Home » Sebastian Vettel si ritira dalla Formula 1 alla fine del 2022

Sebastian Vettel si ritira dalla Formula 1 alla fine del 2022

Sebastian Vettel si ritira dalla Formula 1, arriva l'annuncio ufficiale

Categorie Motorsport

Il quattro volte campione del mondo di F1, Sebastian Vettel, ha rivelato tramite il suo account Instagram, creato poche ore fa nella settimana del Gran Premio d’Ungheria, che si sarebbe ritirato dalla Formula 1 alla fine della stagione.

Negli ultimi anni, Vettel è diventato sempre più presente ed esplicito sull’importanza delle questioni ambientali e sociali in tutto il mondo. La notizia è una svolta importante nel mercato dei piloti per il prossimo anno, liberando un posto in Aston Martin al fianco di Lance Stroll per il 2023.

“La decisione di ritirarmi è stata difficile da prendere per me e ho passato molto tempo a pensarci”, ha detto Vettel in una dichiarazione rilasciata dall’Aston Martin. “A fine anno voglio prendermi un po’ più di tempo per riflettere su ciò su cui mi concentrerò dopo; mi è molto chiaro che, essendo padre, voglio passare più tempo con la mia famiglia. Ma oggi non si tratta di dire addio. Si tratta piuttosto di dire grazie a tutti, non ultimi ai tifosi, senza il cui supporto la Formula 1 non potrebbe esistere“.

La carriera di Sebastian Vettel in Formula 1

Vettel ha fatto il suo debutto in Formula 1 al Gran Premio degli Stati Uniti 2007 in un’apparizione “unica” per la BMW prima di ottenere una promozione a metà stagione con la Toro Rosso nel corso dell’anno. È diventato il più giovane vincitore di sempre di una gara di Formula 1 nel 2008 con la Toro Rosso (sul circuito di Monza) prima di passare alla Red Bull per la stagione successiva, con la quale ha goduto dell’apice del suo successo vincendo quattro campionati del mondo consecutivi, dal 2010 e il 2013.

Vettel è entrato in Ferrari nel 2015 e ha lottato per il titolo mondiale nel 2017 e nel 2018, perdendo in entrambe le occasioni contro il rivale Lewis Hamilton in Mercedes. Ha lasciato Maranello alla fine del 2020 per raggiungere l’Aston Martin, con la quale concluderà la sua carriera in F1 quest’anno. Il Gran Premio di Abu Dhabi sarà il suo 300° Gran Premio in Formula 1.

Sebastian Vettel sul circuito del Red Bull Ring
Sebastian Vettel sul circuito del Red Bull Ring

Perché il ritiro di Vettel è una perdita per il mondo della Formula 1

La notizia di Sebastian Vettel di ritirarsi dalla Formula 1 alla fine della stagione è stata accolta con tristezza da molti appassionati. Si tratta di un pilota che si è affermato come uno dei grandi di tutti i tempi, vincendo quattro campioni del mondo e godendo del tipo di dominio con la Red Bull che pochi hanno assaporato nella storia della F1.

Ma Vettel è anche un pilota che, invecchiando, è cresciuto nella sua voce ed è diventato un portavoce incredibilmente significativo del futuro della F1 e del bisogno di cambiamento. Abbiamo visto che nelle ultime settimane Vettel ha appoggiato l’uso di carburanti a emissioni zero, guidando la Williams FW14B del 1992 di Nigel Mansell e persino l’Aston Martin del 1922 al Paul Ricard la scorsa settimana.

Vettel, GP Austria 2021
Vettel, GP Austria 2021

Vettel dopo le qualifiche di sabato scorso gli è stato chiesto chi avrebbe assunto il ruolo di portavoce per la F1 quando piloti come lui e Lewis Hamilton avrebbero deciso di smettere. “Instagram!” aveva risposto Vettel. Una cosa piuttosto insolita vista la sua avversione per i social network. Eppure è diventata la piattaforma attraverso la quale avrebbe sganciato la più grande bomba da quando rivelò la sua decisione scioccante di lasciare la Red Bull alla fine del 2014.

