Home » EQS SUV: ecco la Mercedes elettrica top di gamma che sfiderà la BMW iX

EQS SUV: ecco la Mercedes elettrica top di gamma che sfiderà la BMW iX

Basata sulla stessa piattaforma della EQS, condivide con essa buona parte delle caratteristiche ma aggiunge ulteriori tecnologie nel campo della multimedialità

Categorie Automotive · Autoveicoli

L’offerta di auto elettriche di Mercedes si amplia ulteriormente con la nuovissima EQS SUV 2022. Insieme alla EQS – equivalente elettrica della Classe S – la Mercedes EQS SUV si pone ai vertici della gamma di veicoli elettrici della casa tedesca e andrà a competere direttamente contro la BMW iX. Inoltre si tratta della terza elettrica di Mercedes a essere progettata a partire dalla piattaforma appositamente concepita per auto elettriche, da cui già sono nate la EQS e la EQE.

Dimensioni e design

Essendo essenzialmente una EQS rialzata, la Mercedes EQS SUV si caratterizza per dimensioni tutt’altro che contenute: è lunga 5,125 m, larga 1,96 m, alta 1.72 m e ha un passo di ben 3,12 m (esattamente quanto la EQS). A livello estetico la EQS SUV è allineata alle altre Mercedes elettriche. Parliamo quindi di una carrozzeria con poche linee, in modo da avere superfici il più possibile pulite (il cosiddetto “seamless design”) e di una ricerca di proporzioni per quanto possibile equilibrate.

Tipico delle Mercedes elettriche è il cosiddetto Black Panel, che possiamo apprezzare nell’immagine sottostante. Come si può vedere, tutto il complesso che comprende fari e mascherina sembra essere realizzato in un unico pezzo. Al centro della mascherina campeggia il logo Mercedes, che a richiesta può anche essere reso tridimensionale. La mascherina Black Panel è importante anche a livello pratico, visto che integra i vari sensori utili per gli aiuti alla guida. La parte superiore della mascherina ospita una striscia orizzontale di led che va a formare una fascia di led a tutta larghezza prolungandosi anche nei fari. In questi ultimi trovano spazio tre triangolini a led che costituiscono le luci diurne.

Mercedes EQS SUV 2022

Vediamo invece la parte laterale. Le due caratteristiche che balzano all’occhio sono la pulizia delle superfici, favorita da elementi come le maniglie annegate nella carrozzeria, e una linea di cintura non troppo alta e piuttosto lineare che permette di avere superfici vetrate più ampie e di conseguenza un abitacolo molto luminoso. In più i passaruota sono piuttosto muscolosi, dando così anche un’impronta più sportiva. Sul lato sinistro è presente lo sportellino per il liquido lavacristalli. I cerchi sono da 20 o 22 pollici e sono pensati per essere il più possibile aerodinamicamente efficienti.

Mercedes EQS SUV 2022

Al posteriore, dove si confermano le superfici estremamente pulite, con il portellone che confluisce senza soluzione di continuità nel paraurti, spiccano i fanali uniti da un’unica fascia a tutta larghezza, un tratto comune a tutte le Mercedes EQ. Nella parte superiore è situato uno spoiler che serve per migliorare l’aerodinamica del veicolo. Un’ulteriore raffinatezza è il raccordo tra il rivestimento dei passaruota e la parte inferiore del paraurti.

Mercedes EQS: interni avverinistici e all’insegna del lusso

Una volta dentro la Mercedes EQS SUV, che è omologata per cinque o sette passeggeri, colpiscono gli interni avverinistici. La versione presentata alla stampa è dotata del cosiddetto MBUX Hyperscreen. Con esso l’intera plancia diventa un unico display widescreen di alta qualità in vetro. La sua forma a onda si estende tridimensionalmente per l’intera larghezza dell’abitacolo. Sotto il vetro di copertura comune gli schermi ad alta risoluzione sembrano fondersi tra loro senza soluzione di continuità per una larghezza di 143 cm. Gli schermi sono tre: il display del conducente da 12,3 pollici, il display centrale da 17,7 pollici e il display per il passeggero anteriore da 12,3 pollici. Tutti i display sono di tipo oled e quello centrale e del passeggero sono dotati di feedback aptico.

La plancia della Mercedes EQS SUV abbonda di soluzioni stilistiche piuttosto originali, condivise con la berlina EQS. Come si può vedere, per far spazio allo schermo centrale, le bocchette dell’aria sono poste in alto, all’interno di una griglia che va ad estendersi a tutta la plancia. Le bocchette laterali sono invece a forma di turbina, ormai un classico per la casa tedesca. I contorni della plancia sono evidenziati da strisce di led che sono di sicuro effetto, e si estendono fino ai pannelli porta.

