SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Ferrari SF90 Spider: la ibrida decappottabile da 1000 cv

Ferrari ha presentato online la SF90 Spider, la versione decappottabile della SF90 Stradale. Rappresenta di fatto la prima spider ibrida plug-in della Casa di Maranello e fissa nuovi punti di riferimento in termini di prestazione ed innovazione. La versione spider ha le stesse prestazioni della versione che già conosciamo, tuttavia offre l’ulteriore piacere di guida senza il tettuccio.

L’hard top retrattile (RHT) è stato nuovamente adottato perché garantisce un isolamento acustico e una protezione dalle intemperie ottimali quando sollevato. Inoltre non si deforma alle alte velocità e fornisce spazio e comfort ottimali agli occupanti. L’RHT è così compatto, semplice e leggero che può essere azionato in soli 14 secondi e può essere posizionato quando l’auto è in movimento. La chiave del successo dell’RHT Ferrari portato per la prima volta sulla 458 Spider nel 2011 e che è stata costantemente evoluta negli anni successivi, è che occupa solo 100 litri di spazio invece dei 150-200 litri richiesti da un sistema tradizionale. L’uso dell’alluminio nella sua costruzione significa anche che è circa 40 kg più leggero di un tradizionale hard top retrattile. Un finestrino posteriore elettrico regolabile garantisce un comfort eccellente per gli occupanti anche a velocità elevate quando la RHT è abbassato.

Come optional i clienti possono richiedere il pacchetto Assetto Fiorano. Include vari aggiornamenti esclusivi che la distinguono dalla vettura standard, come gli ammortizzatori Multimatic derivati dall’esperienza GT della Ferrari e ottimizzati per l’uso in pista. Il pacchetto include l’adozione di materiali ad alte prestazioni (come fibra di carbonio e titanio) che hanno ridotto di 21 kg il peso della vettura, uno spoiler posteriore in fibra di carbonio e pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2 omologati per la strada progettati. Presentano una mescola più morbida e con meno solchi. Infine, l’Assetto Fiorano propone una livrea bicolore che sottolinea la vocazione racing della vettura.

Ferrari SF90 Spider: il motore

Come già anticipato, la SF90 Spider è la prima cabrio ibrida plug-in della Ferrari. Il motore a combustione interna è abbinato a due motori elettrici. Questi ultimi sono montati all’anteriore. L’architettura ibrida comprende anche il sistema RAC-e (Cornering Angle Regulator, Electric), e l’MGU-K (Motor Generator Unit, Kinetic), una soluzione derivante dal mondo della Formula 1. La sinergia tra il motore endotermico e quelli elettrici permette alla vettura di sprigionare un massimo di 1.000 cv e colloca la SF90 Spider non solo ai vertici della gamma Ferrari da strada, ma anche della sua categoria.

SF90 Spider
SF90 Spider

L’architettura del propulsore della Ferrari SF90 Spider presenta il V8 turbo ICE, un DCT a 8 velocità con E-diff, l’assale anteriore elettrico RAC-e con due motori elettrici indipendenti che forniscono anche propulsione completamente elettrica, l’MGU-K situato nella parte posteriore tra il motore e il cambio, la batteria ad alto voltaggio e il sistema di controllo del motore elettrico (inverter).

Preso singolarmente, il motore termico, V8, eroga 780 cv, 60 cv in più rispetto a qualsiasi altro V8 turbo realizzato dalla Ferrari. Questo risultato è stato ottenuto ridisegnando completamente i sistemi di aspirazione e scarico. Per migliorare la fluidodinamica interna, i condotti sono ora tutti allineati orizzontalmente all’altezza della testata del motore, il gruppo turbocompressore è stato abbassato e la linea di scarico è più alta. Questa razionalizzazione ha prodotto anche un baricentro più basso e una riduzione del peso complessivo grazie all’utilizzo di Inconel (una superlega) al posto dell’acciaio per il collettore di scarico.

La trasmissione e il sound

La Ferrari SF90 Spider sfoggia il cambio a doppia frizione a 8 velocità. Troviamo un layout ottimizzato, ottenuto grazie all’adozione di una coppa a secco e di un gruppo frizione notevolmente più compatto con un diametro esterno del 20% inferiore rispetto a quello del cambio a 7 marce. Nonostante l’aggiunta di un’ottava marcia e la necessità di trasmettere una coppia massima di 900 Nm (un aumento di oltre il 20% sull’attuale 7 marce), il peso complessivo del cambio è in realtà inferiore di 10 kg rispetto al suo predecessore. Le prestazioni della frizione sono superiori del 35% rispetto alla 7 velocità, trasmettendo fino a 1.200 Nm di coppia dinamica durante i cambi di marcia. Questi dati sono stati forniti direttamente dall’ufficio stampa della Ferrari.

SF90 Spider
SF90 Spider

Grazie all’idraulica di azionamento di nuova generazione, i tempi di riempimento della frizione sono ora più rapidi del 30% e i tempi di cambio marcia totali sono stati ridotti a 200 ms. Parliamo di un miglioramento del 30% rispetto al precedente DTC a 7 velocità. Una meticolosa attenzione è stata dedicata alla qualità del suono durante la riprogettazione del sistema di scarico poiché la colonna sonora è uno dei fattori cardine del piacere esaltante di guidare una Ferrari. L’introduzione di un “sistema a tubi caldi”, che trasferisce il suono più proiettato verso l’abitacolo, ha prodotto armoniche più piene e ricche su tutta la gamma di frequenze, migliorando sia la qualità del suono in auto che l’intensità all’aumentare dei giri rispetto ai precedenti V8 Ferrari.

Ferrari SF90 Spider: alcuni dati tecnici

Il flusso di potenza del sistema ibrido della SF90 Spider può essere suddiviso in due aree principali:

  • Erogazione della potenza, basata sull’input del guidatore tramite il pedale dell’acceleratore, elaborata dal sistema di controllo del motore e dal sistema di controllo ibrido, e costantemente monitorata dai sistemi di controllo elettronico. Le modalità di erogazione della potenza possono essere suddivise come segue:

Modalità elettrica, affidata all’assale anteriore (modalità FWD);
Modalità ibrida, affidata all’ICE e all’MGUK (configurazione RWD);
Modalità ibrida 4WD, con assale anteriore elettrico disponibile su richiesta per requisiti di trazione in uscita di curva e recupero di energia in fase di decelerazione/frenata;

  • Recupero energetico (carica batterie), gestito interamente dalla logica di controllo del sistema ibrido attraverso tre strategie:

Frenata rigenerativa, disponibile su entrambi gli assi sia in frenata standard che con ABS attivo;
Overbraking, attivo su entrambi gli assi quando il pedale dell’acceleratore è sollevato, gestito indipendentemente sulle ruote anteriori destra e sinistra;
Ricarica ICE: funzione di ricarica della batteria ottenuta spostando il punto di carico tra l’ICE e il motore elettrico MGU-K posteriore.

SF90 Spider
SF90 Spider

In condizioni di frenata normale, il recupero di energia tramite i motori elettrici è la priorità. Il sistema frenante idraulico interviene a supporto di quello elettrico in tutte le condizioni di brusca decelerazione. Ad alte velocità e con marce elevate, il contributo combinato dei motori elettrici in condizioni di elevata aderenza aiuta ad abbassare i tempi di risposta dell’ICE, migliorando così notevolmente l’accelerazione longitudinale e quindi le prestazioni.

A causa del ruolo fondamentale che la gestione della potenza del sistema ibrido gioca nell’esperienza di guida della SF90 Spider, il tradizionale Manettino è ora affiancato da un selettore aggiuntivo montato sul volante, denominato eManettino, che gestisce i flussi di potenza da e verso la batteria ad alta tensione e il ruote (trazione). L’automobilista può scegliere tra quattro modalità:

  • eDrive: il motore endotermico rimane spento e la trazione è affidata interamente all’assale anteriore elettrico. Partendo da una batteria completamente carica (con una capacità di 7,9 kWh), l’auto può percorrere fino a 25 km in questa modalità che è l’ideale per la guida in centro città o qualsiasi altra situazione in cui il guidatore desidera eliminare il rumore della Ferrari V8. Il limite di velocità di 135 km / h consente la circolazione dell’auto anche su strade extraurbane;
  • Ibrido: questa impostazione ottimizza l’efficienza complessiva del sistema. La logica di controllo decide autonomamente se mantenere acceso il motore endotermico oppure spegnerlo. Il flusso di potenza dai motori elettrici è limitato per conservare la carica della batteria;
  • Prestazioni: questa modalità mantiene in funzione l’ICE perché la priorità è più sulla ricarica della batteria che sull’efficienza. Ciò garantisce che l’alimentazione sia immediatamente e completamente disponibile quando richiesto. Questa modalità è più adatta alle situazioni in cui il piacere di guida e il divertimento al volante sono l’obiettivo principale;
  • Qualifica: questa modalità permette al sistema di raggiungere la massima potenza erogata facendo funzionare i motori elettrici al loro massimo potenziale (162kW). La logica di controllo dà la priorità alle massime prestazioni rispetto alla ricarica della batteria.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su vehiclecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Ufficio Stampa Ferrari

Francesco Mennahttps://vehiclecue.it
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com