Home » Porsche 911 ACS: l’elaborazione Singer che “riporta” in vita lo spirito della Dakar

Porsche 911 ACS: l’elaborazione Singer che “riporta” in vita lo spirito della Dakar

Categorie Automotive · Motorsport

Quando si parla di Porsche, di solito pensiamo ad auto sportive, di lusso. Insomma, tutto consideriamo tranne la possibilità di vederne correre una su sterrato. La storia, però, ci insegna ben altro: ricordiamo che Porsche può vantare un’epoca d’oro, negli anni ’80, quando realizzò auto come la 911 SC/RS e la 959, che fanno del fango e del deserto il loro habitat naturale. Su richiesta di un cliente di lunga data, Singer ha elaborato una 911 per farne un uso da fuoristrada. Questo modello si chiama Porsche 911 ACS, o meglio, Singer All-terrain Competition Study.

Quest’auto nasce in collaborazione con il rinomato specialista di 911 da Rally Richard Tuthill. In particolare, il cliente, ha chiesto non una, ma ben due vetture: una, nell’iconico Parallax White di Singer, focalizzata sui rally ad alta velocità nel deserto e una seconda, con colorazione Corsica Red, configurata per eventi su asfalto ad alta velocità e ad alta aderenza. Come per tutti i servizi di restauro di Singer, l’auto prende come punto di partenza la generazione Type 964. Il motore è un’evoluzione del flat-six raffreddato ad aria, 3.6 L, con due turbocompressori simmetrici e singoli corpi farfallati fly-by-wire. Le prestazioni del motore possono essere regolate a seconda delle esigenze del pilota.

Singer All-terrain Competition Study
Singer All-terrain Competition Study

Porsche 911 ACS: la messa a punto del nuovo modello da fuoristrada

Una carrozzeria in fibra di carbonio su misura è ottimizzata per consentire un facile accesso ai componenti meccanici alle fermate di servizio. Inoltre, presenta una duplice funzione: consentire un efficace raffreddamento per il gruppo propulsore. L’uso della fibra di carbonio consente a Singer di ridurre la massa complessiva e, per questa vettura, di compensare il peso extra del roll-bar. Ma com’è stato realizzato l’assetto da fuoristrada? Le sospensioni e lo smorzamento su misura, insieme alla configurazione AWD, sono progettati per consentire un’efficace distribuzione della coppia.

Porsche 911 ACS: l'elaborazione di Singer per l'off-road
Porsche 911 ACS: l’elaborazione di Singer per l’off-road

I sedili e le imbracature con specifiche FIA ​​si trovano all’interno di un roll-bar completo. L’auto è dotata di un sistema di navigazione GPS da gara. Sia il guidatore che il navigatore hanno accesso ai sistemi di reidratazione di bordo. Il proprietario dell’elaborazione ha concordato che la Porsche 911 ACS sarà disponibile per tutti i clienti che desiderano la variante da fuoristrada della famosa 911. Come sempre, ogni auto viene affrontata come un restauro su misura ed è disponibile l’approccio di personalizzazione completo di Singer. Il prezzo per i servizi di restauro basati sulla ACS dipenderà dalle specifiche scelte dal proprietario. Tutte le vetture saranno dotate di pacchetto di supporto per le corse e la manutenzione.

I servizi di modifica sviluppati per la 911 All-terrain Competition Study elaborata da Singer includono:

  • capacità di competizione fuoristrada, concepita pensando a eventi come la Baja 1000 e il Dakar Rally;
  • aumentate l’altezza di marcia, la corsa delle sospensioni e la forza complessiva grazie ai pannelli della carrozzeria in fibra di carbonio adatti per una rapida sostituzione e un facile accesso al sottoscocca;
  • AWD permanente;
  • un flat-six biturbo da 3,6 litri raffreddato ad aria con potenza a partire da 450 CV;
  • trasmissione sequenziale da corsa con differenziali a slittamento limitato anteriore, centrale e posteriore.

FONTI VERIFICATE

Ufficio Stampa Singer

Lascia un commento