Home » Triumph TE-1: la vettura dal cuore elettrico made in England prende forma

Triumph TE-1: la vettura dal cuore elettrico made in England prende forma

Triumph unisce le forze con i maggiori attori nel panorama industriale ed accademico britannico per creare la prima avvenieristica vettura elettrica su due ruote interamente sviluppata e realizzata in territorio inglese.

Categorie Automotive · Motocicli e Ciclomotori · Power unit

Entra nella fase 2 il progetto Triumph TE-1, secondo step di quattro che porteranno alla nascita della prima vettura elettrica di casa Hinckley. Il progetto, supportato e cofinanziato dal governo inglese, nasce allo scopo di promuovere l’innovazione, creare nuove capacità e proprietà intellettuali. Il risultato previsto si identificherà come vettura di avanguardia nel panorama dell’elettrificazione e sostenibilità ambientale, unendo il carattere british dei veicoli made in Hinckley all’innovazione della propulsione elettrica.

Triumph TE-1

L’iniziativa vede la collaborazione, accanto a Triumph, delle relatà di maggiore spicco nello scenario industriale ed accademico britannico: Williams Advance Engineering Integral Powertrain Ltd, WMG presso l’Università di Warwick.

“Questa nuova collaborazione rappresenta un’entusiasmante opportunità per Triumph e i suoi partner di essere leader nella tecnologia che consentirà l’elettrificazione delle motociclette. […] Project Triumph TE-1 fa parte della nostra concezione di moto elettrica, focalizzata sulla fornitura di ciò che i ciclisti vogliono e si aspettano dal loro Triumph, che è il perfetto equilibrio tra maneggevolezza, prestazioni e usabilità.

Nick Bloor, Triumph CEO

Con l’ingresso nella fase 2, la Triumph TE-1 ha finalmente un volto.

Triumph TE-1

La vettura si configura immediatamente come una Sport Roadster i cui tratti sono chiaramente ispirati alla Triumph SpeedTriple. Nonostante il design generale della moto sia indubbiamente moderno ed innovativo, la nuova vettura eredita dalla sorella maggiore endotermica il carattere essenziale ed aggressivo. Ci si rende subito conto di avere di fronte una vera Triumph: faro anteriore sdoppaito, forcella a steli rovesciati, impianto frenante Brembo…

Passiamo ora al powertrain. Le compagini in gioco nel progetto hanno rivelato alcuni dei risultati ottenuti a valle della fase 2; seppur una vera e propria scheda tecnica del veicolo non è stata presentata, i dati dichiarati sono molto interessanti.

Triumph TE-1

Triumph TE-1: Pacco batterie by Williams Advance Engineering

Realizzare un comparto batterie dalle performance uniche e dal peso ridotto è stato il compito principale di cui i tecnici Williams si sono fatti carico. La ricerca del perfetto bilanciamento tra performance e range di funzionamento ha guidato il design del pacco batterie, mediante la simulazione del sistema sotto condizioni di carico assimilabili a quelle dell’ utilizzo in pista. L’intero modulo risulta perfettamente integrato nella struttura; l’involucro è collegato al telaio, rendendo di fatto il pacco batterie struttura portante del veicolo con un conseguente beneficio in termini di rigidezza dello stesso. Inoltre, l’ottimizzazione della massa e della posizione del baricentro ha permesso di ottenere un incredibile beneficio in termini di maneggevolezza della vettura.

Nel panorama attuale, la potenza effettiva erogata dalla gran parte delle motociclette a propulsione elettrica è vincolata allo stato di carica residua delle batterie. Al contrario con le nostre tecnologie, l’ intento è quello di realizzare una soluzione leggera e compatta che sia in grado di fornire tutta la potenza disponibile, in ogni momento ed indipendentemente dalla carica della batteria.”

Dyrr Ardash, Senior Commercial Manager, Williams Advanced Engineering
pacco batterie by WAE

Triumph TE-1: Motore elettrico by Integrated Powertrain Ltd

Lo sviluppo del cuore elettrico della nuova vettura porta la firma del reparto e-Drive della Integrated Powertrain Ltd. Parametro fondamentale alla base della progettazione di motore ed inverter è la riduzione della massa. Soluzioni come l’inverter in carburo di silicio e la sua totale integrazione nell’alloggiamento motore hanno consentito di raggiungere nuovi standard di efficienza. Infatti, dai primi test al banco è stata rilevata una densità di potenza di 13 kW/kg, valore doppio rispetto agli standard imposti dallo UK Automotive Council per il 2025.

motore elettrico by Integral powertrain

La nostra esperienza nella progettazione e produzione di motori e inverter all’avanguardia ci ha aiutato a portare questa tecnologia al livello successivo per il progetto TE-1. Anche l’innovativa integrazione di motore e inverter è completamente scalabile, in base alla quale il numero di stadi di potenza può aumentare per un diametro maggiore, ad esempio motori a coppia più elevati.
Il motore produce 130 kW o quasi 180 cavalli, ma pesa solo 10 chilogrammi, molto più leggero della tecnologia esistente e chiaramente una piccola frazione della massa dei tradizionali motori a combustione interna.

Andrew Cross, Chief Technical Officer alla Integral Powertrain Ltd
motore elettrico by Integral powertrain

Modellazione e simulazione by WMG, Warwick University

Allo scopo di trasferire il know-how accademico in ambito industriale, la WMG ha preso in carico la modellazione e la simulazione del gruppo propulsore-batteria. Partendo da modelli semplificati, sono state definite le specifiche tecniche di base richieste ai componenti rispetto alle performance stabilite. Affinando poi gli stessi modelli, i tecnici WMG hanno studiato il comportamento in condizioni reali del sistema ancor prima che una vettura fisica fosse realizzata. Ciò ha permesso di procedere alla fase di sviluppo software ancor prima che la vettura fosse stata progettata.

“Le moto elettriche avranno un ruolo vitale da svolgere nei trasporti futuri in tutto il mondo, offrendo una riduzione della congestione e una migliore qualità dell’aria urbana. Saranno anche fantastici da guidare, con una coppia abbondante e facilmente controllabile erogata senza intoppi a tutte le velocità della strada. WMG ha esperienza nella tecnologia delle batterie e nell’elettrificazione dei veicoli per strade, ferrovie, mare e aria che porterà in questo entusiasmante settore. Il nostro team di esperti guiderà il lavoro di modellazione e simulazione all’interno del progetto, per garantire che i veicoli siano sicuri ed efficienti senza compromessi per le prestazioni dinamiche”.

Professor David Greenwood, Professor, Advanced Propulsion Systems at WMG, University of Warwick.

Lo step successivo del progetto, la fase 3, porterà alla realizzazione del prototipo dell’intera vettura. Restiamo quindi in attesa di un primo assaggio di questa vettura che, allo stato attuale, ha tutti i requisiti per diventare il futuro metro di paragone per le vetture elettriche a due ruote.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento