SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Tourist Trophy Isola di Man: adrenalina allo stato puro (parte 1)

Ecco la storia e alcune curiosità legate al Tourist Trophy, la gara motociclistica più adrenalinica di sempre!!!

Il Tourist Trophy si corre sull’isola di Man(mar d’Irlanda). Purtroppo l’edizione 2020 che si doveva disputare dal 31 maggio al 13 giugno è stata annullata a causa dell’emergenza COVID19. E’ comunque prevista l’edizione virtuale, che prenderà il via dal 6 al 13 giugno suddivisa in quattro gare virtuali che compongono l’evento, tutte svolte sul gioco TT Isle of Man: Ride on The Edge 2. Al via ci saranno 8 piloti, affiancati da altrettanti specialisti degli e-sport, che verranno divisi in squadre che si sfideranno durante tutta la settimana. La finale si svolgerà il 12 giugno alle 20:15. Inoltre, gli organizzatori del TT hanno previsto tanti contenuti extra disponibili sul sito ufficiale, come documentari, interviste, film e approfondimenti tecnici. Tutti totalmente gratuiti.

Tourist Trophy isola di Man Mountain Circuit
Mountain Circuit TT isola di Man

 E’ una competizione motociclistica che si effettua ogni anno, ormai da più di un secolo. Si gareggia sul circuito cittadino denominato Mountain Circuit. Il tracciato conta più di 200 curve e misura 37,73 miglia che equivalgono a 60,720 Km anche se, per tradizione, vengono dichiarati 60,606 Km (entrambi i numeri sono palindromi e quest’ultimo contiene tre volte il numero 6). I piloti percorrono centri abitati districandosi tra marciapiedi, muretti, steccati, pali della luce, tombini e salti ad alta velocità. A complicare ulteriormente le cose, oltre a tratti montuosi, pianeggianti e costieri caratterizzati da un manto stradale irregolare, ci sono anche le condizioni meteorologiche, le quali possono variare da punto a punto, cosa che rende la corsa ancora più imprevedibile. 

Mountain circuit
Mountain Circuit

Il Tourist Trophy sull’isola di Man, è sicuramente il circuito più adrenalinico del panorama sportivo motociclistico mondiale,  dove un solo errore potrebbe risultare fatale. Ma è una tappa obbligata per i motociclisti più audaci, forse incoscienti ma sicuramente sprezzanti del pericolo. Tutti i Centauri sognano di  fare questo percorso almeno una volta nella vita.

La storia

La Auto-Cycle Union (equivalente britannica della FIM italiana) organizza la prima gara motociclistica del Tourist Trophy sull’isola di Man nel 1907. Inizialmente  il tracciato è il ”St. John’s Short Course” più corto di quello attuale. A questa competizione possono partecipare solo le ”moto da turismo” (in inglese touring motorcycles), ovvero quelle motociclette che derivano strettamente da quelle prodotte in serie e disponibili per il pubblico. Il nome originario era ”Auto-Cycle Tourist Trophy”, oggi chiamato semplicemente Tourist Trophy o TT.

Dal 1911 si corre sul Mountain Circuit, e prevedeva inizialmente due categorie. La Junior TT ,riservata alle monocilindriche da 300 cc e alle bicilindriche fino a 340 cc. La Senior TT , riservata a monocilindriche fino a 500 cc e alle bicilindriche fino a 585 cc.

TT vintage
Tourist Trophy vintage

A partire dagli anni 70 i Team e i piloti iniziano a boicottare la gara poiché ritenuta troppo pericolosa. L’isola di Man rimane comunque una tappa fissa del Motomondiale fino al 1976. L’anno successivo nasce il Campionato del Mondo Formula TT, dedicato alle derivate di serie. Per ridurne la pericolosità, gli organizzatori limitarono le cilindrate massime da 1000cc a 750cc. Le moto rimangono comunque più potenti di quelle che correvano nel Motomondiale.

Negli anni ’80 l’interesse verso questo campionato cresce così tanto, che il calendario si allarga ad altre tappe, comprendendo circuiti quali Ulster, Assen, Kouvola, Imatra, Brno, Donington, Montjuïc, Pergusa, Sugo, Zolder, Hockenheim, Hungaroring e Misano Adriatico. Nel 1988 nasce il Campionato Mondiale di Superbike, e il suo successo decreta nel 1990 la fine per la Formula TT. Da quell’anno in poi, il Tourist Trophy viene considerato come un Evento a se stante, poiché non legato a nessun tipo di campionato.

Come si svolge la gara del Tourist Trophy sull’isola di Man

L’evento dura in totale 2 settimane. Consiste in una gara a cronometro. La prima settimana è dedicata alle prove. Siccome si tratta di strade normalmente aperte al traffico il programma prevede che esse si svolgano al mattino presto oppure nel tardo pomeriggio, questo per creare il minor disturbo possibile al traffico dell’isola. Infatti, le prove, sono sempre molto affollate sia dai piloti esperti che dai newcomers (ossia chi partecipa per la prima volta). Per renderli riconoscibili ai piloti più esperti, essi  vengono dotati di un pettorale arancione. Inoltre godono di un bonus di 90 secondi oltre il tempo massimo ammesso per le qualificazioni, ma se si qualificano senza ricorrere a questo supplemento hanno diritto a non indossare il pettorale perché considerati abbastanza esperti. Durante le prove i piloti prendono il via a due alla volta, ogni coppia a distanza di 10 secondi l’una dall’altra.

Pilota in azione TT edizione 2018

La seconda settimana è dedicata alla competizione vera e propria. Le gare si svolgono a giorni alterni, per effettuare eventuali recuperi causati dal mal tempo. Ciascuna di esse, consiste in una prova a tempo effettuata singolarmente da ciascun pilota iscritto, con un intervallo di 10 secondi l’uno dall’altro. Quindi ogni pilota deve percorrere nel minor tempo possibile i circa 60 chilometri del circuito, per un numero di giri variabile in base alla categoria. Questo fa si che la classifica venga stilata solo alla fine della gara. Infatti, molti piloti hanno dovuto attendere sino a che l’ultimo concorrente non avesse tagliato il traguardo per conoscere la loro effettiva posizione nella classifica ufficiale, anche perché nella formazione della griglia di partenza non si tiene conto dei tempi conseguiti in prova ma si segue un ordinamento casuale.

Le categorie attuali

  • SUPERBIKE / SENIOR: queste motociclette sono generalmente derivate da modelli di produzione standard e sono sia veloci che potenti. Motori da 1000cc con oltre 200 CV. I team sono autorizzati a migliorare le prestazioni, tuttavia con regole che consentono vari livelli di messa a punto del motore e miglioramenti del telaio.
  • SIDECAR: sono una categoria con telaio appositamente costruito, che deve più al design per le corse automobilistiche che motociclistiche. Pilotato da un guidatore e un passeggero, essi sono alimentati da motori motociclistici Supersport da 600cc ad alta velocità.
Sidecar TT
Sidecar TT
  • SUPERSPORT: questa classe comprende un mix di motociclette sportive da 600cc a quattro cilindri e 675cc a tre cilindri. Possono generare fino a 130CV.
  • SUPERSTOCK:  motociclette sportive di produzione da 1000cc. Trattasi di moto molto vicine a quelle acquistabili negli showroom. Tuttavia, modifiche limitate sono consentite per motivi di sicurezza, ma il motore, il telaio e l’elettronica rimangono di serie.
  • LIGHTWHEIGHT: Questa classe presenta moto bicilindriche da 650cc derivate da motociclette da strada di peso medio trasformate dagli ingegneri con ampi adattamenti prestazionali per le sfide del TT. Questa categoria, sono la più recente aggiunta al TT, con circa 90CV di potenza.
  • TT ZERO: è riservata a motociclette prototipo da competizione in cui “la concezione tecnica prevede la propulsione senza carburanti di origine fossile e senza emissioni tossiche o nocive” non sono previste per l’edizione 2020 e 2021.

Non perderti la seconda parte dell’articolo.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Angelo Lancierihttps://vehiclecue.it
Di origine Lucana, studente presso il politecnico di Bari, appassionato di ingegneria meccanismi e motori. Amo lo sport, in particolare MTB, "De' remi facemmo ali".