Home » Lotus Eletre: il primo Hyper-SUV elettrico al mondo

Lotus Eletre: il primo Hyper-SUV elettrico al mondo

La Lotus Eletre è stata svelata: ecco tutti i segreti del primo SUV del marchio inglese

Categorie Automotive

Hyper-SUV: è questa la categoria della Lotus Eletre. Si tratta del primo hyper-SUV elettrico al mondo ed è il primo di una nuova generazione di SUV completamente elettrici che arriverà prossimamente. L’Eletre prende il cuore e l’anima dell’ultima vettura sportiva Lotus, l’Emira, e le rivoluzionarie prestazioni aerodinamiche dell’hypercar Evija completamente elettrica, e le reinterpreta come un Hyper-SUV.

Fino a due giorni fa quest’auto era conosciuta con il nome Type 132. La Lotus Eletre è 4WD, ha una capacità della batteria che supera i 100kWh e una potenza massima di 600 CV. Un caricabatterie da 350 kW fornirà un’autonomia di 400 km in 20 minuti. L’autonomia massima secondo il ciclo WLTP è di circa 600 km. In termini di tecnologia troviamo il più avanzato sistema di aerodinamica attiva e tecnologie di guida intelligente come il primo sistema LIDAR dispiegabile in un’auto di serie. I proprietari, poi, possono godere di una sequenza dinamica di walk-up che dà il benvenuto quando ci si avvicina all’auto.

Lotus Eletre: l'anteriore - Crediti foto: ufficio stampa Lotus
Lotus Eletre: l’anteriore – Crediti foto: ufficio stampa Lotus

La Lotus Eletre nei dettagli: l’estetica

L’Eletre è una nuova icona di Lotus. È l’ultima di una lunga serie di auto stradali Lotus il cui nome inizia con la lettera E e significa “prendere vita” in alcune lingue dell’Europa orientale. È un collegamento appropriato poiché Eletre segna l’inizio di un nuovo capitolo nella storia di Lotus: il primo veicolo elettrico accessibile e il primo SUV.

L’esperienza immersiva con la Lotus Eletre inizia prima che il pilota abbia raggiunto l’auto. Premendo il pulsante sulla chiave o sull’app per smartphone si attiva un momento di teatro unico nel mondo dell’auto. Le luci esterne dell’auto attraversano una breve sequenza, la griglia anteriore attiva “respira” e le maniglie delle porte a filo illuminate si aprono. L’esperienza si ripete all’interno dell’auto mentre la portiera si chiude dietro l’occupante.

Crediti foto: Ufficio stampa Lotus
Crediti foto: Ufficio stampa Lotus

Il design della Lotus Eletre è stato guidato da Ben Payne. Il suo team ha creato un nuovo modello con passo lungo e sbalzi molto corti davanti e dietro. La libertà creativa deriva dall’assenza di un motore a combustione interna sotto il cofano. Il cofano corto riprende gli spunti stilistici dell’iconico layout a motore centrale di Lotus. L’etica del design scolpito dal vento che ha ispirato l’Evija e l’Emira è immediatamente evidente.

Un elemento distintivo del design è la sua “porosità”, il principio aerodinamico dell’aria che fluisce attraverso l’auto, sotto, sopra e intorno ad essa. La porosità era al centro del design dell’Evija, è parte integrante dell’Emira e ha fornito una chiara ispirazione per l’Eletre. È più ovvio dove l’aria viene convogliata sotto il bordo d’attacco dell’auto, emergendo attraverso due prese d’aria superiori poste sul cofano. Ci sono altri esempi di porosità davanti e dietro i passaruota anteriori, dietro le ruote posteriori e persino nella parte superiore del montante D. Per il conducente ci sono evidenti vantaggi: minore resistenza all’avanzamento, con un’auto più efficiente in termini di autonomia, velocità e prestazioni del veicolo.

