Pagani Imola: 5 esemplari da 6 milioni di euro ciascuno e 827 cv

La Pagani Imola è la nuova hypercar di Pagani e destinata a soli 5 clienti. Ecco le novità

Pagani Imola: 5 esemplari da 6 milioni di euro ciascuno e 827 cv
Pagani Imola

Pagani Imola – Prende il nome dalla pista su cui è stata modellata e messa a punto, l’Hypercar con un temperamento totalmente racing anche se omologata per la strada. Incarna la massima espressione della tecnologia da pista di Pagani Automobili.

Con un’edizione limitata di soli cinque esemplari costruiti, la Pagani Imola ha superato il più severo test di validazione in pista mai applicato a un’auto Pagani. Oltre al regolare e già scrupoloso processo di convalida, infatti, Imola ha percorso oltre 16.000 km in pista a velocità di gara, l’equivalente di circa tre volte la 24 ore di Le Mans.

Pagani Imola
Pagani Imola sul circuito di Imola

La sperimentazione è parte innata della filosofia di ricerca di Pagani Automobili. L’esperienza formativa che hanno acquisito nel 2008 con la Zonda R si è rivelata inestimabile poiché ha permesso di creare la Huayra utilizzando soluzioni testate in condizioni estreme. A quel tempo, si sono inventate idee rivoluzionarie come il telaio Carbo-Titanium, nonché geometrie, materiali e concetti fino a quel momento sconosciuti dal punto di vista aerodinamico, dinamico e di sicurezza delle supercar. Lavorando in collaborazione con Pirelli, hanno sviluppato pneumatici per la Zonda R utilizzando il nuovo sistema MIRS, utilizzato anche in Formula 1.

Vista superiore

Le novità tecniche adottate

Una volta stabilite le specifiche iniziali, hanno lavorato al progetto Imola in modo molto aperto e con la massima libertà dal punto di vista tecnico per integrare le innovazioni man mano che il veicolo prendeva forma.

La tecnologia aerodinamica alla base della Pagani Imola è evidente in tre delle sue caratteristiche principali. Il profilo generale, l’aerodinamica interna e i dettagli aerodinamici esterni, come pinne, alette e deflettori“, ha spiegato Horacio Pagani, fondatore e capo progettista di Pagani Automobili. “Non possiamo dire che sia un’auto elegante. Volevamo un veicolo efficiente, e proprio come ti aspetteresti se stessi guardando una monoposto da Formula 1, questo ci ha portato a progettare un’auto con caratteristiche aerodinamiche aggiuntive. Quindi, sebbene da un lato questi dettagli possano sminuire le linee e l’estetica generale del veicolo, dall’altro consentono anche di migliorare i tempi sul giro, la facilità di guida e soprattutto la sicurezza. Parlando di sicurezza, avremmo potuto ridurre l’altezza da terra in modo da aumentare l’effetto di carico aerodinamico sfruttando il fondo piatto del veicolo, ma non dimenticare che le strade pubbliche sono molto irregolari e possono portare alla perdita di diverse centinaia di chilogrammi di carico aerodinamico in pochi istanti“.

Pagani Imola

Pagani Imola utilizza il sistema aerodinamico attivo introdotto da Huayra, il primo veicolo stradale mai dotato di questa tecnologia. Ciò significa che ciascuna delle quattro alette mobili si comporta in base alle circostanze di guida in modo dinamico e immediato e anche in frenata, attivando quello che viene chiamato “aerofreno”.

La geometria delle sospensioni è stata recentemente progettata per trasferire a terra la potenza di 827 cv e la vivace coppia di 1100 Nm, al punto che “l’automobilista può fare una curva frenando all’ultimo millesimo di secondo”.

È stato applicato un sistema controllato elettronicamente di ammortizzatori attivi a ciascuna ruota e sono stati interconnessi tra loro. La sospensione anteriore è in grado di variare l’altezza di marcia in modo intelligente e automatico. Dialoga con l’unità centrale, che gestisce il controllo aerodinamico attivo e controlla le funzioni del motore, del differenziale e del cambio. L’introduzione del sistema SMART GAS riduce i tempi di cambiata e migliora il carattere agonistico della Pagani Imola, mentre il piacere di guida è assicurato grazie ai dumper attivi.

Pagani Imola: il nuovo sistema di verniciatura Acquarello Light

La nuova formula di Carbo-Titanium HP62 G2 e Carbo-Triax HP62, sviluppata per la monoscocca centrale ultra rinforzata di Pagani Imola e Roadster BC, è stata creata per ridurre il peso aumentando la rigidità torsionale e flettente. Pagani Imola porta la fanatica attenzione al risparmio di peso a nuovi livelli, con l’introduzione di Acquarello Light, un nuovo sistema di verniciatura su misura che rappresenta un’ulteriore evoluzione dello stato dell’arte avanzato di Pagani, che consente di ridurre il peso della vernice di 5 kg mantenendo inalterate la ricchezza del colore, la profondità e la brillantezza.

Pagani Imola
Pagani Imola

Horacio Pagani: “La vernice di un veicolo non è solo un requisito estetico, ma ha funzioni tecniche essenziali, come la protezione da influenze esterne e la prevenzione dell’invecchiamento del materiale, in particolare dei compositi avanzati. Siamo riusciti a creare uno scudo protettivo capace di isolare il materiale sottostante dalle minacce esterne, aumentando di conseguenza la sua resistenza agli urti e dopo anni di ricerca per ottimizzare il nostro sistema di verniciatura con l’obiettivo di ridurre significativamente il peso, siamo orgogliosi di annunciare finalmente il raggiungimento di questo traguardo con un’auto così speciale come Imola. La nuova tecnologia sarà ovviamente disponibile sui futuri modelli Pagani“.

Gli interni della Imola
Gli interni della Imola

L’estrema ricerca per il risparmio di peso condotta da Pagani negli anni ha portato all’uso sempre più esteso di leghe nobili, come quelle di alluminio, titanio e acciaio al cromo-molibdeno, consentendo un’ottimizzazione generale in termini di proprietà meccaniche e leggerezza e una maggiore sperimentazione estetica. Sulla neonata Pagani Imola lo sforzo ha coinvolto più di 770 componenti forgiati o lavorati a macchina a controllo numerico, questa volta con la finitura effetto texture di nuova concezione applicata specificamente alle parti in lega di alluminio.

L’innovativo impianto frenante realizzato da Brembo è stato ottimizzato, attraverso un intenso studio aerodinamico e innumerevoli test dedicati, per migliorare ulteriormente l’intero sistema di raffreddamento.

Gli interni della Imola
Gli interni della Imola

Pagani Imola: scheda tecnica

Il coinvolgimento dei clienti ha fatto parte del progetto Pagani Imola. Volevamo stupire e, affascinati dalle nostre idee e soluzioni, i nostri clienti hanno deciso di unirsi al team e hanno agito come test driver, per così dire. Non dimenticherò mai il giorno che abbiamo consegnato una delle auto al suo proprietario, e il modo in cui ha sorriso. Nonostante fosse la prima volta che guidava la sua Imola su una pista, ha accumulato la fiducia giro dopo giro, spingendo come un pilota professionista. Mentre scendeva dall’auto, mi ha detto che non avrebbe mai immaginato che sarebbe stato così facile guidarla“, spiega Horacio Pagani, fondatore e capo progettista di Pagani Automobili.

Il prezzo della Imola? Incluse le tasse supera i 6 milioni di euro.

Di seguito è riportata la scheda tecnica:

Motore: Mercedes-Benz AMG 60° V12; 5980 cc;
Potenza: 827 CV;
Coppia: 1100 NM;
Trazione posteriore;
Cambio: Xtrac AMT trasversale a 7 velocità con differenziale elettromeccanico;
Frizione: frizione a triplo disco, differenziale controllato elettronicamente
Sospensioni: doppi bracci trasversali indipendenti, molle elicoidali, ammortizzatori a controllo elettronico;
Freni: 4 dischi carbo-ceramici ventilati Brembo: anteriore 398 × 36 mm con pinze monolitiche a 6 pistoncini; posteriore 380 × 34 mm con pinze monolitiche a 4 pistoncini;
Cerchi: 20″ anteriori, 21″ posteriori;
Pneumatici: Pirelli Trofeo R, anteriore: 265/30, posteriore: 355/23 R21;
Struttura, telaio e materiali compositi: monoscocca Carbo-Titanio HP62 G2 e Carbo-Triax HP62 con telai tubolari anteriori e posteriori in acciaio tubolare;
Peso a secco: 1246 kg;

Dimensioni
Interasse: 2795 mm;
Larghezza: 2035 mm (2264 mm con specchi);
Lunghezza: 4853 mm;
Altezza: 1269 mm.