Home » Tesla: richiamo “OTA” per 1,1 milioni di modelli per un problema con i finestrini

Tesla: richiamo “OTA” per 1,1 milioni di modelli per un problema con i finestrini

Il richiamo verrà risolto tramite aggiornamento software

Categorie Automotive

I richiami sono un fenomeno comune per quasi tutte le case automobilistiche e coinvolge anche marchi più blasonati che realizza supercar, hypercar e simili. Tesla non è estranea ai richiami, ma quest’ultimo è legato a un problema piuttosto strano. La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) ha emesso un richiamo per 1,1 milioni di veicoli Tesla a causa di alzacristalli elettrici che potrebbero pizzicare, letteralmente, la mano di un conducente o di un passeggero.

I modelli coinvolti sono le Model S realizzate tra il 19 gennaio 2021 e il 16 settembre 2022, le Model X costruite tra il 12 febbraio 2021 e il 16 settembre 2022, le Model 3 prodotte tra il 2 luglio 2017 e il 14 settembre 2022 e le Model Y fabbricate tra il 26 novembre 2019 e il 14 settembre 2022. “Il sistema di inversione automatica dei finestrini potrebbe non reagire correttamente dopo aver rilevato un’ostruzione. In quanto tali, questi veicoli non soddisfano i requisiti dello standard federale di sicurezza dei veicoli a motore numero 118, ‘Sistemi di alzacristalli elettrici'”, ha affermato la NHTSA. “Un finestrino di chiusura può esercitare una forza eccessiva pizzicando un conducente o un passeggero prima di ritrarsi, aumentando il rischio di lesioni“.

Tesla Model S - Crediti foto: Tesla
Tesla Model S – Crediti foto: Tesla

Si tratta di un problema piuttosto insolito, come già anticipato, perché l’ultimo richiamo emesso per lo stesso motivo vedeva coinvolta la BMW e risaliva al 2003. Tesla potrebbe essere l’unica casa automobilistica nella storia recente ad avere finestrini che potrebbero “pizzicare” i proprietari, ma la società è anche in una posizione unica per risolvere il problema senza fare un richiamo fisico.

Un aggiornamento OTA risolve il problema ai finestrini di Tesla

A partire dal 13 settembre, Tesla ha rilasciato un aggiornamento software per tutti i veicoli di pre-consegna di produzione per aggiornarli con i requisiti richiesti da NHTSA. Il costruttore americano distribuirà quindi l’aggiornamento Over The Air ai suoi clienti senza che questi ultimi debbano portare la propria auto in un’officina autorizzata. Al momento, non sono state registrate lesioni riguardanti il problema con il meccanismo dei finestrini elettrici.

Richiami minori come questo sono all’ordine del giorno nell’industria automobilistica, ma trattandosi di Tesla, ovviamente c’è sempre quella controversia che la circonda. Il CEO di Tesla Elon Musk ha twittato le sue preoccupazioni per il richiamo riportando quanto segue: “La terminologia (riferimento alla parola “richiamo”, ndr.) è obsoleta e imprecisa. Questo è un piccolo aggiornamento software. Per quanto ne sappiamo, non ci sono stati feriti”.

Gli interni della Model S - Crediti foto: Tesla
Gli interni della Model S – Crediti foto: Tesla

Sebbene Musk abbia ragione nel dire che la sua azienda gestisce i richiami in modo diverso dalla maggior parte delle case automobilistiche, ciò non cambia la procedura mediante la quale l’NHTSA avvisa i clienti di potenziali pericoli. I costruttori devono emettere un richiamo per qualsiasi difetto, anche se la correzione richiede solo una modifica del software.

Solo nel 2022, Tesla ha emesso 14 richiami che hanno avuto un impatto su oltre 3,3 milioni di veicoli. Alcuni dei richiami includono il surriscaldamento delle CPU, il tachimetro che scompare in modalità Track e problemi di gonfiaggio dell’airbag. Non tutti i problemi costringevano i proprietari a portare le proprie auto in un’officina, ma tutti richiedevano una sorta di soluzione. A Musk potrebbe non piacere quando la sua azienda fa notizia per un richiamo, ma semplicemente non c’è modo di evitare questi problemi: d’altronde l’auto perfetta non esiste.

Tesla ha affermato nei documenti della National Highway Traffic Safety Administration di essere venuta a conoscenza del problema per la prima volta il 19 agosto 2022, quando ha identificato che le prestazioni del sistema di inversione automatica avevano “variazioni maggiori del previsto in risposta al rilevamento delle ostruzioni”.

La casa automobilistica ha avviato rapidamente un’indagine sulla questione e ha condotto test di conformità su più modalità utilizzando posizioni dei finestrini variabili e velocità multiple del sistema. I risultati dell’indagine sono stati esaminati tra il 5 e l’11 settembre, dopodiché Tesla ha deciso di avviare una campagna di richiamo come descritto poco fa.

Tesla afferma che contatterà i proprietari il 15 novembre con un aggiornamento che migliora la calibrazione del comportamento del sistema di inversione automatica dei finestrini del veicolo per garantire la conformità normativa.

FONTI VERIFICATE

Documento ufficiale NHTSA

Lascia un commento