Home » Dodge Challenger SRT Demon 170: l’addio al V8 Hemi con 1025 CV e uno 0-100 km/h in 1,66 secondi

Dodge Challenger SRT Demon 170: l’addio al V8 Hemi con 1025 CV e uno 0-100 km/h in 1,66 secondi

Si chiama "Last Call" ed è una versione speciale per salutare il V8 HEMI

Categorie Automotive
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Dodge presenta la muscle car più veloce e potente del mondo. Si chiama Dodge Challenger SRT Demon 170 ed eroga una potenza massima di 1.025 cavalli. Il settimo e ultimo modello in edizione speciale “Last Call” è stato presentato al Dodge Last Call Powered di Roadkill Nights a Las Vegas.

Con i suoi 1.025 cavalli (a 6.500 giri/min) e 1.281 Nm (a 4.200 giri/min) con combustibile E85 la Challenger SRT Demon 170 raggiunge i 100 km/h da ferma in 1,66 secondi e raggiunge un’accelerazione longitudinale pari a 2G. Usando l’E10, invece, la potenza scende a 900 CV, mentre la coppia scende a “soli” 1098 Nm. Si tratta della Muscle Car di serie più potente di sempre ed è omologata per uso stradale. È la prima auto di produzione a percorrere il quarto di miglio in meno di nove secondi con un tempo di 8,91 secondi certificato dalla National Hot Rod Association (NHRA) a 243,28 km/h.

Dodge Challenger SRT Demon 170

Dodge Challenger SRT Demon 170: il motore

I veicoli Dodge “Last Call” commemorano la Dodge Challenger e la Dodge Charger, che volgeranno al termine nelle loro attuali forme con il propulsore HEMI alla fine del 2023. In precedenza erano stati introdotti sei veicoli “Last Call” in edizione speciale, che precedevano il modello rivelato oggi

La produzione della Dodge Challenger SRT Demon 170 inizierà quest’estate e sarà limitata a un massimo di 3.300 unità: 3000 saranno destinati agli Stati Uniti, mentre gli altri 300 saranno destinati al Canada. La Dodge Challenger SRT Demon 170 sarà disponibile al prezzo al dettaglio suggerito dal produttore di 96.666 dollari (tasse escluse). Gli ordini possono essere effettuati a partire dal 27 marzo 2023, e si chiuderanno il 15 maggio 2023.

Scaricare a terra 1.025 cavalli non è facile. È il motivo per il quale solo l’albero a camme è rimasto lo stesso rispetto al modello precedente. Il cuore della Dodge Challenger SRT Demon 170 condivide il DNA con il motore Hellephant C170 Direct Connection (un altro motivo per il richiamo a prova di “170” nel nome del nuovo modello Demon), parte della famiglia Direct Connection di motori per Hellephant che ha debuttato lo scorso anno al SEMA Show di Las Vegas. Direct Connection è la linea di componenti ad alte prestazioni supportata dalla fabbrica del marchio Dodge.

Dodge Challenger SRT Demon 170
Il motore

Gli aggiornamenti del motore includono:

  • Compressore da 3,0 litri con aumento del 40% della pressione di sovralimentazione, portando la Demon a 21,3 psi rispetto ai 15,3 psi del Challenger SRT Hellcat Redeye Widebody, con il 30% in più di flusso d’aria;
  • Puleggia del compressore da 3,02 pollici con il 14% in più di overdrive rispetto all’Hellcat Redeye Widebody;
  • Rail/Iniettori carburante: gli iniettori di carburante ad alto flusso sono in grado di fornire 620 litri all’ora; il sensore di etanolo a risposta rapida è integrato nel rail dell’iniettore del carburante;
  • Corpo farfallato con diametro di 105 mm: l’aumento del diametro del corpo farfallato si traduce in un volume del flusso d’aria superiore del 33% rispetto all’Hellcat Redeye Widebody o la SRT Demon 2018;
  • Valvetrain: le valvole di aspirazione sono rivestite di nitruro e le guide delle valvole risultano migliorate. Inoltre i materiali delle sedi contribuiscono alla compatibilità con l’etanolo;
  • la pressione nel cilindro è incrementata del 32% rispetto a Hellcat Redeye Widebody, che misura 172 bar con carburante E85;
  • biella ad alta resistenza e boccola del perno migliorata supportano una maggiore pressione;
  • nuove candele con range termico inferiore per una combustione ottimale con etanolo.

