SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

“Petrolio sotto i 20 dollari al barile per competere con le auto elettriche”

Le case automobilistiche stanno puntando sempre più sulle auto elettriche e ciò potrebbe avere delle conseguenze anche sul prezzo a barile del petrolio. Secondo l’analisi del breakeven del petrolio, per tenere in competizione il mercato delle auto a benzina con quello delle auto elettriche, il costo a barile del petrolio non deve superare i 20 dollari. Addirittura, restando sul prezzo fisso di 20, ci sarà una perdita di produzione annuale pari al 40%. Questa è la sintesi di quanto riportato nel report stilato da BNP Paribas Asset Management.

Il rapporto di BNP sul petrolio

Il report è stato stilato da Mark Lewis, Global Head of Sustainability Research di BNP Paribas Asset Management e introduce il concetto di EROCI (acronimo di Energy Return on Capital Invested). Grazie ad esso è possibile capire quanta mobilità si può ottenere investendo un determinato capitale.

I risultati emersi affermano che, a parità di spesa, puntando sulle auto elettriche che adottano elettricità di provenienza da eolico e solare, il tasso di mobilità è molto più alto rispetto al petrolio con un prezzo di 60 dollari al barile. Per ottenere lo stesso investimento e la stessa mobilità, il costo a barile dovrebbe scendere a circa 9 – 10 dollari per la benzina e a 17 – 19 dollari per il gasolio. La BNP conferma che: “In breve, che si tratti di benzina o gasolio, i giorni del petrolio come carburante per LDV sono chiaramente agli sgoccioli perché la nostra analisi EROCI mostra che le condizioni economiche dei nuovi progetti eolici e solari combinati con i veicoli elettrici sono destinati a diventare irresistibili”. LDV (acronimo di Light-Duty Vehicles) è la sigla per indicare i veicoli leggeri. Questi valori sono stati calcolati dalla BNP Paribas considerando un arco temporale di 25 anni e un’efficienza termica del 20% sui motori a benzina e del 35% su quelli diesel. Inoltre, nel report si trascura un punto cruciale: non si considera la situazione attuale della diffusione e le infrastrutture già in essere. Si ipotizza, dunque di partire oggi da zero e investire 100 miliardi di dollari nelle due diverse mobilità.

L’analisi, però, evidenzia anche gli attuali vantaggi del petrolio, indicando che nel 2018 esso ha contribuito al 33% dell’energia globale, mentre il solare e l’eolico sono rimasti fermi solo al 3%. C’è poi da considerare che, secondo quanto riportato dalla BNP, i veicoli elettrici costano di più di quelli a combustione interna e ciò sarà valido almeno fino al 2023. Nei prossimi tre anni, inoltre, il numero di modelli di auto elettriche presenti sul mercato tenderanno a triplicare.

Non bisogna, però, dimenticare che esiste anche il GAS, mediante l’alimentazione a metano e a GPL. Infatti, a luglio, in un’audizione di Federmetano, è stato detto che l’utilizzo del metano è cresciuto vertiginosamente negli ultimi anni e proprio l’Italia è uno dei Paesi più sviluppati a riguardo. Con il biometano, secondo quanto riportato dalla Presidente di Federmetano, Licia Balboni, è possibile azzerare le emissioni di CO2 e il potenziale da sfruttare è ancora elevato. Al momento, infatti, in Italia ci sono 1300 distributori e oltre 1 milione di veicoli alimentati a gas naturale. 

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Francesco Mennahttps://vehiclecue.it
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com