Home » F1, GP Inghilterra: le caratteristiche del circuito di Silverstone

F1, GP Inghilterra: le caratteristiche del circuito di Silverstone

Il tracciato di Silverstone ha tra le velocità medie più elevate in calendario. Ecco le caratteristiche del circuito

Categorie Motorsport

La Formula 1 questo fine settimana tornerà a correre su un tracciato storico, uno dei più antichi insieme a Monza e Spa-Francorchamps. Parliamo di Silverstone che nel corso dei decenni ha subito svariate modifiche fino alla configurazione attuale. Per il GP dell’Inghilterra si prospetta ancora una volta una sfida tra Ferrari e RedBull con Mercedes costretta all’inseguimento. Ma al di là dei discorsi sportivi, perché è così speciale Silverstone? Quali sono le sue caratteristiche e qual è il miglior setup per le vetture?

GP Inghilterra, Silverstone: le criticità del tracciato

Con 5,891 km, il circuito di Silverstone è il quarto più lungo del calendario di Formula 1 e solo Spa-Francorchamps (7,004 km), Baku (6,003 km) e Jeddah (6,174 km) sono più lunghi del tracciato inglese. Il layout include delle sequenze di curve leggendarie e altrettanto dure per le sollecitazioni sugli pneumatici, in particolare l’anteriore sinistro che ha un carico enorme alle curve 1, 8, 9, 10, 11, 12 e 15. Suzuka, che tornerà in calendario più avanti quest’anno, all’inizio di ottobre, sono ancora più stressanti, ma distribuisce equamente i carichi su tutti e quattro gli pneumatici, poiché è l’unico tracciato del calendario a forma di otto.

Le pastiglie dei freni non sono sottoposte a grandi sollecitazioni nelle curve veloci e fluide di Silverstone, quindi ai team piace ridurre il raffreddamento dei freni, utile per l’aerodinamica della vettura. Tuttavia, può causare problemi sul giro di formazione e dietro la safety car quando si guida a basse velocità: in passato abbiamo visto i freni prendere fuoco su questo circuito.

Crediti foto: ufficio stampa Mercedes F1
Crediti foto: ufficio stampa Mercedes F1

Maggotts, Becketts, Chapel: Silverstone vanta alcuni dei nomi più iconici delle curve in tutto il motorsport, ed è uno dei soli tre circuiti di F1 in cui gli ingegneri danno nomi alle curve e non numeri, gli altri due sono Spa-Francorchamps e Monaco. Silverstone è un circuito ad alta velocità in cui i team mirano a ridurre il più possibile la resistenza all’avanzamento. Per questo motivo, vedremo impostazioni delle ali simili a quelle utilizzate a Baku e Montreal. Le auto di solito raggiungono le velocità medie in curva più alte dell’anno a Silverstone, ma questo può cambiare di anno in anno a seconda delle condizioni.

Le condizioni a Silverstone sono notoriamente ventose e i cambi di direzione del vento si verificano abbastanza frequentemente. Ciò può avere un forte impatto sull’equilibrio del veicolo e cambiare completamente il comportamento dell’auto, costringendo i piloti ad adeguare lo stile di guida di conseguenza in termini di punti di frenata, velocità all’avvicinarsi dell’apice delle curve e accelerazione in uscita.

Silverstone è l’unico tracciato del calendario in cui i piloti percorrono due curve prima di frenare per la prima volta alla Village (curva 3), quindi la distanza dalla pole position alla prima zona di frenata è di circa 644 metri. Con i serbatoi pieni all’inizio della gara, tuttavia, i piloti devono sollevare il piede dall’acceleratore dopo appena 225 metri, il che crea il famoso groviglio alla partenza in cui commettere un errore nelle retrovie è abbastanza facile. La bagarre di apertura a Silverstone continua spesso fino alla curva 6 e in alcuni casi anche oltre fino a Copse (curva 9).

Max Verstappen su Red Bull - Crediti foto: Red Bull Content Pool
Max Verstappen su Red Bull – Crediti foto: Red Bull Content Pool

Altri dettagli sul tracciato

I piloti completano quasi l’81% di un giro con l’acceleratore a tavoletta nel GP dell’Inghilterra, la terza percentuale più alta vista finora in questa stagione dopo Australia e Arabia Saudita. La famosa combinazione di curve composta da Maggotts, Becketts e Chapel è presa a tavoletta durante le qualifiche. Solo la curva 13 richiede una leggera frenata, per spostare il carico sull’asse anteriore e aiutare a sterzare in curva. Ciò si traduce in un’enorme quantità di forze g applicate sia ai piloti che alle auto su questo tratto di pista. In primo luogo, c’è una curva a sinistra di 2 g seguita da una curva a destra di 5 g, una svolta a sinistra di 5 g e una svolta a destra di 4 g e, infine, una curva a sinistra di 3 g.

Pierre Gasly su Alphatauri - Crediti foto: ufficio stampa Red Bull Content Pool
Pierre Gasly su Alphatauri – Crediti foto: ufficio stampa Red Bull Content Pool

I piloti sperimentano alcune delle più alte forze g laterali della stagione a Silverstone con un massimo di 5,2 g a Stowe (curva 15). Per darti un’idea di cosa significhi, il peso medio di una testa umana con un casco è di 7 kg, quindi il collo del pilota viene tirato da un lato all’altro con una forza di 35 kg.
Sebbene l’Inghilterra abbia un clima generalmente temperato, il fine settimana di Silverstone è spesso in controtendenza e regolarmente figura tra le prime tre o quattro gare più calde dell’anno in termini di temperatura dell’aria. Ti ho incuriosito a guardare il GP d’Inghilterra di domenica?

Lascia un commento