e 150 mm quella posteriore) e l’altezza da terra cresce di 3 mm, arrivando a 165 mm. La forcella è una Showa USD (Up Side Down), del tipo quindi a steli rovesciati, da 41 mm con precarico molla ed estensione regolabili. Il forcellone è in alluminio a bracci differenziati e ad esso è collegato un ammortizzatore dotato di leveraggio progressivo Pro-Link. È regolabile anch’esso nel precarico.

La Honda X-ADV 750 2021 monta ruote da 17″ all’anteriore e da 15″ al posteriore. In particolare i cerchi, di chiara ispirazione off-road, sono a raggi realizzati in acciaio inossidabile antiruggine. In abbinamento a pneumatici 120/70 R17 e 160/60 R15 al posteriore per uso semi-stradale (vedere gli intagli) permettono di avventurarsi tranquillamente sui percorsi non asfaltati.
Per quanto riguarda l’impianto frenate troviamo:

  • parte anteriore: dischi flottanti da 296 mm coadiuvati da pinze flottanti Nissin a quattro pistoncini
  • parte posteriore: disco singolo da 240 mm con pinza mono-pistoncino.

È presente poi un sistema di segnalazione di frenata di emergenza (ESS – Emergency Stop Signal) che entra in funzione quando la velocità è superiore ai 53 km/h e viene rilevata una decelerazione di almeno 6,0 m/s² con i freni in funzione. A quel punto gli indicatori di direzione iniziano a lampeggiare per segnalare agli altri utenti che si sta effettuando una frenata brusca. La soglia di intervento scende a 2,5 m/s² in caso di scarso grip (asfalto bagnato, ad esempio).

L’estetica della Honda X-ADV 750 2021

Lo stile della Honda X-ADV 750 2021 si può dire che è decisamente accattivante, caratterizzato da un corpo rialzato e da linee piuttosto affilate. Nella parte frontale gran parte della scena è presa dagli affilati fari full led che formano una V e dal nuovo cupolino. I fari in particolare illuminano in maniera ottima la strada anche durante il giorno grazie alle luci DRL (Daytime Running Lights). Gli indicatori di svolta sono a led e sono del tipo a disattivazione automatica.

Per quanto riguarda la parte laterale, si possono apprezzare i cerchi a raggi di dimensioni differenziate, 17″ all’anteriore e 15″ al posteriore. Tutta la meccanica poi è “protetta” per agevolare l’uso della moto in fuoristrada. Tra le protezioni citiamo la piastra paramotore in alluminio spessa 2,5 mm realizzata con il processo della pallinatura che serve a proteggere dai detriti e il carter che protegge la trasmissione a catena. Minimalista infine la parte posteriore con fanale a led e portatarga che risultano sporgenti rispetto al corpo della moto.

Come si sta a bordo di Honda X-ADV 750 2021

Essendo un mezzo a metà strada tra un maxi-scooter e un Adventure, il primo elemento che si percepisce saltando a bordo di Honda X-ADV 750 2021 è la posizione di guida alta che permette di dominare la strada, grazie a una sella alta da terra 820 mm e a un manubrio largo 910 mm. Il parabrezza è nuovo ed è regolabile su ben 5 posizioni senza dover ricorrere a particolari attrezzi per la regolazione, con un escursione massima di 139 mm e una differenza di inclinazione di 11° tra la posizione più verticale e quella più ribassata (che ovviamente risulta anche più aerodinamica). Da notare la presenza dei generosi paramani che proteggono le mani del motociclista dai detriti nella guida in fuoristrada e in generale dalle intemperie.

Honda X-ADV 750 2021

La strumentazione è nuova e si avvale di uno schermo TFT da 5 pollici. In essa è integrato il nuovo Honda Smartphone Voice Control System, che permette l’impartizione di comandi vocali e ricevere le informazioni audio dal proprio smartphone che possono riguardare messaggi, chiamate, musica o informazioni sul meteo, ad esempio. Lo smartphone si collega alla strumentazione tramite la tecnologia bluetooth. Per poter sfruttare questo sistema è necessario avere un casco dotato di interfono o avere degli auricolari. La gestione del sistema è possibile grazie ai tasti dedicati posti sul blocchetto elettrico nel lato sinistro del manubrio.
Sempre per quanto riguarda la dotazione tecnologica, è di serie il sistema di avviamento senza chiave che Honda chiama Smart-Key: con questo sistema è possibile avviare il mezzo, aprire lo sportellino del tappo del serbatoio e la sella tenendo semplicemente la propria chiave in tasca.

La Smart-Key integra anche un sistema di individuazione della moto, che fa lampeggiare le frecce per potere individuare il mezzo più facilmente. Per evitare i furti poi è presente una frizione sul commutatore che impedisce di poter muovere il manubrio con la forza.
Lo spazio per gli oggetti è aumentato rispetto alla X-ADV precedente. La capienza del vano sottosella è di 22 litri (+1 litro), sufficienti per contenere un casco integrale e altri oggetti. È inoltre illuminato da una luce di cortesia e ha una presa di ricarica USB-C, in luogo della precedente 12 V.

Honda X-ADV 750 2021, il prezzo: si parte da 12.790 euro

La Honda X-ADV 750 2021 ha un prezzo di partenza per il mercato italiano di 12.490 euro, sia per la versione da 58 CV sia per la versione depotenziata A2. È disponibile in quattro colorazioni:

  • Graphite Black
  • Mat Beta Silver Metallic
  • Pearl Deep Mud Grey
  • Grand Prix Red-CRF Red

Gli accessori a richiesta sono molteplici. Qui ve ne segnaliamo alcuni:

  • portapacchi posteriore
  • Smart-Top Box
  • Top Box da 38 litri con inserto opzionale in alluminio o in tinta
  • supporti valigie laterali
  • valigie laterali 26/33 litri sx/dx con inserto opzionale in alluminio o in tinta
  • borsa da tunnel centrale
  • estensioni paramani
  • barre di protezione laterali
  • fendinebbia
  • manopole riscaldabili

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su vehiclecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Mattia Martishttps://vehiclecue.it
Mi chiamo Mattia, e studio ingegneria meccanica presso l'Università degli studi di Cagliari. Mi appassionano in generale tutti i mezzi di trasporto e in particolare le automobili.