Home » Nuova Audi e-tron GT quattro: ecco la super berlina elettrica dei Quattro Anelli

Nuova Audi e-tron GT quattro: ecco la super berlina elettrica dei Quattro Anelli

Categorie Automotive · Autoveicoli

Si allarga la gamma elettrica di Audi e-tron: è stata infatti svelata la versione definitiva della nuova Audi e-tron GT, super berlina costruita a partire dalla base utilizzata già per la cugina Porsche Taycan e con la quale quindi condivide tanto, soprattutto a livello di meccanica ed elettronica. Ciò che distingue la e-tron GT dalle già conosciute sport utility e-tron ed e-tron Sportback è il fatto che, a differenza di queste due, è stata concepita a partire da una piattaforma pensata appositamente per automobili a batteria, oltre al fatto che si tratta della prima Granturismo elettrica di Audi. La e-tron GT, che è l’auto dei Quattro Anelli più potente di sempre, è stata sviluppata dalla divisione Sport e sarà prodotta nello stabilimento carbon neutral Audi Böllinger Höfe, dove nasce anche la supercar Audi R8.

Risultato immagini per audi bollinger hofe

Stile futuristico e aerodinamica curatissima

La nuova Audi e-tron GT quattro ha delle dimensioni importanti, sovrapponibili a quelle della cugina Porsche Taycan. Lunga 4,99 m, larga 1,96 m, alta 1,41 m e con un passo di 2,90 m, presenta tutti i tratti caratteristici di un’Audi. A partire dalla celebre calandra Single Frame, che in questo modello è chiusa. A richiesta la calandra può avere lo stesso colore della carrozzeria, come l’esemplare in foto. La cornice poi, e si tratta di un ulteriore elemento inedito, ha una finitura nero lucido che dà più carattere. I gruppi ottici sono di serie a matrice di led con firma luminosa dinamica, ma a richiesta si possono avere anche con tecnologia laser.

Nuova Audi e-tron GT

Dalla vista laterale possiamo apprezzare il lungo cofano, e il parabrezza fortemente inclinato, con la linea del tetto che poi scende decisa verso la coda, che presenta un terzo volume appena accennato. Risaltano i passaruota muscolosi, che ospitano ruote di grandi dimensioni da 19 pollici (ma che possono essere a richiesta anche da 20 o addirittura 21 pollici).

Nuova Audi e-tron GT

La parte posteriore è decisamente accattivante, con tutti gli elementi che messi assieme danno l’idea di una vettura ben piantata a terra. A partire dai muscolosi passaruota, sormontati da una nervatura che si protrae fino ai fanali. Questi ultimi beneficiano della tecnologia full led e sono uniti da una fascia orizzontale che percorre così tutta la carrozzeria. Sono presenti poi un diffusore e uno spoiler a scomparsa, che serve a incrementare la stabilità alle alte velocità.

Nuova Audi e-tron GT

Nuova Audi e-tron GT quattro: gli interni

La e-tron GT all’interno è tipicamente Audi, con l’impostazione tipica delle auto della casa. Le linee della plancia sono pulite, e spiccano il display da 12 pollici che funge da strumentazione (l’arcinoto Virtual Cockpit, qui in versione Pro) e il display centrale da 10 pollici tramite il quale si gestiscono l’infotainment oltre che a vari parametri della vettura. Sorprende la scelta di ricorrere a una plancetta del clima con tasti fisici su una vettura così high tech, dato che su altri modelli più tradizionali abbiamo visto comandi a sfioramento con feedback aptico. L’ambiente è infine impreziosito da una finitura in legno che avvolge tutta la plancia estendendosi anche ai pannelli porta.

Nuova Audi e-tron GT interni

Nuova Audi e-tron GT quattro: la tecnica

Doppio motore elettrico e trazione Quattro elettrica

La nuova Audi e-tron GT vanta la presenza della trazione integrale quattro elettrica, che regola permanentemente e in modo completamente variabile la distribuzione della spinta fra gli assali. Questo schema di trazione integrale, che abbiamo visto anche su altri veicoli elettrici, si avvale di due motori elettrici sincroni a magneti permanenti, uno anteriore e uno posteriore. il motore elettrico anteriore eroga una potenza massima di 238 CV, il posteriore di 435 CV. La potenza combinata risultante è di 476 CV che, in modalità Boost e per 2.5 secondi, sale a 530 CV a fronte di una coppia di ben 640 Nm.

