SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Nuova Ohvale GP-2 2021: piccola moto dalle grandi capacità

Una moto italiana con un ergonomia e ciclistica fenomenale, prezzo contenuto divertimento assicurato per la piccola GRANDE di Treviso

La nuova Ohvale GP-2 2021 è pronta per essere prodotta. La Casa di Mogliano Veneto (Treviso), sul sito ufficiale, accetta già le prenotazioni. Un progetto che nasce dall’idea di Valerio Da Lio, il quale ha un’esperienza trentennale nel settore 2 ruote. Inoltre, grazie allo sviluppo portato avanti dall’ingegner Mariano Fioravanzi ed il collaudatore Claudio Pellizzon, la nuova Ohvale GP-2 2021 vanta di essere la prima di una nuova era. Non è assolutamente una Minimoto, neanche una Pitbike e neanche una MiniGP. Si tratta di un nuovo concetto di moto, ed ecco il perché.

Nuova Ovhale GP-2 2021 dettaglio carena
Dettaglio carena

Perché è così speciale

Come già accennato, tale progetto nasce e cresce grazie alla collaborazione di 3 mostri sacri delle 2 ruote. La prima Ohvale ad essere stata realizzata fu la GP-0. Essa montava un motore da 160cc e dei cerchi da 10. Poi ci fu un primo step, nel 2017, cambiando il motore e prediligendo un Daytona 190 cc. Riscosse molto successo. Sia, nelle varie formule agonistiche; sia ad un livello più amatoriale, in quanto veniva usata dai piloti della MotoGp per i loro allenamenti. Ora la nuova Ohvale GP-2 2021 sbarca negli USA nella MotoAmerica Mini Cup. L’attenta cura della ciclistica e dell’ergonomia, rendono tale moto molto facile da guidare, divertente, ma che ti permette anche una guida da vera moto racing. Grazie a queste caratteristiche, la nuova Ohvale GP-2 2021, è adatta sia, ai meno esperti, ma è in grado di offrire emozioni anche ai veterani. L’altra caratteristica fondamentale è sicuramente l’abbattimento dei costi legati a trasferta e manutenzione. Può essere guidata in ogni kartodromo, in più entra nel cofano di una normale 2 volumi. Queste le parole di tester professionisti che hanno collaborato alla riuscita del progetto.

“Siamo riusciti a trasferire il piacere che si può avere con una maximoto sportiva. Il nostro sforzo, utilizzando componentistica di grande qualità e parti realizzate su nostre specifiche, è stato infatti volto a realizzare una ciclistica sana, stabile e precisa, che permettesse grandi pieghe ed una notevole fiducia nella moto durante tutte le fasi della curva. Questo feeling consente di apprezzare il piacere di guida per chi vuole divertirsi o guidare in modo sportivo anche in derapata. Attenzione a non sottovalutarne le prestazioni: entrare in bagarre con queste moto è motociclismo allo stato puro.” Il riferimento è alla GP-0, ora vediamo il secondo step.

Nuova Ohvale GP-2 2021: la ciclistica

Cambiano le misure. Infatti, ora la nuova Ovhale GP-2 2021 ha le seguenti caratteristiche dimensionali:

  • Lunghezza massima: 1610mm
  • Larghezza massima: 740mm ai semimanubri
  • Altezza massima: 915mm
piastra di sterzo
Nuova Ohvale GP-2 2021 dettaglio piastra di sterzo

Per questa 2 ruote è stata sviluppata una nuova ciclistica dedicata. Il telaio a traliccio con tubi in acciaio è stato allungato, l’angolo di sterzo è più aperto di mezzo grado. Ciò ha portato inevitabilmente ad un riposizionamento del motore, per ottimizzare il baricentro. Ovviamente, il perno del forcellone, è stato spostato per poter ripristinare un corretto tiro catena. Il canotto dello sterzo presenta cuscinetti conici per una regolazione più precisa dello stesso. Riposizionato il fissaggio dell’ammortizzatore sul telaio e forcellone (ora più lungo di 25mm) per migliorare il feeling alle basse velocità. L’interasse delle piastre di sterzo è aumentato. Tale soluzione consente lo smontaggio della ruota anteriore, senza togliere la pinza freno. La piastra superiore ha una nuova estetica, ricavata dal pieno, permette la regolazione dei semimanubri tipo MotoGP.

