Volvo Trucks ha presentato lo scorso maggio il suo nuovo Volvo Concept Truck. Nel corso di questi mesi il prototipo ibrido è stato perfezionato ulteriormente in termini di aerodinamica e resistenza al rotolamento, riducendone notevolmente il peso. Il veicolo, nato in collaborazione con la Swedish Energy Agency, sfrutta una catena cinematica ibrida. Questo per consentire una maggiore riduzione del carburante e delle emissioni di CO2.

Volvo Concept Truck: riduzione dei consumi e delle emissioni anche nei lunghi tragitti

Il Volvo Concept Truck rappresenta uno dei primi prototipi ibridi per i trasporti pesanti a lungo raggio. Infatti, un veicolo per il trasporto merci ibrido era già stato presentato da Scania alla fine del 2015. Anche altre aziende stanno sviluppando dei progetti simili, ma sono quasi tutti veicoli utilizzabili prettamente in area urbana. Il Concept Truck di Volvo, invece, riesce a recuperare l’energia prodotta in frenata e durante i tratti in discesa per sfruttarla successivamente nei tratti in piano o in leggera ascesa.

Questo consente, quindi, un risparmio di carburante e la riduzione delle emissioni soprattutto nei trasporti a lungo raggio. Infatti, la catena cinematica ibrida ottenuta grazie all’integrazione di un motore elettrico ad un motore diesel Volvo D13 Euro 6c, consente un risparmio di carburante nell’ordine del 5-10%. A questo va aggiunta una riduzione degli inquinanti fino al 30%. Naturalmente il tutto varierà in base al ciclo di guida e al percorso affrontato.

Meno emissioni e consumi grazie alla catena cinematica ibrida
PH: images.volvotrucks.com

Come funziona la catena cinematica ibrida?

La catena cinematica non è altro che l’unione di diversi meccanismi, collegati tra loro per gestire e modificare il moto del veicolo. In questo caso, è detta ibrida perchè funziona grazie alla combinazione di un motore diesel 6 cilindri da 12,8 litri Euro 6c con un motore elettrico MDS, cioè in grado di funzionare come generatore durante la frenata e nei tratti in discesa.

Motore elettrico e diesel Volvo Concept Truck
PH: mag.volvotrucks.com

Le batterie vengono, infatti, ricaricate sfruttando delle pendenze superiori all’1% oppure sfruttando l’energia che si sviluppa in frenata. Grazie all’utilizzo di una versione appositamente sviluppata del sistema I-See, il veicolo analizza in anteprima la topografia del percorso. Questo consente di stabilire quando può essere utilizzato in esclusiva il motore elettrico e i tratti in cui recuperare l’energia. Il tutto è possibile grazie ad un algoritmo avanzato ed alle informazioni fornite dal GPS. È, inoltre, possibile utilizzare in esclusiva il motore elettrico per circa 10 km. Questo consente di operare a bassissima rumorosità e a zero emissioni.

Per il progetto Volvo Concept Truck è stato utilizzato come base un Volvo FH. Quindi, queste cifre potranno variare in base alle dimensioni, al peso e alle altre caratteristiche dei veicoli su cui verrà implementata questa tecnologia. Infatti il CEO di Volvo Truck, Claes Nillson, ha recentemente dichiarato che questo progetto ha consentito al team di maturare competenze nel settore dei veicoli ibridi. L’obiettivo, però, è sviluppare ulteriormente questa tecnologia. Quindi, in un prossimo futuro, potremmo vedere questi sviluppi sull’intera gamma dell’azienda svedese.