Home » Xiaomi SU7: l’auto elettrica del colosso cinese debutta nel mercato e fa boom di pre-ordini

Xiaomi SU7: l’auto elettrica del colosso cinese debutta nel mercato e fa boom di pre-ordini

Xiaomi entra nel mercato delle auto elettriche con la SU7, sfidando grandi del settore e generando un'alta domanda che ha portato a tempi di attesa fino a sei mesi per i consumatori.

Categorie Automotive · Eco Mobility e Self Driving
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Xiaomi, noto colosso tecnologico cinese, fa il suo ingresso nel mercato delle auto elettriche (EV) con il lancio della sua prima vettura, la SU7. Così l’azienda si espande al di là della produzione di smartphone, posizionandosi come diretto concorrente di giganti del settore quali Tesla e BYD nel più grande mercato automobilistico al mondo.

Lunghe attese per i consumatori entusiasti

Xiaomi SU7

Il debutto della SU7 ha immediatamente catturato l’interesse dei consumatori, con pre-ordini che hanno raggiunto le 88.898 unità nelle prime 24 ore. Tuttavia, l’elevata domanda ha portato Xiaomi ad annunciare tempi di attesa fino a sei mesi per la consegna delle vetture, una notizia che ha generato ampio dibattito sui social media cinesi.

Prezzi competitivi e prestazioni di spicco per la Xiaomi SU7

Con un prezzo di partenza di 215.900 yuan (circa 28.000 euro) per il modello standard e 299.900 yuan (circa 38.000 euro) per la versione Max, la SU7 si posiziona come una valida alternativa alle offerte correnti nel segmento EV, superando anche la Tesla Model 3 in termini di autonomia con un minimo garantito di 700 km.

Strategie di marketing e integrazione tecnologica

Xiaomi non si limita alla sola vendita di auto; con la promozione di edizioni speciali come la “Founder’s Edition”, complete di gadget quali frigoriferi, e puntando sull’integrazione del sistema operativo con altri dispositivi dell’ecosistema Xiaomi, l’azienda cerca di fidelizzare ulteriormente i suoi clienti.

Le EV Xiaomi sono prodotte in collaborazione con il gruppo BAIC, in uno stabilimento a Pechino con una capacità produttiva annua fino a 200.000 unità. Questa mossa giunge tuttavia in un momento di rallentamento globale nelle vendite di EV, con una conseguente guerra dei prezzi che vede anche Tesla ridurre significativamente i costi dei propri veicoli in Cina.

La presentazione della Xiaomi SU7

Durante l’evento Xiaomi EV Technology Launch, tenutosi lo scorso 28 dicembre, Xiaomi ha svelato cinque tecnologie fondamentali che secondo l’azienda definiranno il futuro dei veicoli elettrici: il motore elettrico (E-Motor), la batteria, la tecnologia di pressofusione iper-veloce (Xiaomi Hyper Die-Casting), il sistema di guida autonoma Xiaomi Pilot e la cabina intelligente (Smart Cabin). Queste innovazioni puntano a ridefinire l’intero settore automobilistico e segnano anche l’ingresso ufficiale di Xiaomi nell’arena dei veicoli elettrici con il lancio del loro primo prodotto, la berlina eco-tecnologica di alta gamma Xiaomi SU7.

Innovazioni tecnologiche al centro della rivoluzione Xiaomi

La Xiaomi SU7 non è solo un’auto: è il simbolo dell’ambizione di Xiaomi di creare uno spazio mobile intelligente che superi le prestazioni tradizionali, integrandosi perfettamente con l’ecosistema domestico intelligente. Con un investimento iniziale di oltre 10 miliardi di yuan (circa 1,3 miliardi di euro) in ricerca e sviluppo, Xiaomi ha messo insieme un team di oltre 3.400 ingegneri e più di mille esperti tecnici per realizzare questa visione.

Motore elettrico e batteria della Xiaomi SU7

Xiaomi SU7

Tra le tecnologie esposte spiccano i motori elettrici HyperEngine, progettati e prodotti internamente, che promettono di spingere i confini delle prestazioni automotive grazie a tecnologie all’avanguardia come il raffreddamento a olio bidirezionale e un design innovativo dei circuiti. In particolare, l’HyperEngine V8s stabilisce un nuovo record mondiale per i motori elettrici con una potenza di uscita di 425kW e una coppia massima di 635N·m.

La batteria integrata CTB sviluppata da Xiaomi rappresenta un’altra pietra miliare, offrendo un’efficienza di integrazione del 77,8% e una capacità massima di 150 kWh, superando di gran lunga gli standard attuali e promettendo un’autonomia teorica che supera i 1200 km.

Die-Casting iper-veloce e guida autonoma

Il sistema di pressofusione iper-veloce T9100 di Xiaomi e la lega di alluminio proprietaria rappresentano un salto qualitativo nella produzione di componenti automobilistici, consentendo di ridurre significativamente il peso e il numero di giunzioni saldate.

Nel campo della guida autonoma, Xiaomi si distingue per l’implementazione di tecnologie all’avanguardia come l’Adaptive BEV Technology, che adatta gli algoritmi di percezione in base allo scenario, e il Road-Mapping Foundational Model, che rivoluziona il modo in cui le condizioni stradali vengono percepite e gestite.

Cabina intelligente e integrazione ecosistemica

Xiaomi SU7

La cabina intelligente del Xiaomi SU7 offre un’esperienza utente senza precedenti, con schermi multipli che permettono un’integrazione fluida tra veicolo, dispositivi smart domestici e l’ecosistema di applicazioni Xiaomi, ridefinendo il concetto di mobilità intelligente.

Il Futuro di Xiaomi nell’Automotive

Con un impegno di investimento di 10 miliardi di dollari nel prossimo decennio per il suo settore veicoli, Xiaomi dimostra di puntare con decisione sul lungo termine nel mercato delle auto elettriche. Tuttavia, le sfide non mancano, in un settore sempre più competitivo e in rapida evoluzione, dove anche colossi come Apple hanno recentemente riconsiderato i propri piani nel settore EV.

L’ingresso di Xiaomi nel settore automobilistico, dunque, non è solo un passo avanti nel campo della mobilità sostenibile ma rappresenta anche la realizzazione dell’ecosistema “Uomo x Auto x Casa”, dove la tecnologia e l’intelligenza artificiale si fondono per creare un’esperienza utente integrata e senza soluzione di continuità. Con l’introduzione del Xiaomi SU7, Xiaomi ambisce a diventare uno dei primi cinque produttori automobilistici globali così da trasformare il modo in cui interagiamo con la tecnologia, portandoci verso un futuro più connesso e intelligente.

Lascia un commento