Rimanendo sull’avantreno, la nuova Ovhale GP-2 2021, monta una forcella a steli rovesciati da 33 mm di diametro. Piedini lavorati CNC e regolazione precarico molla. Possibilità di upgrade con una forcella da 38 mm completamente regolabile: idraulica in compressione e estensione, precarico molla. Anche il perno ruota è ora da 15 mm, ottenendo una maggiore rigidità torsionale.


Mentre, al posteriore, è previsto un forcellone in alluminio con monoammortizzatore piggy-back completamente regolabile: idraulica in compressione ed estensione, precarico molla e interasse. Il piggy-back è praticamente un serbatoio in più d’olio, montato esternamente all’ammortizzatore. Senza entrare troppo nei dettagli, il vantaggio di tale sistema, permette una dissipazione ottimale del calore. Quindi, esso assicura migliori performance, anche sotto stress.

Piggyback ammortizzatore
Piggyback

Ergonomia & Design

Non solo la ciclistica, anche l’ergonomia di questa moto è uno dei cardini che la caratterizza.
Le pedane sono state riposizionate, le quali poggiano su nuovi supporti. Anche la sella è stata spostata sia verticalmente che longitudinalmente, mentre i semi-manubri sono stati avanzati.
Ciò ha portato all’applicazione di una nuova carenatura, proposta nelle colorazioni bianco/rosso e nero/giallo. Ma c’è un ampia possibilità di personalizzazione. Di serie, anche le appendici aerodinamiche. Lo scarico è in acciaio inox con monosilenziatore a doppio diametro della Arrow.

Nuova Ovhale GP-2 dettaglio freno posteriore
Nuova Ohvale GP-2 2021 l dettaglio freno posteriore


Cambiano i cerchi, passando da 10” a 12”. Sempre in alluminio, ma fusi in conchiglia. Tale tecnica, permette di ottenere una fusione con tolleranze più precise e caratteristiche meccaniche migliori. Copertoni tubeless da 100/90 davanti e 120/80 dietro.
Una delle novità più rilevanti, riguarda la collaborazione tra Ovhale e l’azienda spagnola J.Juan. Molto nota in ambito internazionale per le sue componenti racing, è responsabile di un nuovo impianto frenante. All’anteriore vi è una pinza radiale con 4 pistoncini di diametro 25 mm e dimensioni più grandi per lo smaltimento del calore, disco flottante da 220mm, ed una nuova pompa, con leva regolabile più lunga per migliorare l’ergonomia. Mentre, il freno posteriore è composto da un disco singolo da 180 mm con pinza flottante e pistoncino da 25 mm e tubo in treccia metallica. Ora, la nuova Ohvale GP-2 2021 ha un impianto frenante più potente e performante.

Nuova Ohvale GP-2 2021: motore

Nuova Ovhale GP-2 dettaglio leva cambio
Nuova Ohvale GP-2 2021 dettaglio leva cambio

Nessuna modifica al motore. Quindi resta il Daytona 190 cc di derivazione Honda. Si tratta di un monocilindrico orizzontale quadro (alesaggio x corsa = 62mm x 62mm), 4 tempi raffreddato ad aria. Distribuzione ad albero singolo, 4 valvole ed un cambio a 4 rapporti. Accensione elettronica, con candela e bobina esterna ed avviamento tramite Kick starter con dispositivo di autodecompressione. A completare il tutto, una frizione in bagno d’olio a 6 dischi e la trasmissione secondaria con catena Regina serie oro.

Conclusioni

I vari interventi di fino, dimostrano che la nuova Ohvale GP-2 2021 è una moto dall’eccellente componentistica. Il Know-how è tutto italiano. Bella, divertente, poco ingombrante ma soprattutto economica. Con 6300 euro si può acquistare un vero gioiellino. Puoi divertirti o allenarti con qualcosa di unico e soprattutto made in Italy.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su vehiclecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Angelo Lancierihttps://vehiclecue.it
Di origine Lucana, studente presso il politecnico di Bari, appassionato di ingegneria meccanismi e motori. Amo lo sport, in particolare MTB, "De' remi facemmo ali".