Mercedes ha pensato come prevedibile anche ai passeggeri posteriori. Questi hanno infatti a disposizione ogni genere di confort, compresi due schermi ad alta risoluzione sui quali è possibile godere della visione di diversi contenuti. Non mancano poi la regolazione separata del climatizzatore e diverse prese di ricarica. Il divano è scorrevole ed è frazionato 60:40. Il pavimento è piatto, per cui anche un quinto passeggero dovrebbe stare comodo, specialmente con la seduta del tutto arretrata.

Prestazioni e autonomia

Prima di parlare nel dettaglio della parte tecnica, andiamo a vedere quali sono le differenze tra le versioni della EQS SUV che saranno commercializzate. I clienti potranno scegliere tra una versione a trazione posteriore, la 450+, e due versioni a trazione integrale, la 450+ 4MATIC e la 580 4MATIC. I motori che vengono utilizzati sono sincroni a magneti permanenti. Le prestazioni non sono state dichiarate al momento della presentazione.

EQS 450EQS 450+ 4MATIC EQS 580 4MATIC
Potenza (kW)265265400
Coppia (Nm)568800858
Autonomia (km)536 – 660507 – 613507 – 613
Consumo di corrente (kWh/100 km)23,0 – 18,624,0 – 20,024,0 – 20,0

Per la EQS 450, che ha la trazione posteriore, l’unità eATS è singola e posizionata nell’asse posteriore, mentre l’unità aggiuntiva per le versioni a trazione integrale è disposta anteriormente. Nei modelli 4MATIC è presente la funzione Torque Shift, la quale garantisce una ripartizione progressiva e intelligente della coppia motrice tra il motore elettrico posteriore e quello anteriore. In particolare il sistema si adatta a seconda della situazione di guida e delle esigenze.

Per quanto riguarda il recupero dell’energia in frenata, la Mercedes EQS SUV prevede tre livelli di rigenerazione D+ (sailing), D (recupero standard), D (recupero più intenso) selezionabili direttamente dal conducente utilizzando le levette di innesto sul volante. È poi presente il livello DAuto, che lascia al sistema di assistenza ECO il compito di adeguare il livello di recupero alla situazione. Al conducente viene segnalato nella strumentazione o nell’head-up display quando è bene togliere il piede dal pedale dell’acceleratore. Ad esempio, se la vettura si sta avvicinando ad un altro veicolo, e il guidatore segue l’invito del sistema, l’auto decelera il più possibile in recupero di energia fino all’arresto. Il conducente non ha quindi bisogno di premere il pedale del freno e può di fatto guidare con un solo pedale. In questo modo è possibile ottenere una decelerazione massima di 5 m/s², di cui 3 m/s² mediante recupero di energia.

EQS SUV adotta una batteria agli ioni di litio con 12 blocchi di celle dalla capacità di 107,8 kWh. Il software di gestione delle batterie, sviluppato internamente, permette di eseguire gli aggiornamenti “over the air” (OTA). In questo modo ogni EQS può ricevuti i miglioramenti apportati al sistema, che consentono quindi un’ulteriore miglioramento dell’efficienza complessiva. La produzione delle batterie avviene nella Bibb County e ha un bilancio di CO2 neutrale. Questo stabilimento si aggiunge a quelli già operativi di Kamenz e Stoccarda (Germania), Pechino (Cina), Bangkok (Thailandia) e Jawor (Polonia).

Mercedes EQS SUV: dinamica di guida

L’assetto di Nuova EQS SUV comprende un asse anteriore a quattro bracci e un asse posteriore multilink. Le sospensioni pneumatiche AIRMATIC con regolazione adattiva dell’ammortizzazione ADS+ sono di serie. Per incrementare l’altezza libera dal suolo, il livello del veicolo può essere alzato per un massimo di 25 millimetri. I programmi di guida sono i soliti Eco, Comfort, Sport e Individual più il programma Offroad pensato per la guida fuoristrada. In più, di serie è presente un asse posteriore sterzante con angolo di sterzata massimo di 4,5 gradi, che rende l’auto maneggevole in città e agile sulle strade extraurbane.

Mercedes EQS SUV 2022

Il sistema di regolazione dell’altezza da fa parte del sistema AIRMATIC. Come detto, la luce da terra si può incrementare al massimo di 25 millimetri, e fino ad una velocità di 80 km/h. Fino a 60 km/h la carrozzeria può essere sollevata di 25 mm premendo un pulsante, mentre al di sopra dei 70 km/h si riabbassa automaticamente al livello normale. Inoltre, nei programmi Comfort e Sport la carrozzeria si abbassa automaticamente di 10-15 mm a velocità superiori a 110 km/h per ridurre la resistenza aerodinamica e incrementare la stabilità di marcia. Quando l’auto scende al di sotto degli 80 km/h, il livello della carrozzeria torna alla posizione iniziale.

FONTI VERIFICATE

  • Ufficio stampa Mercedes

Lascia un commento