SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Segway Ninebot: arriva il monopattino elettrico che si ricarica da solo

Le aziende hanno iniziato a guardare aldilà delle automobili nel tentativo di decongestionare le principali città e cercare nuovi modi per trasportare le persone dal punto A al punto B in modo più efficiente ed ecologico. Un settore che ha ricevuto molta attenzione sono gli scooter e i monopattini. La novità, però, arriva direttamente da Pechino, dalla Segway Ninebot.

L’azienda cinese, ha rivelato il suo ultimo monopattino, che basa il funzionamento sull’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, chiamato KickScooter T60 e ha la peculiarità di tornare autonomamente, e dunque senza conducente, alla stazione di ricarica. Il monopattino non solo può fare ritorno alla base, ma i suoi meccanismi basati su cloud possono guidarlo da solo verso un utente.

Il monopattino con l’Intelligenza Artificiale: ecco l’idea di Segway Ninebot

Ad esempio, supponiamo che ci sia un importante evento, come un concerto, una mostra o altro. La società può esaminare questi dati e inviare in massa tanti KickScooter T60 nell’area per consentire alle persone di salire e partire verso le proprie destinazioni. A questo punto, immagina di vedere tanti monopattini circolare per strada senza persona a bordo. Quale potrebbe essere la tua reazione?

Segway Ninebot: arriva il monopattino elettrico che si ricarica da solo
La presentazione del monopattino elettrico

Ninebot non ha esplicitamente detto che tipo di tecnologia sblocca le capacità autonome di guida, ma ha affermato che lo scooter utilizza la “tecnologia di navigazione basata sulla visione“. Ovviamente, qualcosa deve dargli effettivamente la capacità di “vedere” il mondo che lo circonda, che sia un GPS, un radar, un lidar o altro.

Ninebot ha anche presentato i due nuovi robot di consegna. Il DeliveryBot S2 è una versione aggiornata dell’S1 ​​che può vedere meglio il mondo tramite il suo sistema lidar e anche salire e scendere dagli ascensori senza alcun aiuto da parte dell’essere umano. Nel frattempo, il DeliveryBot X1 può affrontare le infrastrutture della città e persino riconoscere i semafori e resistere alla pioggia.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Francesco Mennahttps://vehiclecue.it
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com