Volkswagen

    Volkswagen ID R

    Volkswagen ID R: nuovo record con la cronoscalata per la “Porta del Paradiso”

    Volkswagen ID R sembra essere la macchina destinata a raggiungere tutti gli obiettivi. Dopo il successo a Pikes Peak e il record al Nürburgring, torna protagonista sulla Tianmen Mountain, in Cina, nota anche come “Porta del Paradiso”.

    Volkswagen ID R
    PH: tomshw.it

    Nuovo record per  Volkswagen ID R

    La salita sul monte cinese consta di una lunghezza di 10.906 km perlopiù con tratti tortuosi, percorsi in 7’38″585 millesimi. Su tutto il “tracciato” si contano infatti 99 tornanti, alcuni dei quali con un raggio esterno di solo qualche metro.

    Anche solo dalle immagini seguenti potete capire la difficoltà del tentativo, tanto pericoloso quanto affascinante.

    Volkswagen ID R
    PH: tomshw.it
    Volkswagen ID R
    PH: tomshw.it

    Sensazioni testimoniate dallo stesso Romain Dumas, pilota responsabile ormai di quasi tutti i record siglati:

    Ricorderò per sempre questa scalata record sulla montagna di Tianmen come l’uscita più spettacolare che io abbia fatto. Sono fiero di aver settato il record con l’elettrica Volkswagen ID R in Cina. Le poche informazioni e test fatti si sono tradotti in un’enorme sfida. La strada è incredibilmente stretta e sinuosa, ma la guida è incredibilmente divertente con la potenza elettrica della ID R. L’enorme coppia è stata un grosso vantaggio sui brevi rettilinei, mentre l’aerodinamica ha fornito maggiore trazione per i tratti più veloci.

    Nei tre giorni precedenti la prova ufficiale son stati dati a disposizione 6 “test run” durante la quale però le condizioni ambientali erano avverse o comunque variabili. Pertanto il tempo ottenuto nella prova ufficiale non sembrava affatto raggiungibile.

    C’è anche da tenere in considerazione un altro aspetto: non era mai stata affrontata una crono sullo stesso percorso cinese. Si dovrebbe quindi parlare di record segnato (inteso come primo rilevazione cronometrica ufficiale) più che battuto.

    Volkswagen ID R e il futuro

    Volkswagen ID R rappresenta sicuramente l’esclusiva elettrica del motosport della casa automobilistica tedesca. D’altra parte, il marchio ID verrà introdotto anche in campo commerciale quando, tra qualche giorno, sarà lanciato al Salone di Francoforte grazie alla ID.3

    Record al Nürburgring

    Record al Nürburgring per Volkswagen ID R

    Vi avevamo già parlato (qui) circa un mese fa dei test si stavano facendo per puntare a stabilire il nuovo record al Nürburgring per veicoli elettrici. Ora possiamo dire che effettivamente la ID R di casa Volkswagen ce l’ha fatta, battendo il precedente record di ben 40.564 secondi, siglando di fatto un tempo poco superiore ai 6 minuti complessivi.

    Volkswagen ID R
    PH: carsales.com.au

    Record al Nürburgring

    Il Nordschleife non è solo il circuito più difficile del mondo, è anche il più severo banco di prova per i veicoli di serie – ha dichiarato il presidente del Consiglio d’amministrazione del gruppo Volkswagen, Herbert Diess. La ID R ha vinto questa sfida con grande forza, realizzando il giro a zero emissioni più veloce di sempre.
    A ulteriore dimostrazione delle sue prestazioni straordinarie, la mobilità elettrica Volkswagen può ora dirsi davvero ‘a prova di Nürburgring’. Mi congratulo con la squadra della Volkswagen Motorsport e con il pilota Romain Dumas per il terzo record della ID R

    Nonostante velocità di punta non particolarmente elevate, fino a 270 km/h in alcuni tratti, il pilota francese ha comunque siglato il tempo di 6′ 05″ 336. Questo traguardo raggiunto per mezzo dell’elevata velocità media tenuta durante tutto il percorso, di circa 206.96 km/h.

    Di fatto il vero guadagno della ID R son state le curve percorse ad elevata velocità, grazie ad un’aerodinamica che ha garantito stabilità in ogni situazione.

    Essere il detentore di un record al Nürburgring mi rende incredibilmente orgoglioso – ha dichiarato Dumas già quattro volte vincitore della 24 Ore del Nürburgring – Per me, questo è il più affascinante e più difficile circuito al mondo. Voglio ringraziare la squadra della Volkswagen Motorsport, che ancora una volta ha fatto un lavoro fantastico.
    La ID. R è stata messa a punto in modo perfetto per il Nordschleife ed è stato molto emozionante sperimentarne l’accelerazione bruciante e le eccezionali velocità in curva

    Se volete rendervi conto dell’impegno del pilota a sfrecciare a queste velocità vicinissimo al guardrail e senza vie di fuga vi basta guardare questo video.

