SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Nuova Fiat 500 elettrica: dopo la cabrio arriva anche la berlina

Dopo la cabriolet, la Casa del Lingotto ha svelato la versione chiusa della sua iconica citycar, giunta alla terza generazione e alimentata solo ad elettroni

La Nuova Fiat 500 elettrica, già presentata a inizio marzo in versione cabriolet, è stata svelata anche nella più classica variante chiusa. Che cosa cambia? A livello meccanico non troviamo differenze, ma il prezzo è lievemente più basso: di listino infatti costa 34.900 euro nella versione La Prima, contro i 37.900 euro richiesti per la variante cabriolet. Compresa nel prezzo vi è la wallbox per effettuare la ricarica del veicolo, la cui potenza massima erogabile è di 2,3 kW; inoltre si può preordinare sul sito della Fiat senza versare alcun anticipo. Il prezzo può eventualmente scendere se sono applicabili degli ecoincentivi.

La Nuova Fiat 500 elettrica, a differenza della generazione che debuttò nell’ormai lontano 2007, sarà prodotta nuovamente in Italia nello stabilimento di Mirafiori (prima veniva prodotta a Tichy, in Polonia).

Nuova Fiat 500 elettrica

Nuova Fiat 500: è sempre lei, ma decisamente più moderna

Per la Fiat 500 elettrica, almeno per quanto riguarda l’aspetto esteriore, la Casa torinese ha adottato la stessa strategia che Porsche adotta da anni con la sua 911, ossia si mantengono gli stessi stilemi ammodernandoli di generazione in generazione. Quindi abbiamo una vettura che è inconfondibilmente una Fiat 500, ma che ha fatto allo stesso tempo un salto nel futuro: ce ne accorgiamo da diversi dettagli, come le maniglie a scomparsa integrate nella carrozzeria o i fari anteriori, circolari ma reinterpretati e dotati di tecnologia led. Il doppio baffo è stato anch’esso reinterpretato, con la scritta 500 che ora appare in bella vista al posto del tradizionale logo Fiat.

Nuova Fiat 500 elettrica berlina 2020

La Fiat 500 elettrica berlina che vedete nelle foto è una versione “La Prima”: è una versione di lancio praticamente full optional, e si riconosce da vari dettagli, quali l’ampio tetto in vetro e le diffuse cromature, come quella che percorre tutta la fiancata dal cofano anteriore fino ai fanali posteriori e quella che avvolge le cornici della vetratura laterale.

Cosa cambia dietro? Prima di tutto c’è il portellone e non più il piccolo sportello della versione cabriolet, cosa che rende più agevoli le operazioni di carico e scarico. Inoltre lo spoiler è più pronunciato.

Piattaforma nuova per il powertrain elettrico

Per la Nuova Fiat 500 elettrica è stata studiata una piattaforma ex novo, pensata appositamente per ospitare un powertrain elettrico. In conseguenza dell’adozione di una piattaforma nuova, variano leggermente le dimensioni: la lunghezza e la larghezza aumentano di 6 cm ciascuna, arrivando rispettivamente a 3,61 m e 1,69 m; il passo cresce di 3 cm, ammontando a 2,32 m.

Il motore della Nuova Fiat 500 elettrica fornisce una potenza di 87 kW, equivalenti a 118 CV. È alimentato da una batteria agli ioni di litio avente una capacità di 42 kWhFiat dichiara un’autonomia di 320 km (secondo il ciclo Wltp).

La Nuova Fiat 500 elettrica è in grado di scattare da 0 a 50 km/h in 3,1 secondi e di raggiungere i 100 km/h in 9 secondi, mentre la velocità massima è di 150 km/h (autolimitata).

Il guidatore ha tre diverse modalità di guida a disposizione, a seconda delle sue esigenze:

  • Normal: con questa modalità si guida la 500 come una vettura convenzionale.
  • Range: se si decide di utilizzare questa modalità non sarà necessario nella maggior parte dei casi ricorrere al pedale del freno perché vengono potenziate la frenata rigenerativa che l’effetto del freno motore.
  • Sherpa: questa si potrebbe equiparare alle modalità di risparmio energetico presenti nei dispositivi elettronici. Si può inserire infatti qualora sia necessario arrivare ad una colonnina di ricarica spendendo il minor quantitativo possibile di energia. Di default in questa modalità vengono disattivati servizi come il climatizzatore e i sedili riscaldabili.

Interni: iniezione di elettronica

Gli interni della Nuova Fiat 500 elettrica sono stati totalmente ripensati, e sono del tutto diversi rispetto a quelli della generazione del 2007, che tradiva la sua parentela con la Panda (e gli annessi compromessi):

Come potete vedere dalle due immagini comparative (in alto la vecchia 500, in basso la nuova 500) cambia totalmente l’impostazione della plancia: scompare la parte di consolle rialzata che integra la leva del cambio e i pulsanti degli alzavetri, con la prima che scompare e i secondi che si trovano adesso in posizione più convenzionale sui pannelli porta. Notare poi lo spostamento in basso delle bocchette centrali del climatizzatore per far posto a un nuovo schermo dell’impianto multimediale Uconntect 5 da 10,25 pollici.

La dotazione della Fiat 500 elettrica La Prima

L’equipaggiamento è molto ricco e comprende dettagli estetici come gli inserti cromati per la fiancata e le cornici dei finestrini, il badge 1 di 500, la selleria in ecopelle e i cerchi di lega da 17″ diamantati. Sono presenti inoltre il cruscotto digitale da 7″, lo schermo dello Uconnect 5 da 10,25″ e il caricatore da 85 kW.

Fa parte della dotazione di serie anche una nutrita schiera di Adas, che permettono alla 500 elettrica di sfoggiare un livello 2 di guida autonoma: cruise control adattivo con riconoscimento di pedoni e ciclisti, sistema di mantenimento della traiettoria, frenata automatica di emergenza, Attention Assist ed Urban Blind Spot con i sensori ultrasonici. Sotto la velocità di 20 km/h la 500 emette un suono acustico per avvertire i pedoni, ed è niente di meno che la colonna sonora del film Amarcord di Federico Fellini composta da Nino Rota.

Le colorazioni disponibili sono tre: Mineral Grey, Ocean Green e Celestial Blue.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Mattia Martishttps://vehiclecue.it
Mi chiamo Mattia, e studio ingegneria meccanica presso l'Università degli studi di Cagliari. Mi appassionano in generale tutti i mezzi di trasporto e in particolare le automobili.