La Dodge Challenger SRT Demon 170 è dotata del cambio automatico a otto velocità TorqueFlite 8HP90, con una flangia di uscita aggiornata per accogliere un diametro maggiore e un albero di trasmissione più robusto.

Un modulo di controllo del gruppo propulsore (PCM) ricalibrato ottimizza l’alimentazione e la fasatura delle accensioni sia per il combustibile tradizionale che per quello con miscela ad alto contenuto di etanolo. La percentuale di etanolo viene visualizzata automaticamente nel quadro strumenti del veicolo e un’icona della pompa di benzina viene visualizzata nel quadro quando viene rilevata una percentuale significativa di etanolo nel carburante.

Dodge Challenger SRT Demon 170

La potenza nominale si regola automaticamente e viene visualizzata in base alla percentuale di etanolo nel carburante. Quando viene rilevata una soglia del 20% di etanolo, l’icona della pompa di benzina situata nel cluster apparirà bianca. Quando viene rilevato un carburante ad alto contenuto di etanolo superiore al 65%, l’icona del cluster diventa blu, informando il guidatore che è possibile scatenare la potenza massima di 1.025 cavalli.

La trasmissione

I componenti della trasmissione sono stati rinforzati, incluso un albero di trasmissione posteriore che è più resistente del 30% mantenendo le stesse dimensioni di ingombro. I metalli di tipo aerospaziale sono stati adottati per l’assale posteriore rinforzato, più resistente del 53%, che presenta un nuovo logo Direct Connection integrato nella struttura dell’alloggiamento.

I nuovi componenti della trasmissione includono:

  • Albero di trasmissione posteriore più resistente del 30% rispetto a quello adottato sulla SRT Demon 2018 e vanta anche diametro del tubo e spessore della parete maggiorati oltre a giunti omocinetici più grandi;
  • Assale posteriore da 240 mm: include alloggiamenti elaborati HIP (Hot Isostatic Pressing), anello e pignone più grandi da 240 mm, nuova flangia di ingresso per accogliere un giunto più grande, nuovo alloggiamento geometrico con logo Direct Connection, elementi di fissaggio più grandi per il montaggio del coperchio posteriore, una maggiore profondità della custodia e più si traducono in una custodia più resistente del 53%;
  • Semialberi posteriori a 43 scanalature: giunti omocinetici interni ed esterni progettati con scanalature di collegamento interne più grandi e trattamento termico rivisto. L’albero di interconnessione viene aggiornato a un albero di diametro maggiore con scanalature del giunto più grandi e rigidità ottimizzata per maggiori prestazioni in accelerazione.

La Dodge Challenger SRT Demon 170 del 2023 arriva come la prima auto di produzione in fabbrica costruita con pneumatici radiali sfalsati e parafanghi, un allestimento che crea più forza di lancio rispetto alla Challenger SRT Hellcat Redeye Widebody.

Gli pneumatici della Dodge Challenger SRT Demon 170

Dodge ha lavorato a stretto contatto per molti mesi con Mickey Thompson Tyres per sviluppare pneumatici esclusivi per la Dodge Challenger SRT Demon 170, fondamentali per ottenere la massima trazione del veicolo in condizioni di accelerazione estrema.