La griglia anteriore - Crediti foto: Ufficio stampa Lotus
La griglia anteriore – Crediti foto: Ufficio stampa Lotus

Nella parte anteriore dell’Eletre, il bordo d’attacco molto nitido rivela una chiara discendenza dall’Emira e l’Evija. Appena sopra il bordo d’attacco si trovano dei gruppi ottici molto sottili che ospitano le luci di marcia diurna e gli indicatori di direzione a scorrimento. I fari principali, disponibili con tecnologia Matrix per consentire un uso costante degli abbaglianti senza influire sul traffico in arrivo, sono alloggiate sotto, incassate e parzialmente nascoste.

Più in basso si trova la griglia anteriore attiva di Eletre, una rete di petali triangolari interconnessi che dominano la sezione centrale. Dal design complesso, rimangono chiusi quando l’auto è ferma o quando è necessario ridurre la resistenza durante la guida. Si aprono secondo uno schema distintivo per immettere aria nel radiatore, consentendo all’Eletre di incamerare aria necessaria per il raffreddamento dei motori elettrici, della batteria e dei freni anteriori. È un ulteriore esempio della porosità della vettura e offre anche vantaggi aerodinamici.

Vista laterale -  Crediti foto: Ufficio stampa Lotus
Vista laterale – Crediti foto: Ufficio stampa Lotus

Muovendosi intorno all’auto, i passaruota muscolosi dominano la vista di profilo. La presa d’aria immediatamente dietro le ruote anteriori definisce la forma scolpita delle porte, ognuna delle quali è dotata di maniglia a filo. Il coperchio ad apertura elettrica per la porta di ricarica è montato nell’ala anteriore, così come i sensori LIDAR dispiegabili, uno su ciascun lato. Il profilo aggressivo del parabrezza è chiaramente visibile di profilo, con un’area di vetro relativamente stretta che si assottiglia notevolmente nella parte posteriore. Ciò conduce a un unico montante D, inciso con il marchio Eletre e dotato di un’innovativa “air blade” che aiuta a ridurre la resistenza.

Le telecamere al posto degli specchietti retrovisori - Crediti foto: ufficio stampa Lotus
Le telecamere al posto degli specchietti retrovisori – Crediti foto: ufficio stampa Lotus

Ogni specchietto retrovisore esterno è sostituito da un display ERMD (Electric Reverse Mirror Display), che ospita tre diverse telecamere: una per lo specchietto retrovisore, una seconda per aiutare a creare una vista a 360 gradi dell’auto dall’alto per facilitare il parcheggio e una terza che fa parte delle tecnologie di guida intelligente. Funziona in “collaborazione” con il sistema LIDAR di Eletre per offrire capacità di guida autonoma. L’auto viaggia su cerchi in lega a cinque razze da 23 pollici con inserti in fibra di carbonio per favorire il flusso d’aria.

Spostandosi sul retro, la striscia luminosa a nastro a tutta larghezza raccoglie la linea caratteristica dal profilo. Situato appena sopra il marchio Lotus, è rosso quando l’auto è in movimento e include un indicatore direzionale a scorrimento a ciascuna estremità, dove si curva dolcemente nelle prese d’aria dai passaruota, un altro spunto di design che fa eco sia all’Emira che all’Evija. La luce può apparire in quattro colori, giocando un ruolo nella sequenza di sblocco dell’auto e indicando lo stato di carica della batteria.

Visuale posteriore - Crediti foto
Visuale posteriore – Crediti foto

La parte posteriore è dominata dall’esclusivo spoiler del tetto diviso “fluttuante” in fibra di carbonio. Con la sezione centrale rimossa il peso viene risparmiato e consente di integrare il sensore LIDAR nella parte superiore del lunotto.

Gli interni

La Lotus Eletre porta gli interni di Lotus a un nuovo livello senza precedenti. Il design tecnico e orientato alle prestazioni è visivamente leggero e utilizza materiali di altissima qualità per offrire un’esperienza sublime. Il layout è disponibile sia a 5 posti che con 4 posti. In alto, un tettuccio panoramico in vetro fisso aggiunge alla sensazione di luminosità e spazio all’interno.

