Home » Stage 9 Dakar 2022: De Villiers al comando di una tripletta Toyota, Cornejo vince con le moto

Stage 9 Dakar 2022: De Villiers al comando di una tripletta Toyota, Cornejo vince con le moto

Toyota piazza le sue auto nelle prime tre posizioni. Nelle moto cambia ancora la classifica

Categorie Motorsport

Dopo 2 tappe con speciali lunghe circa 400 chilometri, la Stage 9 è stata più corta (al di sotto dei 300 km). La tappa di oggi prevedeva un giro intorno a Wadi Ad-Dawasir verso la provincia di Aseer e il tracciato lungo i canyon attraversavano l’altopiano di Wajid. La speciale di 287 km (287 sono solo i chilometri cronometrati, mentre il totale era di 490 km) è salita ad altitudini comprese tra 800 e 1.200 metri con più della metà su sabbia e il 14% su dune. Alcuni piloti speravano di sfruttare questa tappa per riorganizzarsi prima delle tappe 10 e 11, seguite da un possibile sprint finale venerdì 14 gennaio. Tuttavia, non si sono verificati errori di navigazione importanti nelle gare motociclistiche o automobilistiche e la carovana è tornata al bivacco senza grandi modifiche.

La Stage 9 ha visto le tre Toyota dominare nella categoria “Auto” portando i veicoli giapponesi in prima, seconda e terza posizione. Al comando della giornata troviamo De Villiers, mentre Al-Attiyah si è dovuto accontentare del terzo posto. Per le moto, invece, la classifica generale è cambiata nuovamente, per il terzo giorno di fila. A vincere la tappa con le due ruote è stato Cornejo, reduce da un’altra vittoria segnata proprio due giorni fa. Con il tempo registrato oggi, è passato dalla 12esima all’ottava posizione in classifica generale.

Jose Ignacio Cornejo Florimo - Crediti foto: A.S.O./F.Le Floc'h/DPPI
Jose Ignacio Cornejo Florimo – Crediti foto: A.S.O./F.Le Floc’h/DPPI

Stage 9 Dakar 2022: la sintesi della giornata

Come apertura di giornata, Sam Sunderland ha sofferto leggermente. Ciò è bastato per concedere il posto di leader della classifica generale a Matthias Walkner di 2’12”. Adrien Van Beveren ha mantenuto il 3° posto, ma ora possiede solo un margine di 45” su Pablo Quintanilla. Kevin Benavides non sembra rassegnato ad accettare il 5° posto, a 10 minuti dal nuovo leader. Nella categoria auto i distacchi generano molta meno incertezza perché Nasser Al-Attiyah ha guadagnato un altro minuto su Sébastien Loeb (2° posto a 39’05” nella classifica generale), anche se non è riuscito a strappare la vittoria sulla speciale della giornata, finendo dietro ai suoi due compagni di squadra sudafricani della Toyota, Giniel De Villiers e Henk Lategan.

Nella classe T3, dove regna una situazione un po’ sottosopra, la gerarchia di gara sembra paradossalmente ancora più stabile: il leader del team South Racing “Chaleco” López sta arrancando verso il titolo con un vantaggio di 1 ora e 20 minuti sulla Can-Am del compagno di squadra Sebastian Eriksson, mentre il collezionista di successi di tappa Seth Quintero corre sotto lo stress di fallire, eguagliare o riuscire a battere il record di 10 vittorie in una stessa edizione della Dakar. Anche con South Racing, Austin Jones può ugualmente rivendicare la vittoria assoluta, ma il suo vantaggio di 13’47” su Gerard Farrés non è un vantaggio rassicurante. Il terzo posto è occupato dal più giovane dei fratelli Gozcał, Michał, che segue il leader di 16’27”.

Carlos Sainz - Crediti foto: A.S.O./C. Lopez
Carlos Sainz – Crediti foto: A.S.O./C. Lopez

La categoria “Auto” non aveva assistito a un podio addobbato con la stessa livrea sulle prime nove speciali disputate nel 2022. Tuttavia, oggi le Toyota Hiluxes hanno raggiunto questa impresa, mostrando, con la loro ricchezza di vincitori, l’intera gamma di talenti che il team può vantare nel suo insieme. Partito dal gradino più basso del podio di giornata, tre volte vincitore della Dakar e con 44 speciali al suo attivo, Nasser Al-Attiyah non ha più bisogno di presentazioni.