Le enormi ruote posteriori da 17 pollici ospitano pneumatici radiali Drag Mickey Thompson P315/50R17 ET Street R più larghi, più alti e di profilo più alto che forniscono un’ampia impronta di contatto. Troviamo scanalature aggiuntive per migliorare le prestazioni su strada. La morbida mescola R2 di Mickey Thompson offre una trazione superiore e ET Street R utilizza una struttura in nylon per un maggiore trasferimento di potenza rispetto ai fianchi in poliestere standard. L’aumento dell’altezza del fianco, se combinato con la costruzione del pneumatico, consente un “effetto di corrugamento”, migliorando il trasferimento di potenza e riducendo lo slittamento dello pneumatico.

Dodge Challenger SRT Demon 170

Le ruote anteriori più piccole sono leggere e offrono una bassa resistenza al rotolamento. Gli pneumatici anteriori sono Mickey Thompson 245/55R18 ET Street, ottimizzati anch’essi per le gare Drag. Il set anteriore più leggero aiuta a trasferire il peso al posteriore e offre un coefficiente di trazione significativamente più elevato rispetto agli pneumatici da strada utilizzati su superfici simili. I parafanghi posteriori Widebody coprono gli pneumatici nella parte posteriore, mentre i parafanghi anteriori in configurazione standard riducono il peso di 7 chili.

TransBrake: seconda generazione per la Muscle Car più potente di sempre

TransBrake 2.0, una versione di seconda generazione della prima funzionalità che ha debuttato sul Challenger SRT Demon originale del 2018, è rinata con aggiornamenti in attesa di brevetto che consentono al guidatore di configurare e selezionare tra più profili di coppia per ottimizzare la partenza adattando la potenza del motore in qualunque condizione di aderenza. TransBrake 2.0 è accessibile rapidamente attraverso un nuovo pulsante facilmente raggiungibile situato vicino alla console centrale, che porta il guidatore direttamente alla TransBrake Performance Page sullo schermo principale.

L’automobilista può definire le impostazioni di partenza e cambio con una funzione di memoria che può essere personalizzata in base a diverse superfici (con diverso grip) – alto, medio e basso grip – per scegliere la coppia del motore e le impostazioni di partenza del veicolo che meglio si adattano al tipo di asfalto.

Come con la Demon originale, TransBrake funzionerà in combinazione con un’altra delle funzioni appositamente create del veicolo, Torque Reserve, che viene abilitata automaticamente quando si utilizzano Launch Control e TransBrake. La riserva di coppia apre l’acceleratore e preposiziona la valvola di bypass del compressore, erogando l’aria in eccesso e controlla l’erogazione della coppia modificando il timing di accensione e apertura/chiusura valvole. Ulteriori funzionalità includono: Line Lock che abilita i burnout da fermo o in movimento con il semplice tocco di un pulsante (serve a scaldare le gomme posteriori prima di una corsa bloccando i freni anteriori indipendentemente dai freni posteriori) ed è abilitato tramite le opzioni Drag e il pulsante “OK” del volante; Launch Control progettato per consentire al guidatore di ottenere la massima accelerazione del veicolo in rettilineo, gestendo lo slittamento degli pneumatici durante la partenza; Launch Assist riduce il saltello delle ruote mantenendo un contatto ottimale del pneumatico con il terreno durante la partenza del veicolo.

Dodge Challenger SRT Demon 170

La fase di raffreddamento

La fase di raffreddamento è fondamentale per una macchina da 1.025 cavalli come la Dodge Challenger SRT Demon 170, soprattutto quando si tratta delle Drag Race. L’innovativo SRT Power Chiller, un prodotto appositamente costruito per la prima volta per la Demon originale, fa il suo ritorno sulla nuova Demon per aiutare a raffreddare la SRT Demon 170. Questo sistema aiuta a ridurre la temperatura di induzione dell’aria fino a 7°C, deviando il sistema di aria condizionata per raffreddare l’intercooler del compressore per una temperatura ottimale della presa d’aria. La funzione Race Cool Down standard della Dodge Challenger Demon 170 fornisce anche un ulteriore raffreddamento dopo che il motore è stato spento a seguito di una corsa sul quarto di miglio.