Ciò avvenne dopo un periodo in cui Vettel era al top delle prestazioni. Pensa al suo dominio in F1 durante la fine della stagione 2013, quando pareggiò il record di nove vittorie consecutive di Alberto Ascari, quando dava 2 secondi al giro a Singapore, quando saltava l’ultimo tentativo nel Q3 talmente che era forte il suo vantaggio nella lotta per la pole. Pochi potevano avvicinarsi a lui. Le difficoltà del 2014 con la Red Bull gli aprirono la strada per entrare in Ferrari, seguendo le orme del suo eroe e amico, Michael Schumacher. Schumacher si era sempre preso cura di Vettel durante i suoi primi giorni in F1, un atto ripetuto da Vettel nei confronti del figlio del sette volte campione del mondo, Mick, negli ultimi due anni.

Vinse la sua seconda gara per la Ferrari nel 2015, dando già la speranza che prima o poi avrebbe potuto riportare il titolo a Maranello. Con la revisione delle regole aerodinamiche nel 2017, era l’occasione perfetta per Vettel e Ferrari per tornare al vertice. Eppure non andò così. Un misto di errori della Ferrari e di Vettel – Hockenheim 2018 è il punto di svolta più brutale – ha fatto sì che la promessa iniziale di conquistare il titolo 2017 e nel 2018 svanisse a favore di Lewis Hamilton con la Mercedes. Con l’arrivo di Charles Leclerc alla Ferrari nel 2019, l’attenzione a Maranello si spostò sul giovane talento, lasciando Vettel in disparte e alla ricerca di una nuova squadra per il 2021.

Vettel è passato quindi all’Aston Martin nel 2021. È stato visto come il pilota perfetto per aiutare l’Aston Martin nel suo piano quinquennale per raggiungere la vetta della F1, portando esperienza e abilità significative. Ma è improbabile che gli ultimi anni della carriera di Vettel vengano ricordati per i suoi sforzi in pista. Certo, ci sono stati dei momenti brillanti – pensa al suo podio a Baku l’anno scorso, o alla rimonta su Esteban Ocon per quella che sarebbe stata un’improbabile vittoria in Ungheria, per poi essere squalificato – ma Vettel ha fatto parlare più per le sue nobili cause fuori dalla pista.

Sebastian Vettel su Ferrari e Max Verstappen su Red Bull - Crediti foto: RedBull Content Pool
Sebastian Vettel su Ferrari e Max Verstappen su Red Bull – Crediti foto: RedBull Content Pool

Vettel è stata la voce di cui la F1 aveva bisogno. Non ha avuto paura di tenere uno specchio e dimostrarne le brutte carenze, notando la necessità di un cambiamento mentre la crisi climatica che sta affrontando il mondo diventa sempre più grave. Si è persino tenuto per sé quello specchio, definendosi un ipocrita alla televisione britannica pochi mesi fa a causa del suo impegno per l’ambiente mentre correva in una serie che gli fa girare il mondo e consumare benzina.

Quindi non sorprende che Vettel abbia discusso delle sfide che il mondo deve affrontare nel suo annuncio di ritiro su Instagram. La più grande perdita per la F1 è avere qualcuno che è così desideroso e disposto a parlare di cose importanti che vanno ben oltre le auto da corsa. Quando è emersa la notizia delle molestie dei fan al Gran Premio d’Austria, il primo a chiedere la squalifica a vita dai circuiti per gli autori è stato Vettel. L’anno scorso in Ungheria, Vettel indossò una maglietta arcobaleno per denunciare le sue leggi comunitarie anti-LGBTQ+. Nel periodo in Ferrari ha avvicinato a sé tanti tifosi per il suo carattere, e ci ha fatto fare anche tante risate durante le interviste. Sempre disponibile e gentile con tutti, nel suo ultimo Gran Premio corso con la Ferrari, ad Abu Dhabi nel 2020, durante il giro d’onore Sebastian Vettel intonò “Azzurro” cambiandone le parole e ringraziando, con la voce rotta dalla commozione, i meccanici e la squadra. Da Ferrarista, ci ha fatto divertire parecchio e, purtroppo, la parabola discendente delle sue prestazioni dal 2018 al 2020 sono ancora oggi un boccone amaro da mandare giù. Facci divertire ancora un altro po’, almeno fino a dicembre. Ciao Sebastian e buona fortuna!

FONTI VERIFICATE

Account Instagram Sebastian Vettel

Lascia un commento