Home » Porsche Cayenne cabrio: il SUV che non vide mai la luce

Porsche Cayenne cabrio: il SUV che non vide mai la luce

La Porsche Cayenne con "due design al posteriore"

Categorie Automotive

La Porsche Cayenne ha lanciato la moda dei SUV ben 20 anni fa con un modello palesemente in controtendenza rispetto alle vetture dell’epoca che avrebbe colpito il cuore del mercato automobilistico di lì a poco e per svariati anni. Ancora oggi i SUV sono fortemente in tendenza. Poco dopo la presentazione del modello di prima generazione nel dicembre 2002, vennero prese in considerazione altre tre varianti: una coupé, una versione allungata di 20 centimetri e con una fila di sedili aggiuntiva e una decappottabile.

Porsche Cayenne cabrio - Crediti foto: Porsche
Porsche Cayenne cabrio – Crediti foto: Porsche

Sorprendentemente, quella che poteva sembrare l’opzione meno convenzionale, una decappottabile che usava come base la Cayenne lunga circa 4,8 metri, non fu immediatamente scartata. Tuttavia non vide mai la luce. Oggi esiste un unico prototipo Cayenne cabrio non completo custodito al Museo Porsche. Non è un prototipo stradale, tuttavia, ma ciò che è noto come Package Function Model, o PFM in breve. I progettisti avevano rimosso il tetto rinunciando alle misure di irrigidimento della carrozzeria necessarie per una decappottabile. Incapace di fornire una guida sicura e stabile, il veicolo viene trasportato a destinazione quando necessario. I test drive non furono mai stati fatti poiché la Cayenne cabrio fu costruita solo per valutare quattro criteri.

Porsche Cayenne cabrio - Crediti foto: Porsche
Porsche Cayenne cabrio – Crediti foto: Porsche

La seduta è comoda in tutto il veicolo quando il tetto si assottiglia in modo più simile a una coupé verso la parte posteriore e quando il parabrezza e i montanti anteriori sono accorciati? Quanto è pratica la Cayenne come modello a due porte con ante più lunghe di 20 cm? È possibile ospitare una capote elegante, di alta qualità, che si ripiega anche velocemente? E come dovrebbe essere progettata la parte posteriore? C’era ancora disaccordo sulla questione finale nel 2002 e due diverse sezioni posteriori sono state progettate per il modello. Il fanale posteriore sinistro era posizionato in basso, mentre quello destro era notevolmente più alto.

Porsche Cayenne cabrio - Crediti foto: Porsche
Porsche Cayenne cabrio – Crediti foto: Porsche

Porsche Cayenne cabrio: quale sarebbe stato il suo potenziale?

Se l’auto fosse arrivata in produzione, alla fine avrebbe visto, ovviamente, un unico design per il posteriore. Il modello d’esempio, invece, come già anticipato aveva entrambe le soluzioni. Era previsto un meccanismo di capote ormai familiare: il cofano del bagagliaio della Cayenne-PFM era fissato anteriormente e posteriormente, consentendone l’apertura in entrambe le direzioni. Il tetto avrebbe viaggiato sopra il roll-bar fisso e si sarebbe ripiegato nella parte posteriore dal cofano del bagagliaio, che si apriva nella direzione opposta, piegandosi a Z. Il funzionamento richiama quello del tetto della Porsche 911 Targa di generazione 991. Il meccanismo non superò mai la fase di simulazione al computer per la Cayenne decappottabile. Non fu mai neanche completamente costruito. Oggi la capote in tessuto è riposta nel bagagliaio del pezzo da museo e, se necessario, deve essere montato manualmente.

Porsche Cayenne cabrio - Crediti foto: Porsche
Porsche Cayenne cabrio – Crediti foto: Porsche

Mentre l’idea coupé del 2002 è stata successivamente ripresa e implementata nel 2019 in un modello di produzione di successo, Porsche non ha perseguito ulteriormente l’idea della versione decappottabile. Le previsioni sulla redditività non erano particolarmente promettenti e restavano i dubbi sul fatto che l’auto sarebbe stata attraente come dovrebbe essere una Porsche. La consideravano un po’ il “brutto anatroccolo” della famiglia. “Un SUV come una decappottabile è una sfida sia esteticamente che formalmente”, afferma Michael Mauer, che non era ancora in carica nel 2002, esaminando il prototipo oggi. “Un SUV ha sempre un corpo grande e pesante. Se ne tagli il tetto ne emergono forme molto strane”. E tu cosa ne pensi? Ti sarebbe piaciuto vedere almeno il modello finale? O avresti voluto vedere proprio una versione di produzione?

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa Porsche

Lascia un commento