La Volkswagen ID R è un veicolo prototipo completamente elettrico progettato per competere in specifici eventi di motorsport. Quasi un anno fa, nel giugno 2018 per intenderci, la Volkswagen ID R si rese già protagonista di una notevole impresa: il pilota francese Romain Dumas con la vettura elettrica siglò il record alla Pikes Peak International Hill Climb (Colorado), una tra le più celebri corse in salita.

Volkswagen ID R tenterà il record al Nürburgring

Di nuovo Romain Dumas si metterà alla guida del prototipo tedesco, questa volta per tentare il record per veicoli elettrici allo storico tracciato del Nürburgring-Nordschleife. Infatti durante l’estate 2019, in una data ancora non specificata, verrà tentata la prova finale. Per portare a termine il record però sono necessari diversi test, soprattutto per provare gli aggiornamenti tecnici e trovare l’assetto ottimale.

Lo scorso 26 aprile sono stati conclusi i primi giri del tracciato, con risultati positivi a detta degli ingegneri. Stessa positività che si ritrova anche nelle parole di Sven Smeets, direttore della Volkswagen Motorsport:

Come ci attendevamo, il Nürburgring-Nordschleife ci ha dato filo da torcere. Sulla base di simulazioni al computer effettuate in precedenza, in questi test abbiamo lavorato per adattare la ID R a questo circuito unico, in particolare per quanto riguarda il telaio. La gestione dell’energia, invece, funziona già molto bene. Abbiamo rispettato il programma dei test sugli elementi più importanti, tra cui la comparazione di diversi pneumatici del nostro partner Bridgestone

Volkswagen ID R
PH: carsales.com.au

Anche lo stesso Romain si ritiene soddisfatto dei risultati raggiunti:

È stato fantastico poter guidare per la prima volta la ID R sul mio circuito preferito. Le velocità in curva della ID R sono molto più elevate rispetto a quelle delle GT da competizione cui sono abituato. Ma mi sento bene al volante e questo è molto importante. Il Nürburgring-Nordschleife ha un fondo molto più ricco di dossi e compressioni rispetto ai circuiti su cui abbiamo provato finora. Quindi, ci siamo concentrati su ammortizzatori e altezza da terra, per adattarli alle caratteristiche uniche di questa pista

Novità per la Volkswagen ID R

Le principali modifiche rispetto alla versione precedente non sono legate ad un incremento di potenza. Infatti la ID R rimane dotata di 500 kW, circa 680 CV, sprigionati da due motori elettrici combinati con una coppia massima di 650 Nm, a fronte di una massa di 1100 kg.

Lo scatto da 0 a 100 km/h è del tutto invidiabile: 2.25 secondi, che portano ad un’accelerazione frontale di quasi 1.3g (oltre 12 m/s2).

Xavier Demaison, responsabile tecnico, afferma che:

Per l’aria rarefatta della Pikes Peak a 4302 m di quota abbiamo sfruttato un’ala davvero grande per cercare il carico aerodinamico

Questa volta al Nürburgring sarà necessaria un’efficienza maggiore. Per questo motivo sarà utilizzata un’ala più piccola per ridurre la superficie esposta e un nuovo fondo, probabilmente con un diffusore estremizzato per cercare deportanza “gratuita”.

Uno dei tanti problemi risulta infatti il risparmio energetico: è necessario trovare un giusto compromesso con un pacco batterie contenuto, tale però da consentire il completamento della prova.

Per quanto riguarda la velocità massima non possiamo essere ugualmente soddisfatti. Si parla infatti di una velocità di punta di poco superiore ai 250 km/h, migliorabile fino a circa 270 km/h con l’utilizzo dell’ala mobile.

E’ stato infatti aggiunto un vero e proprio DRS (Drag Reduction System) con relativo flap che si apre e chiude per diminuire o meno il carico, a seconda delle possibilità.

Il rettilineo principale del Nürburgring è lungo circa 3 km. La differenza tra 270 km/h e 250 km/h può essere peculiare per la Volkswagen ID R?

Pensando di percorrere questo lungo tratto a velocità massima costante, parliamo di circa 40 secondi nel primo caso, contro i 43 nel caso di una velocità minore. Forse è poco il guadagno che si riscontra in questo tratto, ma sicuramente è un utile vantaggio in termini energetici. D’altra parte il DRS potrà essere utilizzato anche in altri brevi tratti rettilinei.

la Volkswagen ID R sarà all’altezza dei 6’45.9″ della Nio EP9, attuale detentrice del record? Purtroppo per scoprirlo dovremo aspettare ancora qualche mese.