Una scelta inconsueta è quella relativa alla trasmissione, in quanto Audi ha optato per un cambio a due velocità. La prima marcia, corta, favorisce l’accelerazione quando si ricorre al launch control con il Boost associato. Diversamente, se il conducente rinuncia a questa modalità, l’auto parte in seconda marcia. Quest’ultima risulta essere più lunga a vantaggio dell’efficienza e della progressività d’erogazione. 

Il doppio motore elettrico deve spingere un’automobile il cui peso a vuoto è di 2276 kg (un peso che ci può stare, considerate le dimensioni e il fatto che la vettura è elettrica). E le prestazioni si può dire che sulla carta sono brillanti, visto che si parla di uno scatto 0-100 km/h in 4,1 secondi e di una velocità massima di 245 km/h.

Batteria e autonomia

La batteria agli ioni di litio dell’Audi e-tron GT quattro è collocata tra gli assali, in posizione fortemente ribassata. Una caratteristica che consente, stando a quanto riporta Audi, di contare su di un baricentro inferiore persino alla supercar R8 e su di una ripartizione dei pesi perfetta 50:50 tra avantreno e retrotreno.

La quantità di energia accumulabile dalla batteria ammonta a 93 kWh, dei quali 85 kWh sono effettivamente fruibili, e garantiscono un’autonomia di 487 km (ciclo WLTP). L’accumulatore è costituito da 33 moduli di celle. E ogni modulo contiene 12 celle a sacchetto, dotate di un rivestimento esterno flessibile in materiale plastico rivestito in alluminio. I moduli sono ripartiti su due livelli: 30 moduli formano il livello inferiore che, nella sezione posteriore, presenta due ampie svasature in corrispondenza del vano piedi dei passeggeri posteriori. Gli altri 3 moduli formano il piano superiore, collocato sotto le sedute del divanetto.

L’intelaiatura che ospita i moduli dell’accumulatore, l’esterno del case e le piastre di protezione sono realizzati in alluminio. Collocata sotto la cellula abitacolo, la scatola batteria viene fissata alla carrozzeria con 28 viti. Il risultato è un netto incremento della rigidità torsionale della scocca. Sotto lo spazio dedicato alle celle è presente una struttura composita in profilati estrusi attraversata dal liquido di raffreddamento che circola all’interno di un circuito dedicato. Il campo di temperatura ottimale della batteria è compreso tra 30 e 35°C.

Integration of the Hochvolt-battery in the body structure

Sospensioni e freni

Sulla Audi e-tron GT sono presenti di serie sospensioni pneumatiche adattive a tripla camera, con schema a doppi bracci trasversali sovrapposti all’avantreno e multilink al retrotreno. Come si può vedere dall’immagine sottostante, all’interno delle molle ciascuna camera può essere attivata singolarmente, così da regolare il livello dello smorzamento in funzione delle condizioni stradali e dello stile di guida. Questo sistema consente di regolare l’altezza della vettura da terra sino a -22 e +20 millimetri rispetto allo standard. Anche gli ammortizzatori sono regolabili. E tutte le possibili regolazioni sono gestite tramite una piattaforma elettronica dedicata.

Three-chamber air suspension

Tutte le varie regolazioni sono gestite da una piattaforma elettronica dedicata connessa all’Audi drive select. Attraverso di esso si possono regolare l’erogazione del powertrain, la trasmissione a due velocità, il bloccaggio elettronico del differenziale posteriore e la taratura dello sterzo. L’Audi Drive Select prevede quattro modalità di guida: Comfort, Efficiency, Dynamic e Individual.

Passiamo infine a parlare dei freni. Di serie è previsto un impianto con quattro dischi in acciaio, ma a richiesta si può avere un ben più performante e sportivo impianto carboceramico, con superfici d’attrito anteriori da 420 mm di diametro e pinze fisse a dieci pistoncini.

Audi e-tron GT quattro: prezzi e disponibilità

L’Audi e-tron GT quattro sarà disponibile a partire dalla primavera. Il prezzo? Non sono stati rilasciati i listini per l’Italia, ma in Germania si partirà da una base di 99.800 euro. È quindi presumibile che in Italia il prezzo di partenza sarà superiore ai 100.000 euro.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento