Home » Motore V8 a idrogeno: Yamaha e Toyota fanno sul serio

Motore V8 a idrogeno: Yamaha e Toyota fanno sul serio

Toyota e Yamaha insieme per dar vita ad un motore a idrogeno V8 ad alte prestazioni. Che sia la strada giusta?

Categorie Automotive · Eco Mobility e Self Driving

Pare che un nuovo motore V8 a idrogeno sia pronto per il mercato. Tutto questo grazie all’aiuto congiunto di Yamaha e Toyota. “Il nostro obiettivo è raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. Considereremo l’importanza e il potenziale futuro del motore V8 a idrogeno”. Ha dichiarato Yoshihiro Hidaka, Presidente di Yamaha Motors. “Non combatterò solo per la Toyota, ma anche per l’intera industria automobilistica”. Dichiara invece Akio Toyoda, riferendosi a tutti gli aspetti legati ad un mondo a emissioni zero.

Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota
Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota

Qualcosa sta cambiando…

Da anni ormai le aziende promettono di fornire motori a idrogeno, sostenendo che l’idrogeno è il carburante pulito del futuro . Tuttavia, si è visto poco in termini di sviluppo. Tutto questo potrebbe presto cambiare.

Yamaha ha iniziato a sviluppare un motore a idrogeno per automobili circa cinque anni fa. 

“I motori a idrogeno hanno il potenziale per essere a zero emissioni di carbonio mantenendo viva allo stesso tempo la nostra passione per i motori a combustione interna”.

Yoshihiro Hidaka

 “Collaborare con aziende con diverse culture aziendali e aree di competenza, nonché aumentare il numero di partner che abbiamo è il modo in cui vogliamo aprire la strada verso il futuro”. Ha dichiarato Yoshihiro Hidaka, presidente di Yamaha Motor.

D’altro canto anche Toyota non è rimasta a guardare. Ad ottobre, la Mirai ha percorso 1360 km con un serbatoio di H2 guidando molto lentamente. L’EPA lo valuta a 650 km per serbatoio, che è migliore di qualsiasi BEV sul mercato.  Nel novembre 2021, alla “Super Endurance Series” di Suzuka in Giappone, la Toyota ha lanciato un’auto con motore a idrogeno modificata sulla base della Corolla. Tuttavia, i risultati non sono stati ideali. A causa dei frequenti rifornimenti di idrogeno, il risultato finale è stato solo circa la metà dell’auto vincitrice. Naturalmente, l’obiettivo della Toyota era determinare il potenziale. 

Toyota Corolla a idrogeno
Toyota Corolla a idrogeno

Il focus del motore V8 a idrogeno rilasciato questa volta, serve per trasmettere una voce al mondo che il Giappone non ha rinunciato alla ricerca in quest’ambito. Inoltre, Toyota ha annunciato che entro il 2030, lancerà 30 veicoli elettrici puri in tutto il mondo.

Da queste azioni, è ovvio che Toyota si sta preparando a raggiungere la neutralità del carbonio in tutte le direzioni. Ciò comprende i veicoli elettrici puri, a celle a combustibile, con motore a idrogeno e persino i veicoli a biocarburante. 

Caratteristiche del motore V8 a idrogeno

Le case automobilistiche Toyota e Yamaha hanno unito le forze per sviluppare un motore V8 a idrogeno da 5,0 litri. Questo progetto si integra con un annuncio congiunto fatto da Toyota, Yamaha, Kawasaki, Subaru e Mazda. Infatti i colossi giapponesi avrebbero “iniziato discussioni per condurre ricerche collaborative su possibili strade per espandere la gamma di opzioni di carburante per motori a combustione interna nella ricerca della neutralità del carbonio”.

Il motore V8 a idrogeno di Yamaha si basa su un modello attualmente utilizzato dalla coupé sportiva di lusso, Lexus RC F. Ovviamente Yamaha ha apportato modifiche agli iniettori, alle testate, al collettore di aspirazione e ad altre parti. 

Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota
Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota www.autoevolution.com

Man mano che il progetto andava avanti, anche Takeshi Yamada della sezione di sviluppo automobilistico del Technical Research & Development Center ha iniziato a percepire la profondità del potenziale di questo propulsore.

“Ho iniziato a vedere che i motori che utilizzano solo idrogeno come carburante in realtà avevano caratteristiche prestazionali molto divertenti e facili da usare”.  

Takeshi Yamada

Da un punto di vista delle prestazioni, il nuovo motore V8 a idrogeno la dice lunga. Infatti eroga fino a 450 CV a 6.800 giri/min e un massimo di 540 Nm di coppia di 3.600 giri/min. Le cifre sono un po’ più piccole di quelle del V8 originale su cui si basa, ma per un motore sperimentale di nuova concezione, sono più che sufficienti. Pertanto, l’unico aspetto negativo di questo è spiegare la scia d’acqua proveniente dallo scarico.  

Curve di coppia e potenza
Curve di coppia e potenza

“I motori a idrogeno hanno una sensazione intrinsecamente amichevole che li rende facili da usare anche senza ricorrere ad ausili elettronici alla guida. Tutti coloro che sono venuti a provare l’auto prototipo sono partiti un po’ scettici, ma alla fine sono emersi dall’auto con un grande sorriso stampato in faccia. Mentre lo guardavo, ho iniziato a credere che ci sia effettivamente un enorme potenziale nelle caratteristiche uniche dei motori a idrogeno invece di trattarli semplicemente come un sostituto della benzina”. Dichiara Takeshi Yamada.

Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota
Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota

Un’altra cosa che Yamada e il team apprezzano nel processo di sviluppo è Kanno Seino, che significa performance sensuale o esilarante. Un esempio è la nota di scarico armonica ad alta frequenza prodotta dal collettore di scarico 8 in 1 del motore. Ovvero, utilizzando 8 guide di scarico della stessa lunghezza. Al momento, la Yamaha non sembra intenzionata a svelare tutti i suoi segreti, ma almeno sappiamo che sta succedendo. Leggi anche: Il nuovo motore a idrogeno Toyota, tecnica e futuro della combustione H.

Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota
Motore V8 a idrogeno Yamaha e Toyota

Conclusioni

Coloro che dubitano della capacità delle aziende di fornire il nuovo motore dovrebbero notare che le due società hanno avuto collaborazioni fruttuose in precedenza. Hanno unito le forze sul V10 da 4,8 litri da 552 CV dell’hypercar Lexus LFA, un’impresa che si è rivelata di grande successo. Toyota è arrivata al punto di costruire un nuovo motore da 1,6 litri che funziona con H2, eliminando la necessità di una cella a combustibile. Ora, le case automobilistiche si stanno concentrando su alternative più ecologiche.

Potrebbe essere questa la svolta dell’idrogeno che tutti stavamo aspettando?.

Lascia un commento