SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

La pressa: una macchina semplice e versatile

La pressa è una macchina utensile in grado di generare una pressione in maniera continuativa e progressiva.
Proprio per questa sua funzione è utilizzata:

  • Nella compattazione dei materiali e quindi nella fase di incollaggio.
  • Nel campo delle formazioni delle lamiere e dei grezzi incandescenti fuoriusciti dalle fonderie a posteriori di un processo di colata. In maniera particolare è usata per tranciare o deformare il materiale posto nello stampo.

Una pressa è costituita da varie parti:

  • Basamento immobile;
  • Colonne guida per la componente mobile della pressa;
  • Componente mobile;
  • Grosso motore elettrico che genera la forza da applicare;
  • Condensatore elettrico per il rifasamento della corrente;
  • Controlli elettrici o meccanici (interruttori, pulsanti, pedali) per attivare e disattivare i sistemi elettromeccanici;
  • Incastellatura a racchiudere tutti gli organi meccanici della macchina.

Classificazione e principio di funzionamento della pressa

Le presse sono principalmente di due categorie:

  1. Idrauliche: le quali per funzionare necessitano oltre ad un motore elettrico, pompe, valvole e pistoni, anche di una legge: quella di Pascal.
    Il suo principio di funzionamento infatti si basa su di un liquido (olio) tenuto sotto pressione.

    Principio di funzionamento di una pressa.
    PH: library.weschool.com
  2. Meccaniche: le quali, a loro volta, sono suddivise in categorie a seconda della funzione e degli elementi costruttivi.
  • Meccaniche eccentriche: utilizzate soprattutto nella lavorazione a freddo della lamiera per operazioni di tranciatura e punzonatura. Il motore aziona il volano, questi due elementi sono connessi tra di loro tramite un rapporto di trasmissione meccanico ottenuto da ruote dentate e cinghie.
    L’energia sviluppata è trasmessa, attraverso una frizione, ad un albero eccentrico o a manovella, simile all’albero a camme delle auto:

Principio di funzionamento di una pressa eccentrica.
PH: unigensteel.com

  • Meccaniche a vite: utilizzate essenzialmente per operazioni di estrusione della lamiera e nell’operazione di stampaggio a caldo (nel campo delle deformazioni plastiche).
    Le presse a vite sono dotate di uno slittone porta attrezzo movimentato da una vite che si inserisce nella madrevite fissa (collegamento vite – madrevite) protetto dall’incastellatura.
    Il moto ascendente o discendente, quindi la compressione del materiale, lo si ottiene mediante la rotazione della vite alternativamente in un senso o nell’altro.

Applicazioni e impieghi

Genericamente le presse che hanno il ruolo di compattare, trovano impiego:

  • Nelle autodemolizioni, in cui le carcasse delle auto vengono prima ridotte al minimo, poi tranciate e per finire vengono fuse.
  • Negli autocompattatori urbani in cui i rifiuti vengono compressi.

Applicazioni meno classiche includono il loro funzionamento in fonderia.
Una geometria metallica è ancora malleabile appena uscita dalle formatrici.
Allora la geometria viene sottoposto a pressa in modalità “martello” in cui, in funzione della deformazione da ottenere, si regola pressione e avanzamento della parte mobile e di conseguenza anche il range di frequenza delle martellate.

Un’altra applicazione prevede l’assemblaggio e il distaccamento di pezzi macchina e componentistica meccanica sotto grandi forze, collegamento noto come “interferenza”.
In particolare, vengono in aiuto queste potenze meccaniche quando:

  • Si devono innestare cuscinetti a sfere e quindi avere un collegamento solidale;
  • Quando si ha a che fare con gradi di tolleranze molto piccoli tra i vari componenti in modo da creare un unico corpo rigido.

 

 

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Alessandro Quarantahttps://vehiclecue.it
Sono Alessandro, sono del '95 e studio ingegneria industriale. Sono appassionato di tutto ciò che circonda i motori elettrici, macchine e meccanismi complessi come torni, macchine e fresatrici cnc, i sistemi di trasmissione e tutto ciò che ha a che fare con la demolizione degli oggetti: big shredder, ragni demolitori, presse.