La sostenibilità è stata un obiettivo centrale del team di progettazione, che ha lavorato con il fornitore leader Kvadrat sulla scelta dei materiali. L’interno utilizza una sensazione di alta qualità e microfibre artificiali altamente resistenti sui punti di contatto principali e un tessuto avanzato in misto lana sui sedili. È un materiale più leggero del 50% rispetto alla pelle tradizionale, consentendo un ulteriore risparmio di peso. I materiali duri sono la fibra di carbonio, anche se invece di utilizzare la tradizionale “trama” più spesso associata al design automobilistico, Lotus ha riciclato le fibre tagliate dal bordo della trama. Questi sono stati ricostruiti in una nuova stuoia, quindi compressi in una resina per creare la finitura premium simile al marmo.

La filosofia Lotus di alleggerire, quindi rimuovere materiale se non è necessario, è chiaramente illustrata nel quadro strumenti. La sezione centrale dell’ala è stata eliminata, riprendendo il design dello spoiler posteriore. L’abitacolo della Eletre è ricco di pratici vani portaoggetti. La consolle centrale include un vano portaoggetti con ricarica wireless per telefoni cellulari, oltre a due portabicchieri di diverse dimensioni che restano a filo della superficie fino a quando non sono necessari. Il design della porta include uno spazio di archiviazione sufficiente per una bottiglia da 1 litro.

La presa di ricarica - Crediti foto: ufficio stampa Lotus
La presa di ricarica – Crediti foto: ufficio stampa Lotus

Il sistema audio standard dell’auto è fornito dal famoso marchio britannico KEF. Chiamato KEF Premium, è una configurazione da 1.380 watt con 15 altoparlanti con tecnologia Uni-QTM e audio surround. Uni-Q rinuncia a tweeter e altoparlanti di gamma media separati, combinandoli invece in un’unica unità acusticamente idealizzata. Copre l’intero spettro sonoro delle frequenze medie e alte da un unico punto nello spazio, offrendo un’esperienza sonora più coerente e iperrealistica. I clienti possono richiedere l’aggiornamento a KEF Reference, un sistema a 23 altoparlanti da 2.160 watt con tecnologia audio surround Uni-Q e 3D.

Qualche dettaglio tecnico

La Lotus Eletre è costruita su una nuovissima architettura di veicoli elettrici dedicati da 800 V con sistema di distribuzione dell’energia integrato ad alta tensione. Questa architettura utilizza alluminio e acciaio ad alta resistenza per una rigidità strutturale ottimale. Il pacco batteria piatto “stile skateboard” e i motori elettrici sono vicini al suolo per realizzare un baricentro basso e garantire prestazioni dinamiche eccezionali. L’elevata densità di energia del pacco batteria offre il miglior equilibrio possibile tra prestazioni e autonomia. Ci sono due motori elettrici, uno che aziona le ruote anteriori e un altro che aziona le ruote posteriori. Un sistema di azionamento elettrico 3-in-1 integra ogni motore con un controller e un riduttore, un design efficiente che rende l’unità più piccola e leggera.

Passando alla dinamica del veicolo, l’auto ha sospensioni posteriori a cinque bracci per ottimizzare la guida e la maneggevolezza, mentre l’equipaggiamento standard include sospensioni pneumatiche e controllo continuo dello smorzamento (CDC). Sono disponibili altezza di marcia attiva, sterzo attivo dell’asse posteriore, barra antirollio attiva e torque vectoring tramite frenata.

L’auto è dotata di quattro modalità di guida, che regolano lo sterzo, le impostazioni degli ammortizzatori, il gruppo propulsore e la risposta del pedale dell’acceleratore. Le modalità sono Range, Tour, Sport, Off-Road e Individual, e sono standard su tutte le versioni della vettura. La velocità massima dichiarata è di 260 km/h, mentre lo scatto 0-100 km/h viene coperto in meno di 3 secondi.

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa Lotus: LOTUS ELETRE: THE WORLD’S FIRST ELECTRIC HYPER-SUV

Lascia un commento