Due ulteriori caratteristiche chiave che fanno il loro ritorno sono il cofano Air-Grabber e i fari Air Catcher. Le caratteristiche massimizzano il flusso di aspirazione dell’aria con fari funzionali che funzionano in combinazione con il cofano a induzione d’aria. Anche il peso è estremamente importante. È una complessa fase di bilanciamento che sfrutta la potenza spostando il peso su aree specifiche del veicolo per ottenere le massime prestazioni combinate con un controllo di precisione. Le valvole regolate in modo univoco negli ammortizzatori Bilstein con smorzamento adattivo forniscono alla Dodge Challenger SRT Demon 170 una migliore risposta in partenza e impostazioni di drag race personalizzabili dall’utente.

Gli ammortizzatori Bilstein a smorzamento adattivo sono messi a punto per la massima accelerazione e offrono un’altezza di marcia al posteriore rialzata di 10 mm e una corsa di sbalzo posteriore limitata di 17 mm per schiacciare quanto più possibile i robusti pneumatici. Un camber della sospensione posteriore rivisto aumenta la superficie di contatto sotto carico rispetto al modello precedente. Il trasferimento del peso è ulteriormente aiutato da molle più morbide (35% anteriori, 28% posteriori) e barre antirollio più morbide (75% anteriori, 44% posteriori).

Gli ammortizzatori Bilstein anteriori sono impostati per una compressione decisa e uno smorzamento in estensione morbido durante la modalità Drag, mentre gli ammortizzatori Bilstein posteriori sono impostati per una compressione decisa e uno smorzamento in estensione deciso.

Dodge Challenger SRT Demon 170

Lo stile e il design

La Dodge Challenger SRT Demon 170 sarà disponibile in tutte le 14 opzioni di colore esterno per il Challenger, inclusi i tradizionali colori esterni B5 Blue, Plum Crazy purple e Sublime green, oltre al popolare colore moderno Destroyer Grey. Tutti i colori saranno inoltre disponibili con un esclusivo cofano verniciato nero satinato opzionale o tetto e cofano verniciati in nero satinato.

Il badge Challenger SRT Demon 170 reinventa il badge Demon originale con la scritta “170”. Un badge SRT adorna la griglia. Sotto il cofano, un badge Supercharger a tema Demon annuncia la personalità del veicolo e, come per tutti i modelli Challenger 2023, vanta una speciale targa commemorativa “Last Call”.

Per quanto riguarda gli interni, un badge giallo e rosso sul cruscotto Demon richiama il numero di telaio. Un nuovo schermo specifico per la Challenger SRT Demon 170 condivide un design rosso, con una grafica del cluster principale Demon 170, anch’esso in rosso. Il volante in Alcantara presenta un logo “SRT” a LED e le cornici in vera fibra di carbonio si aggiungono alla sensazione di prestazioni degli interni.

La Dodge Challenger SRT Demon 170 è dotata di interni in tessuto leggero pied de poule con il logo Demon 170 sul sedile del conducente. La quantità di tessuto è ridotta al minimo per ridurre il peso e massimizzare le prestazioni, con eliminazione del sedile del passeggero standard, del sedile posteriore, della moquette del bagagliaio, dei materiali fonoassorbenti, della luce del bagagliaio insieme a un impianto audio minimo a due altoparlanti.

Un’opzione per interni in pelle premium aggiunge più contenuti e caratteristiche di comodità per il cliente, con sedili in pelle nera Alcantara/Laguna con il logo Demon 170, sedili riscaldati e ventilati, volante riscaldato, impianto audio Harman Kardon a 18 altoparlanti con amplificatore Harman Kardon e sub montato sul bagagliaio e altro ancora. I distintivi sedili in pelle Demonic Red Laguna offrono un’altra alternativa colorata per coloro che desiderano personalizzare anche gli interni.

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa Stellantis

Lascia un commento