    L’impresa preannunciata è stata portata a termine. Chi sarà il prossimo che oserà attaccare il record?

    Volkswagen ID R

    Volkswagen ID R: un’elettrica per battere il record al Nürburgring

    La Volkswagen ID R è un veicolo prototipo completamente elettrico progettato per competere in specifici eventi di motorsport. Quasi un anno fa, nel giugno 2018 per intenderci, la Volkswagen ID R si rese già protagonista di una notevole impresa: il pilota francese Romain Dumas con la vettura elettrica siglò il record alla Pikes Peak International Hill Climb (Colorado), una tra le più celebri corse in salita.

    Volkswagen ID R tenterà il record al Nürburgring

    Di nuovo Romain Dumas si metterà alla guida del prototipo tedesco, questa volta per tentare il record per veicoli elettrici allo storico tracciato del Nürburgring-Nordschleife. Infatti durante l’estate 2019, in una data ancora non specificata, verrà tentata la prova finale. Per portare a termine il record però sono necessari diversi test, soprattutto per provare gli aggiornamenti tecnici e trovare l’assetto ottimale.

    Lo scorso 26 aprile sono stati conclusi i primi giri del tracciato, con risultati positivi a detta degli ingegneri. Stessa positività che si ritrova anche nelle parole di Sven Smeets, direttore della Volkswagen Motorsport:

    Come ci attendevamo, il Nürburgring-Nordschleife ci ha dato filo da torcere. Sulla base di simulazioni al computer effettuate in precedenza, in questi test abbiamo lavorato per adattare la ID R a questo circuito unico, in particolare per quanto riguarda il telaio. La gestione dell’energia, invece, funziona già molto bene. Abbiamo rispettato il programma dei test sugli elementi più importanti, tra cui la comparazione di diversi pneumatici del nostro partner Bridgestone

    Volkswagen ID R
    PH: carsales.com.au

    Anche lo stesso Romain si ritiene soddisfatto dei risultati raggiunti:

    È stato fantastico poter guidare per la prima volta la ID R sul mio circuito preferito. Le velocità in curva della ID R sono molto più elevate rispetto a quelle delle GT da competizione cui sono abituato. Ma mi sento bene al volante e questo è molto importante. Il Nürburgring-Nordschleife ha un fondo molto più ricco di dossi e compressioni rispetto ai circuiti su cui abbiamo provato finora. Quindi, ci siamo concentrati su ammortizzatori e altezza da terra, per adattarli alle caratteristiche uniche di questa pista

    Novità per la Volkswagen ID R

    Le principali modifiche rispetto alla versione precedente non sono legate ad un incremento di potenza. Infatti la ID R rimane dotata di 500 kW, circa 680 CV, sprigionati da due motori elettrici combinati con una coppia massima di 650 Nm, a fronte di una massa di 1100 kg.

    Lo scatto da 0 a 100 km/h è del tutto invidiabile: 2.25 secondi, che portano ad un’accelerazione frontale di quasi 1.3g (oltre 12 m/s2).

    Xavier Demaison, responsabile tecnico, afferma che:

    Per l’aria rarefatta della Pikes Peak a 4302 m di quota abbiamo sfruttato un’ala davvero grande per cercare il carico aerodinamico

    Questa volta al Nürburgring sarà necessaria un’efficienza maggiore. Per questo motivo sarà utilizzata un’ala più piccola per ridurre la superficie esposta e un nuovo fondo, probabilmente con un diffusore estremizzato per cercare deportanza “gratuita”.

    Uno dei tanti problemi risulta infatti il risparmio energetico: è necessario trovare un giusto compromesso con un pacco batterie contenuto, tale però da consentire il completamento della prova.

    Per quanto riguarda la velocità massima non possiamo essere ugualmente soddisfatti. Si parla infatti di una velocità di punta di poco superiore ai 250 km/h, migliorabile fino a circa 270 km/h con l’utilizzo dell’ala mobile.

    E’ stato infatti aggiunto un vero e proprio DRS (Drag Reduction System) con relativo flap che si apre e chiude per diminuire o meno il carico, a seconda delle possibilità.

    Il rettilineo principale del Nürburgring è lungo circa 3 km. La differenza tra 270 km/h e 250 km/h può essere peculiare per la Volkswagen ID R?

    Pensando di percorrere questo lungo tratto a velocità massima costante, parliamo di circa 40 secondi nel primo caso, contro i 43 nel caso di una velocità minore. Forse è poco il guadagno che si riscontra in questo tratto, ma sicuramente è un utile vantaggio in termini energetici. D’altra parte il DRS potrà essere utilizzato anche in altri brevi tratti rettilinei.

    la Volkswagen ID R sarà all’altezza dei 6’45.9″ della Nio EP9, attuale detentrice del record? Purtroppo per scoprirlo dovremo aspettare ancora qualche mese.


    Vuoi leggere i nostri articoli senza pubblicità?

    Sostieni il nostro progetto e avrai la possibilità di: