Home » F1, 24 gare nel 2023 e 133 mila chilometri di trasferte: quanto si complica la logistica e lo stress per gli addetti ai lavori?

F1, 24 gare nel 2023 e 133 mila chilometri di trasferte: quanto si complica la logistica e lo stress per gli addetti ai lavori?

Le difficoltà della logistica in Formula 1 amplificate dal nuovo calendario di 24 gare

Categorie Motorsport

È stato ufficializzato il calendario 2023 del mondiale di F1. In programma, infatti, sono previste 24 gare, un record di circuiti presenti senza precedenti. Con così tante gare cominciano le preoccupazioni già da ora per come organizzare il trasporto e la gestione della complessa logistica di questo sport che prevede dei veri e propri traslochi in giro per il mondo. Il tutto deve essere studiato minuziosamente: oltre alle auto, ai componenti, ai paddock e di tutto il materiale, ci sono anche i meccanici, piloti, fisioterapisti e tante altre persone (spesso mai viste né in TV, né altrove) che seguono le varie trasferte da marzo fino al mese di novembre/dicembre.

Per chi lavorava nel paddock, era il primo segnale di quanti fine settimana sarebbero stati trascorsi fuori casa l’anno prossimo. Molti hanno rabbrividito per l’abbondante quantità di tempo che sta per essere speso in trasferta per la prossima stagione. Nonostante il record di numero di gare non è la cosa sorprendente del calendario. Sapevamo già da un po’ di mesi che sarebbe stato così, visti i piani per aggiungere Qatar e Las Vegas, riportare indietro la Cina e mantenere sia Spa che Monaco. È il raggruppamento di gare che è stato fonte di frustrazione per chi lavora in Formula 1. Accoppiare Baku con Miami pur avendo Montreal un mese dopo, mettendo il Qatar lontano dalle altre gare mediorientali in calendario, avendo Austin solo un mese prima di Las Vegas, quest’ultima formando un back-to-back (gare a distanza di 7 giorni) con Abu Dhabi per chiudere la stagione è solo la punta dell’iceberg. A prima vista, alcune cose non hanno molto senso, in particolare dopo che la massima categoria automobilistica aveva dichiarato la sua intenzione di provare a riorganizzarsi geograficamente ove possibile.

E questo prima di considerare i triple header. Ricordi quando è successo per la prima volta nel 2018 e le squadre hanno detto che non avrebbero mai voluto farlo di nuovo? E che così tante gare ravvicinate nel 2020 è stato semplicemente per necessità a causa del Covid? Bene, torniamo ai tripli appuntamenti consecutivi il prossimo anno: Emilia Romagna/Monaco/Spagna e USA/Messico/Brasile. Cinque gare in sei settimane per completare la stagione possono essere eccitanti per i fan, ma stresseranno il paddock al suo limite. Il calendario 2023 non è stato semplice da mettere insieme per la F1. Parte della programmazione di inizio stagione dipendeva dal Sud Africa, che ora dovrà attendere al massimo fino al 2024 prima di ottenere una gara in calendario.

I meccanici RedBull - Crediti foto: Red Bull Content Pool
I meccanici RedBull – Crediti foto: Red Bull Content Pool

Le difficoltà riscontrate con il nuovo calendario di F1

Separare Bahrain e Arabia Saudita all’inizio dell’anno può sembrare strano data la loro vicinanza, ma c’è una logica dietro. Con i test che si svolgeranno in Bahrain una settimana prima dell’inizio della stagione, l’abbinamento delle prime due gare avrebbe creato, in effetti, un altro triplo appuntamento consecutivo. Il distacco temporale dà a squadre e personale la possibilità di tornare a casa dopo il weekend in Bahrain.

L’Australia come appuntamento autonomo è qualcosa che ha suscitato critiche quest’anno, ma potrebbe essere realisticamente accoppiata solo con la Cina o con il Qatar, con quest’ultima che è stata messa più avanti in calendario come parte dell’insieme delle gare asiatiche con Singapore e Giappone. Tuttavia, la prospettiva di 48 ore di viaggio nell’arco di una settimana per andare e tornare da Melbourne è ancora una grande richiesta per il paddock.

Ulteriori sfide nella programmazione sono arrivate con il ritorno di Spa. Non sarebbe mai tornato al suo posto tradizionale (di solito Spa è l’appuntamento che mette fine alla pausa estiva), poiché gli eventi di fine anno erano bloccati e ci sarebbe stato spazio solo per due eventi europei dopo la pausa estiva: Zandvoort e Monza. Il Gran Premio del Belgio è stato anticipato alla fine di luglio proprio prima della pausa estiva e ha costretto Imola a spostarsi di data, formando il Triple Header con Monaco e Spagna, che ha avuto anche un effetto a catena con la programmazione dell’appuntamento a Baku.

Che fine hanno fatto i piani per raggruppare le gare geograficamente? Questa è stata una delle più grandi critiche mosse alla F1 al momento della pubblicazione del calendario. Per una serie che mira a raggiungere le zero emissioni nette di carbonio entro il 2030, la quantità di viaggi aerei coinvolti – 133.570 km nella sola stagione 2022 senza visite a casa – sembra un enorme passo indietro.

Trasporto di una monoposto da Formula1 nel 2007 tramite aereo
Trasporto di una monoposto da Formula1 nel 2007 tramite aereo

A maggio, il CEO di F1 Stefano Domenicali ha detto ai capi del team che il piano era di raggruppare le gare per continente a partire dal 2023 come parte del suo impegno per la sostenibilità. Sebbene ci sia qualche raggruppamento che tiene fede alla promessa – Singapore/Giappone/Qatar, USA/Messico/Brasile/Las Vegas – non è per niente il tipo di pianificazione che molti avrebbero sperato su questo fronte.

Più gare significano più soldi, ma è la scelta giusta?

La F1 si è sforzata di provare a raggruppare meglio gli appuntamenti. Ma per molti eventi, con contratti già in essere e date fissate, cambiare le gare semplicemente non era fattibile. In alcuni casi, la spinta a cercare di ottenere un cambio di data è arrivata persino ai livelli più alti del governo, solo per essere respinta. I promotori devono tenere conto del periodo dell’anno, delle condizioni meteorologiche e di qualsiasi possibile impatto sull’esperienza dei fan, che in definitiva è il modo in cui portano le entrate per coprire la quota di hosting. Non è il lavoro di pochi minuti. Sono eventi talmente poco flessibili dal punto di vista dell’organizzazione che, per esempio, quando le condizioni meteo non consentono il regolare svolgimento della gara, non è assolutamente possibile posticipare la partenza del Gran Premio al giorno dopo a causa del susseguirsi di una serie di problemi organizzativi (tra cui il noleggio degli elicotteri per le riprese televisive dall’alto).

Passare a un calendario più raggruppato è un fattore su cui la F1 lavorerà per andare avanti, ma sarà complicato. Dovrà soppesare la sfida di spostare le date e accontentare i promotori del suo impegno per la sostenibilità. Il pedaggio del programma in continua espansione della Formula 1 su coloro che lavorano su e giù per il paddock è qualcosa di cui i team sono diventati sempre più consapevoli negli ultimi anni. La rotazione del personale è qualcosa che molti credono ora non solo sia desiderata, ma necessaria, al fine di mantenere il personale fresco ed evitare un eccessivo accumulo di stress. Il Team Principal della Mercedes Toto Wolff ha dichiarato ad Autosport l’anno scorso che pensava persino che dovesse essere scritto nei regolamenti per tenere conto delle pressioni del calendario, in particolare quando si tratta di prendersi cura della salute mentale degli addetti ai lavori.

Ma non è qualcosa che può essere concesso a tutti i membri del personale. In alcuni casi, il ruolo è così specialistico o così cruciale che solo una persona può ricoprirlo. Pensa agli ingegneri di gara: è raro sentire una voce diversa dall’altra parte della radio che parla ai piloti. Sebbene i team abbiano dei protocolli in atto per consentire ad altri membri del personale di intervenire se necessario, l’importanza della relazione per i piloti significa che la rotazione di alcune figure professionali potrebbe non essere praticabile. È una sfida con cui i team devono confrontarsi per assicurarsi che i migliori talenti rimangano in circolazione e possano godersi non solo una buona carriera in F1, ma anche una lunga carriera che non venga compromessa dall’eccesso di lavoro.

Gestione del paddock prima e dopo di un Gran Premio
Gestione del paddock prima e dopo di un Gran Premio

Un’altra paura per molti è che i prossimi calendari possano addirittura superare le 24 gare. Domenicali ha suggerito che l’anno scorso c’era richiesta per correre fino a 30 gare, ma la F1 ha chiarito che questo non era il piano. Il Patto della Concordia fissa il limite a 24, che deve essere rispettato. Questo non è solo per garantire che non ci sia una saturazione eccessiva di eventi che incidono su coloro che lavorano per far disputare le gare, ma anche per l’interesse dei fan che guardano da casa.

Per quanto allettante possa essere il reddito aggiuntivo di più gare per le squadre attraverso i loro premi in denaro e per la crescita della F1 nel suo insieme, il compromesso deve essere considerato poiché l’anno prossimo si è veramente in prossimità del limite.

Di seguito è riportato il calendario ufficiale per il 2023:

  • 5 Marzo – GP Bahrain, Sakhir;
  • 19 Marzo – GP Arabia Saudita, Jeddah;
  • 2 Aprile – GP Australia, Albert Park;
  • 16 Aprile – GP Cina, Shanghai;
  • 30 Aprile – GP Azerbaijan, Baku;
  • 7 Maggio – GP Miami, Miami;
  • 21 Maggio – GP Emilia Romagna, Imola;
  • 28 Maggio – GP Monaco, Monte Carlo;
  • 4 Giugno – GP Spagna, Barcelona;
  • 18 Giugno – GP Canada, Montreal;
  • 2 Luglio – GP Austria, Spielberg;
  • 9 Luglio – GP Gran Betagna, Silverstone;
  • 23 Luglio – GP Ungheria, Hungaroring;
  • 30 Luglio – GP Belgio, Spa-Francorchamps;
  • 27 Agosto – GP Olanda, Zandvoort;
  • 3 Settembre – GP Italia, Monza;
  • 17 Settembre – GP Singapore, Marina Bay;
  • 24 Settembre – GP Giappone, Suzuka;
  • 8 Ottobre – GP Qatar, Losail;
  • 22 Ottobre – GP Stati Uniti, Austin;
  • 29 Ottobre – GP Mexico City, Mexico City;
  • 5 Novembre – GP Sao Paulo, Interlagos;
  • 18 Novembre – GP Las Vegas, Las Vegas;
  • 26 Novembre – GPAbu Dhabi, Yas Marina.

Lascia un commento