Di conseguenza, non avrà avuto motivo di amareggiarsi nel vedere Henk Lategan, trionfante in una speciale durante la prima settimana, finire prima di lui e di certo non si sarebbe pentito di assistere alla vittoria del suo vecchio complice Giniel De Villiers , che ha iniziato la sua carriera alla Dakar un anno prima di lui nel gennaio 2003. Da allora, De Villiers ha assaporato la vittoria assoluta alla prima edizione sudamericana nel 2009, ma, altrettanto impressionante, ha anche partecipato a 18 Dakar consecutive senza un solo prematuro ritiro dalla competizione.

Tuttavia, quest’anno tutto è iniziato male per il sudafricano, che è stato quasi costretto a rimanere a casa a causa del Covid-19 e poi ha trascorso due giorni sotto il peso di una penalità di 5 ore, che è stata infine revocata dopo un indagine approfondita. Tuttavia, il pilota non ha mai perso la calma, è riuscito a rimanere concentrato e ha vinto oggi con 9 secondi di vantaggio per conquistare la 18a speciale della sua carriera. Allo stesso tempo, è anche salito al 5° posto nella classifica generale e può anche iniziare ad avere progetti dal 4° posto occupato da Terranova. Salvo spiacevoli sorprese, piuttosto incoerenti con il suo temperamento, De Villiers si appresta a completare la Dakar nella top 10 della categoria auto per la 18a volta.

L’ordine di arrivo della giornata

Di seguito riportiamo la top ten dell’ordine di arrivo della categoria “Auto”.

POS.DRIVE-TEAMTEAMTEMPODISTACCO
1207(ZAF) GINIEL DE VILLIERS
(ZAF) DENNIS MURPHY
TOYOTA GAZOO RACING02H23’08”
2225(ZAF) HENK LATEGAN
(ZAF) BRETT CUMMINGS
TOYOTA GAZOO RACING02H23’17”+ 00H00’09”
3201(QAT) NASSER AL-ATTIYAH
(AND) MATTHIEU BAUMEL
TOYOTA GAZOO RACING02H24’12”+ 00H01’04”
4224(SWE) MATTIAS EKSTROM
(SWE) EMIL BERGKVIST
TEAM AUDI SPORT02H25’15”+ 00H02’07”
5211(FRA) SEBASTIEN LOEB
(BEL) FABIAN LURQUIN
BAHRAIN RAID XTREME02H25’19”+ 00H02’11”
6202(ESP) CARLOS SAINZ
(ESP) LUCAS CRUZ
TEAM AUDI SPORT02H25’56”+ 00H02’48”
7212(FRA) MATHIEU SERRADORI
(FRA) LOIC MINAUDIER
SRT RACING02H26’23”+ 00H03’15”
8200(FRA) STÉPHANE PETERHANSEL
(FRA) EDOUARD BOULANGER
TEAM AUDI SPORT02H26’53”+ 00H03’45”
9230(ZAF) BRIAN BARAGWANATH
(ZAF) LEONARD CREMER
CENTURY RACING02H27’11”+ 00H04’03”
10204(ESP) NANI ROMA
(ESP) ALEX HARO BRAVO
BAHRAIN RAID XTREME02H27’27”+ 00H04’19”

Qui sotto, invece, riportiamo la top ten della Stage 9 della categoria “Moto”.

POS.DRIVE-TEAMTEAMTEMPODISTACCO
111(CHL) JOSE IGNACIO CORNEJO FLORIMOMONSTER ENERGY HONDA02H29’30”
21(ARG) KEVIN BENAVIDESRED BULL KTM FACTORY RACING02H30’56”+ 00H01’26”
32(USA) RICKY BRABECMONSTER ENERGY HONDA02H31’17”+ 00H01’47”
452(AUT) MATTHIAS WALKNERRED BULL KTM FACTORY RACING02H31’36”+ 00H02’06”
588(ESP) JOAN BARREDA BORTMONSTER ENERGY HONDA02H31’40”+ 00H02’10”
629(USA) ANDREW SHORTMONSTER ENERGY YAMAHA RALLY TEAM02H33’26”+ 00H03’56”
777(ARG) LUCIANO BENAVIDESHUSQVARNA FACTORY RACING02H33’51”+ 00H04’21”
87(CHL) PABLO QUINTANILLAMONSTER ENERGY HONDA02H34’32”+ 00H05’02”
942(FRA) ADRIEN VAN BEVERENMONSTER ENERGY YAMAHA RALLY TEAM02H34’34”+ 00H05’04”
1022(POL) MACIEJ GIEMZAORLEN TEAM02H36’10”+ 00H06’40”

FONTI VERIFICATE

Ufficio stampa Dakar

Lascia un commento